Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Isola di Schmidt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Isola Schmidt)
Isola di Schmidt
О́стров Шми́дта
Geografia fisica
LocalizzazioneMare di Kara - Oceano Artico
Coordinate81°04′58.8″N 90°25′01.2″E / 81.083°N 90.417°E81.083; 90.417Coordinate: 81°04′58.8″N 90°25′01.2″E / 81.083°N 90.417°E81.083; 90.417
ArcipelagoSevernaya Zemlya
Superficie467 km²
Dimensioni28,7 × 17,7 km
Altitudine massima325 m s.l.m.
Geografia politica
StatoRussia Russia
Circondario federaleDistretto Federale Siberiano
KrajKrasnojarsk Krasnojarsk
RajonTajmyrskij
Cartografia
Schmidt Island.svg
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Isola di Schmidt
Isola di Schmidt
voci di isole della Russia presenti su Wikipedia

L'isola di Schmidt, Óstrov Šmídta in russo, fa parte dell'arcipelago russo della Severnaja Zemlja ed è situata tra il mare di Kara e l'oceano Artico. Amministrativamente fa parte del Tajmyrskij rajon del Territorio di Krasnojarsk, nel Distretto Federale Siberiano.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua collocazione è nella parte nord-occidentale dell'arcipelago. L'isola è la più settentrionale del gruppo ed è piuttosto lontana dalle isole principali, si trova circa 31 km a nord-ovest di Komsomolets; è circondata in permenenza dalla banchisa.

L'isola di Schmidt ha una forma ovale con una piccola sporgenza a nord, capo Zemljanoj; misura 28,7 km da ovest a est e 17,7 km da nord a sud; ha una superficie di 467 km² ed è interamente ricoperta dalla cappa di ghiaccio omonima che arriva a un'altezza di 325 m. Le coste sono per lo più pianeggianti, fatta eccezione per la costa orientale, con scogliere di 27–36 m. A causa della posizione il suo clima è ancora più rigido di quello del resto dell'arcipelago.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Scoperta nel 1930 dalla spedizione sul rompighiaccio Georgij Sedov, guidata da Georgij Ušakov[2], con il geologo Nikolaj Urvancev[3]. Il nome dell'isola è stato scelto in memoria dello scienziato sovietico Otto Schmidt, il quale fu per primo alla guida del Glavsevmorpout (Glavnoe upravlenie Severnogo Morskogo Puti), un ente preposto alla supervisione di tutte le operazioni commerciali sulla Rotta marittima del Nord.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bassford, R.P. et al. (2006) «Quantifying the Mass Balance of Ice Caps on Severnaya Zemlya, Russian High Arctic. I: Climate and Mass Balance of the Vavilov Ice Cap», en Arctic, Antarctic, and Alpine Research 38(1): pp.1-12.
  2. ^ (EN) G.A.Ushakov's biography
  3. ^ (RU) Урванцев Николай Николаевич

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]