Isola di Bel'kov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isola di Bel’kov
остров Бельковский
Geografia fisica
Localizzazione mare di Laptev (Oceano Artico)
Coordinate 75°33′09″N 135°50′28″E / 75.5525°N 135.841111°E75.5525; 135.841111Coordinate: 75°33′09″N 135°50′28″E / 75.5525°N 135.841111°E75.5525; 135.841111
Arcipelago Isole Anžu (Isole della Nuova Siberia)
Superficie 535,3 km²
Sviluppo costiero 140 km
Altitudine massima 127 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Russia Russia
Distretto federale Distretto Federale dell'Estremo Oriente
Repubblica autonoma Sacha-Jacuzia Sacha-Jacuzia
Ulus Bulunskij
Demografia
Abitanti disabitata
Cartografia
New Siberian Islands map.png
Mappa di localizzazione: Distretto Federale dell'Estremo Oriente
Isola di Bel’kov

[senza fonte]

voci di isole della Russia presenti su Wikipedia
L'isola di Bel’kov evidenziata in rosso

L'isola di Bel’kov (in russo остров Бельковский) è la più occidentale delle isole Anžu che a loro volta sono un sottogruppo settentrionale delle isole della Nuova Siberia.

L'isola di Bel’kov amministrativamente fa parte del Bulunskij ulus del territorio della Repubblica autonoma russa della Sacha-Jacuzia, nel distretto Federale dell'Estremo Oriente, (Siberia orientale).

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

L'isola si trova nel mare di Laptev (Oceano Artico), oltre 20 km[1] a ovest di Kotel'nyj; lo stretto che le separa si chiama stretto di Zarja (пролив Заря, proliv Zarja). L'isola di Bel’kov si estende da nord a sud per circa 50 km[1] e nel suo punto più ampio è larga circa 17 km;[1] la sua area è di 535,3 km² e raggiunge i 127 m di altitudine nella parte centrale.[2]
L'asse collinare si sviluppa longitudinalmente come l'isola, e da questi rilievi sgorgano numerosi piccoli corsi d'acqua a carattere stagionale. Nei pressi di capo Ploskij (мыс Плоский, mys Ploskij), il punto più orientale dell'isola, si trovano invece 3 laghi.
L'isola è costituita da strati ben saldati risalenti al Devoniano superiore e al Carbonifero inferiore. Le rocce del Devoniano sono carbonati marini argillosi interstratificati con calcare, arenaria e conglomerati. Le rocce carbonifere sono invece composte di siltite, argillite e arenaria interstratificati con brecce, calcare e, meno frequentemente, con riolite.[3][4]

Flora e fauna[modifica | modifica wikitesto]

Sull'isola sono presenti grandi colonie di uccelli marini e di trichechi, e orsi polari.
La vegetazione comprende giunchiglie, erbe basse e resistenti, e altre piante tipiche della tundra, come muschi, licheni, epatiche, piante erbacee con infiorescenze. Queste piante ricoprono quasi totalmente la superficie dell'isola e crescono su terreno per gran parte umido, ondulato e a grana fine.[5]

Isole adiacenti[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'isola è stata scoperta nel 1808 da un commerciante russo di nome N. S. Belkov.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Dati approssimativi, calcolati utilizzando Google Earth.
  2. ^ Bel'kovskiy
  3. ^ Kos’ko, M.K., et al., 1990
  4. ^ Fujita, K. et al., 1990
  5. ^ (EN) CAVM Team, Circumpolar Arctic Vegetation Map. in Conservation of Arctic Flora and Fauna (CAFF), 2003. Map No. 1. U.S. Fish and Wildlife Service, Anchorage, Alaska. Scale 1:7.500.000.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Kos’ko, M.K., B.G. Lopatin, and V.G. Ganelin, 1990, Major geological features of the islands of the East Siberian and Chukchi Seas and the Northern Coast of Chukotka. Marine Geology. vol. 93, pp. 349–367.
  • Fujita, K., and D.B. Cook, 1990, The Arctic continental margin of eastern Siberia, in A. Grantz, L. Johnson, and J. F. Sweeney, eds., pp. 289–304, The Arctic Ocean Region. Geology of North America, vol L, Geological Society of America, Boulder, Colorado.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Mappa russa S-53-1,2 - Pubblicata nel 1986.