Iuliu Hossu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Iuliu Hossu
cardinale di Santa Romana Chiesa
Episcopul Iuliu.jpg
Il cardinale Iuliu Hossu.
Template-Cardinal (Bishop).svg
Credinţa noastră este viaţa noastră
 
Incarichi ricoperti
 
Nato30 gennaio 1885, Milașul Mare
Ordinato presbitero27 marzo 1910 dall'eparca Vasile Hossu
Consacrato eparca4 dicembre 1917 dall'arcieparca Victor Mihályi de Apsia
Creato cardinale28 aprile 1969 da papa Paolo VI
Pubblicato cardinalepostumo il 5 marzo 1973 da papa Paolo VI
Deceduto28 maggio 1970, Bucarest
 

Iuliu Hossu (Milașul Mare, 30 gennaio 1885Bucarest, 28 maggio 1970) è stato un cardinale e vescovo cattolico romeno.

Fu creato cardinale in pectore da papa Paolo VI nel 1969 in quanto vittima delle persecuzioni del regime comunista.[1] La sua promozione venne pubblicata solo nel 1973, dopo la sua morte. Le autorità comuniste lo avevano arrestato il 28 ottobre 1948. Dal 1950 al 1955 fu detenuto come prigioniero politico nel carcere di Sighetu Marmației. Trascorse il resto della sua vita agli arresti domiciliari.[2][3]

È considerato morto nell'odio per la sua fede cristiana e la sua causa di canonizzazione - così come quella degli altri sei vescovi greco-cattolici - è aperta. Ha il titolo di Servo di Dio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iuliu Hossu nacque a Milașul Mare, oggi Milaş, all'epoca nell'Impero austro-ungarico. Era figlio di Ioan Hossu (1856 - ?), un sacerdote greco-cattolico, e Victoria Măriuţiu. I suoi fratelli furono Vasile (avvocato), Traian (medico) e Ioan (ingegnere). I suoi nonni paterni erano Vasile Hossu (1831 - 1989) e Maria Sebeni. Suo cugino paterno era Iustin Hossu.[2] Un suo nipote era Stefan Hossu. Le sue zie paterne erano Alecsa e Nicolae Hossu (1859 - 1914). Il suo bisnonno era Iosif Hossu (1822 - 1846). Alcuni suoi antenati noti sono Nicolae (1768 - 1841) e Petre (segnalato nel 1525 circa).

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Studiò alla scuola ecclesiastica di Cluj e successivamente a Budapest. Compì gli studi di primo grado presso una scuola cattolica romana a Târgu Mureș, mentre per la quinta e l'ottava classe frequentò il Liceo San Basilio di Blaj.[2] Studiò anche presso l'Università di Vienna e successivamente presso il Pontificio Ateneo de Propaganda Fide di Roma, dove conseguì il dottorato in studi filosofici nel 1906 e in studi teologici nel 1908.

Il 27 marzo 1910 fu ordinato presbitero per l'arcieparchia di Făgăraș e Alba Iulia da suo zio Vasile Hossu, eparca di Lugoj. Dal 1910 al 1911 compì ulteriori. Dal 1911 al 1914 fu protocollista, archivista, bibliotecario e, più tardi, vicario e segretario di monsignor Vasile Hossu. Divenne amico del primo ministro István Tisza.[2] Nel 1914, l'anno di inizio della prima guerra mondiale, ai vescovi della Chiesa greco-cattolica rumena venne chiesto dalle autorità di giurare fedeltà all'Impero austro-ungarico per evitare che fossero considerati influenzati dalle ideologie panslaviste.[4] Nel mese di agosto nel 1914, nella città di Lugoj, cominciò a organizzare degli aiuti per le famiglie dei soldati dispiegati nell'erigenda 7ª armata austro-ungarica.

In seguito, tra il 1914 e il 1917, prestò servizio come cappellano dei soldati rumeni nelle forze armate austro-ungariche. I suoi fratelli Vasile e Traian furono mobilitati come soldati durante la guerra mentre suo fratello Ioan venne nominato ufficiale ferroviario nella stazione di Oradea.[5] Suo cugino Iustin combatté e morì sul fronte serbo.[6] Fu la morte di suo cugino che lo spinse a divenire come cappellano.[6] Nel dicembre del 1914 partì da Timișoara alla volta di Vienna con il grado di luogotenente insieme al 64º reggimento di fanteria che sarebbe stato distaccato nella guardia del capitale imperiale. Questo reggimento aveva quattro cappellani ortodossi e quattro greco-cattolici. A Vienna fornì assistenza spirituale sia ai funzionari di sicurezza che sorvegliavano il castello di Schönbrunn che ai guardiani dei campi di prigionia.[7]

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 aprile 1917 da papa Benedetto XV lo nominò eparca di Gherla, Armenopoli, Szamos-Ujvár dei Romeni. La sua nomina era stata suggerita dall'imperatore Carlo I d'Austria il 3 marzo.[3] Ricevette l'ordinazione episcopale il 4 dicembre successivo dall'arcieparca metropolita di Făgăraș e Alba Iulia Victor Mihaly de Apșa, coconsacranti l'eparca di Gran Varadino dei Rumeni Demetriu Radu e quello di Lugoj Valeriu Traian Frențiu.

Il 1º dicembre 1918 ebbe l'incarico da parte del Gran consiglio nazionale rumeno di leggere alle folle riunite nella Grande assemblea nazionale ad Alba Iulia la proclamazione dell'unione della Transilvania con il Regno di Romania. In quell'occasione abbracciò il vescovo ortodosso Miron Cristea, futuro patriarca della Chiesa ortodossa rumena. I due vescovi, insieme ad altri due leader della Transilvania, Alexandru Vaida-Voievod e Vasile Goldiş, avevano formulato la Dichiarazione d'Unità di Alba Iulia. Tale dichiarazione fu poi consegnata al re Ferdinando I di Romania.

Fu anche senatore del Regno. In questa sede difese la sovranità e l'integrità del paese contro il revisionismo del tempo. Nel dicembre del 1932, in una riunione popolare alla quale parteciparono circa 30000 persone tenutasi nella piazza centrale di Cluj-Napoca, si dichiarò contrario alla revisione dei confini nazionali. Fu anche membro onorario dell'Accademia rumena.

Il 5 giugno 1930 assunse il titolo di eparca di Cluj-Gherla. Tale cambiamento di titolo è dovuto al fatto che la sede dell'eparchia venne trasferita da Gherla a Cluj-Napoca. La cattedrale della Vergine Maria a Gherla rimase concattedrale dell'eparchia. Nel vecchio palazzo episcopale, la Casa di Karácsonyi a Gherla, oggi un museo municipale, monsignor Hossu collocò la scuola per insegnati greco-cattolici, che venne poi abolita dalle autorità comuniste. La residenza episcopale venne trasferita a Cluj in un edificio situato in via Moţi n. 26-28. Anche per sua cura la cattedrale della Trasfigurazione del Signore a Cluj-Napoca venne dotata di un'iconostasi.

Dal 19 luglio 1930 al 31 gennaio 1931 fu amministratore apostolico di Maramureș.[3][2] Il 16 settembre 1936 papa Pio XI lo nominò assistente al Soglio Pontificio. Dal 29 agosto 1941 al 1947 fu amministratore apostolico di Gran Varadino dei Romeni in quanto l'ordinario, monsignor Valeriu Traian Frențiu, era stato chiamato a ricoprire l'ufficio di amministratore apostolico di Făgăraș e Alba Iulia.[8][9]

Tra il 1940 e il 1944, quando la Transilvania settentrionale passò sotto l'amministrazione ungherese, ai sensi del secondo arbitrato di Vienna, monsignor Hossu rimase a Cluj-Napoca.

Nel 1948 il nuovo regime comunista mise fuori legge la Chiesa greco-cattolica rumena. A monsignor Hossu fu chiesto di passare all'Ortodossia ma rifiutò.[10].[11] Il 1º ottobre 1948 emise un decreto di scomunica rivolto ai partecipanti all'assemblea di Cluj-Napoca dei 36 preti cattolici greci che avrebbero deciso di rompere l'unione della Chiesa greco-cattolica rumena con la Santa Sede.

Per la sua opposizione al nuovo regime comunista, fu costretto a fuggire dalla sua diocesi ma il 28 ottobre 1948 venne arrestato. Venne portato nel carcere di Jilava e poi nella villa patriarcale di Dragoslavele, trasformata in luogo di prigionia per il clero greco-cattolico. Sia le autorità comuniste che la leadership della Chiesa ortodossa rumena, rappresentata dal patriarca Justinian Marina, gli offrirono personalmente di divenire metropolita ortodosso della Moldavia in cambio della rinuncia alla fede cattolica e al legame con Roma. Rifiutandosi nuovamente di passare all'Ortodossia, monsignor Hossu fu trasferito per la prima volta al monastero Căldărușani a Gruiu, vicino Bucarest, e nel 1950 al penitenziario di Sighetu Marmației. Nel 1955 fu portato a Curtea de Argeş e nel 1956 al monastero di Ciorogârla.

Dopo che ebbero celebrato la liturgia greco-cattolica nella chiesa degli scolopi a Cluj-Napoca il 12 agosto 1956, i tre vescovi greco-cattolici ancora vivi furono dispersi da Ciorogârla. Durante il suo domicilio forzato nel monastero di Ciorogârla, monsignor Hossu venne regolarmente visitato dai gerarchi ortodossi, tra cui il patriarca Justinian Marina, Teoctist Arăpasu e Gherasim Cristea.[12]

Monsignor Hossu venne infine trasferito nuovamente nel monastero Căldărușani a Gruiu dove rimase sottoposto alla residenza obbligatoria fino alla fine della sua vita.[11] Secondo le memorie del sacerdote greco-cattolico Ioan Mitrofan, Andrei Andreicut visitò il cardinale Iuliu Hossu al Căldăruşani.[13]

Il 22 febbraio 1969 papa Paolo VI ricevette in udienza privata monsignor Hieronymus Menges. Quest'ultimo chiese al pontefice di fare qualcosa che incoraggiasse i fedeli rumeni. Il papa gli chiese consigli su ciò che poteva fare. Menges raccomandò al papa di creare cardinali sia monsignor Áron Márton che monsignor Hossu e di concedere a diversi sacerdoti il titolo di monsignore. Il papa acconsentì e incaricò l'allora arcivescovo Agostino Casaroli di vedere se fosse accettabile per il governo rumeno. Casaroli inviò il suo aiutante per incontrare il ministro della cultura a Bucarest e chiedergli se la doppia nomina sarebbe stata accolta favorevolmente. Il ministro assicurò all'aiutante che la nomina di monsignor Márton sarebbe stata per loro accettabile, ma che quella di monsignor Hossu era una scelta inaccettabile. Monsignor Márton rifiutò la nomina a cardinale in quanto il governo aveva negato la porpora a monsignor Hossu.[1] Il papa riuscì però a eludere il governo: nominò monsignor Hossu cardinale in pectore ma non nominò mai cardinale monsignor Márton.[1]

Morì nell'ospedale Colentina di Bucarest alle 9 del 28 maggio 1970 con il vescovo Alexandru Todea al suo fianco. Le sue ultime parole furono: "La mia lotta finisce, la tua continua". Fu sepolto in una tomba provvisoria nel cimitero di Bellu a Bucarest. Il 7 dicembre 1982 le sue spoglie furono esumate e trasferite in una nuova tomba nello stesso cimitero.[14][3][15][16]

Nel concistoro del 5 marzo 1973 papa Paolo VI pubblicò la sua creazione a cardinale.

Processo di beatificazione[modifica | modifica wikitesto]

Il processo di beatificazione iniziò il 28 gennaio 1997 con la dichiarazione di nihil obstat alla causa. Tale atto gli concesse il titolo di Servo di Dio. Il processo eparchiale approfondì la sua vita - e quella degli altri sei vescovi greco-cattolici perseguitati dal regime comunista - attraverso la raccolta di documentazione e testimonianze. Questo processo si svolse dal 16 gennaio 1997 al 10 marzo 2009. Alla fine di questo processo locale le conclusioni vennero inviate alla Congregazione delle cause dei santi a Roma che convalidò il processo il 18 febbraio 2011. Il 27 maggio dell'anno successivo venne nominato un relatore per aiutare il postulatore a redigere la positio. Nell'aprile del 2018 la positio venne consegnata alla Congregazione delle cause dei santi.

Ci sono state notizie che una visita papale in Romania è prevista per la fine del 2018 e si dice che nell'occasione papa Francesco presiederà la beatificazione di monsignor Hossu e degli altri sei vescovi greco-cattolici.

L'attuale postulatore per questa causa di beatificazione congiunta è padre Vasile Man. L'attuale relatore della causa è il frate francescano conventuale Zdzisław Kijas.

Numismatica[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 marzo 2015 la Banca nazionale della Romania mise in circolazione una moneta d'argento dal valore nominale di dieci lei in occasione del "130º anniversario della nascita di Iuliu Hossu".[17] La moneta è rotonda, ha un diametro di 37 mm, un peso di 31,103 g con il bordo seghettato. La tiratura della moneta è di 250 esemplari con prove di qualità.[17] È in argento 999 ‰.[17]

Ogni esemplare, confezionato in una capsula trasparente in metacrilato,[17] è accompagnata da un certificato di autenticità e da una breve presentazione sulla vita e sull'attività del cardinale nelle lingue rumena, inglese e francese.[17]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Allocuzione del Santo Padre Paolo VI durante il Concistoro segreto - 5 marzo 1973, Libreria Editrice Vaticana. URL consultato il 1º maggio 2018.
  2. ^ a b c d e Servant of God Iuliu Hossu, Santi e Beati. URL consultato il 7 agosto 2017.
  3. ^ a b c d Iuliu Hossu, Find a Grave, 7 dicembre 2015. URL consultato il 7 agosto 2017.
  4. ^ Drapelul, nr. 82 del 6 agosto 1914, cu pastoralele ep. Vasile Hossu și Miron Cristea; nr. 83 din 8 aug. 1914, cu pastorala ep. Valeriu Traian Frențiu; nr. 84, din 11 aug. 1914, cu pastoralele ep. Demetriu Radu, Ioan Papp și cea a mitr. Ioan Mețianu.
  5. ^ Cum au confiscat autoritățile române locomotiva unirii, România Liberă, 19 novembre 2010 (consultato il 20 gennaio 2013).
  6. ^ a b Valer Hossu, op. cit., pag. 13.
  7. ^ Dorin Petresc, Ioan Lăzărescu, Istoria regimentului cezar și regesc nr. 64 Orăștie, Deva 2004, pag. 55-59; 182-183.
  8. ^ Le Petit Episcopologe, Issue 121
  9. ^ Le Petit Episcopologe, Issue 155, Ergänzungen / Korrekturen
  10. ^ [Sergiu Grosu, ordeal Christian Romania ("ABC Literary Talk & DAVA, 1992), p. 36.]
  11. ^ a b Sergiu Grossu, Calvarul României Creștine, ("Convorbiri Literare & ABC DAVA, 1992), p. 36.
  12. ^ romanialibera.do
  13. ^ [Ioan Mitrofan, Memories That Hail Us, Buna Vestire Publishing, Blaj, 2002, p. 77.]
  14. ^ (EN) Iuliu Hossu, su findagrave.com. URL consultato il 29 aprile 2018.
  15. ^ Sylvester Augustinus, Clemente Prunduș Plăianu: Katholizismus und Orthodoxie Rumänisch – kurze Geschichte der rumänischen Kirche. Christian Life Publishing House, Cluj-Napoca 1994
  16. ^ Sylvester Augustinus, Clemente Prunduș Plăianu: Die 12 Märtyrer Bischöfe. Verlag „Der Christ Life“, Cluj-Napoca 1998
  17. ^ a b c d e BNR: Emisiune numismatică dedicată aniversării a 130 de ani de la nașterea lui Iuliu Hossu

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Valer Hossu, Vestitorul Sionului Românesc, Editura "Galaxia Gutenberg", 2011. ISBN 978-973-141-350-1.
  • Ioan M. Bota, Istoria Bisericii universale și a Bisericii românești de la origini până în zilele noastre, Casa de Editură Viața Creștină, Cluj-Napoca, 1994, pag. 292. ISBN 973-96661-5-9
  • Sergiu Grossu, Calvarul României Creștine, "Convorbiri Literare" & ABC DAVA, Chișinău, 1992. ISBN 5-88586-107-4
  • Silvestru Augustin Prunduș (editor), "Memoriile Cardinalului Dr. Iuliu Hossu", Cluj, 2003.
  • Alexandru Mircea, Pamfil Cârnațiu, Mircea Todericiu, Biserica Română Unită, Madrid, 1952, p. 318.
  • Anton Moisin, Minciuna "trecerii" la ortodoxie a românilor uniți, greco-catolici, în anul 1948, Partea I, Victoria, 1998, p. 46. ISBN 973-98401-3-1
  • Biografie per la beatificazione dei vescovi Valeriu Traian Frențiu, Iuliu Hossu, Alexandru Rusu, Ioan Bălan, Ioan Suciu, Titu Liviu Chinezu e Vasile Aftenie.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89587004 · ISNI (EN0000 0001 1451 4115 · LCCN (ENno2012076960 · GND (DE143447084