Innico I d'Avalos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Heraldic Crown of Spanish Marqueses (Variant 1).svg
Innico I d'Avalos
Enyego d'Àvalos autor del Curial.jpg
Ritratto del Marchese Innico I d'Avalos, (Opera del Pisanello)
Marchese di Pescara Conte di Monteodorisio
Stemma
In carica 1472 –
2 settembre 1484
Predecessore Francesco Antonio d'Aquino
Successore Alfonso II d'Avalos
Nome completo Íñigo I d'Avalos
Altri titoli
Morte Napoli, 2 settembre 1484
Dinastia D'Avalos
Padre Ruy López Dávalos
Madre Constanza de Tovar
Consorte Antonella d'Aquino
Figli
Religione Cattolicesimo
Firma Enyego d'Àvalos.jpg

Don Innico I d'Avalos, anche Inigo (in spagnolo Íñigo) (... – Napoli, 2 settembre 1484), fu un condottiero spagnolo appartenente alla nobile famiglia dei d'Avalos.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I fratelli Iñigo, Alfonso e Rodrigo, figli di Ruy López Dávalos, conte di Ribadeo, giunsero nella penisola italiana al seguito del re Alfonso V d'Aragona, detto "il Magnanimo", asceso al trono di Napoli nel 1442, come Alfonso I di Napoli.[1]

Nel 1435 si distinse alla battaglia navale di Ponza, dove fu catturato assieme al re Alfonso I di Napoli dai genovesi.[2]

Nel 1442 risultava che Innico prestasse servizio presso il re.[3]

Famiglia e titoli[modifica | modifica wikitesto]

Fu il secondo figlio maschio di Ruy López Dávalos e della sua terza moglie Costanza de Tovar. Prima di cadere in disgrazia come sostenitore della parte perdente nelle contese dinastiche durante il regno di Giovanni II di Castiglia (1406-1454), cioè la famiglia reale del Regno di Aragona, il padre di Innico fu Connestabile di Castiglia.

Innico assunse la carica di Gran Camerlengo del Regno di Napoli nel 1449, a seguito della morte del titolare in carica, Francesco II d'Aquino e fu oggetto di una medaglia celebrativa di Pisanello. Nel 1452, sposò la nipote di Francesco, Antonella d'Aquino, grazie ad accordi intervenuti con il re Alfonso medesimo.

Dalla moglie, ottenne i feudi e i titoli di marchese di Pescara (terzo della serie creata dalla dinastia aragonese e primo della famiglia d'Avalos), conte di Loreto e di Satriano. Ottenne nel 1452 la contea di Monteodorisio.

Da Antonella, ultima discendente dei D'Aquino, ebbe numerosi figli, dei quali sette raggiunsero l'età adulta[4]:

Inigo e la sua famiglia sono sepolti nella cappella gentilizia della chiesa di Sant'Anna dei Lombardi a Napoli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luise, p. 29
  2. ^ Di Spigna, op. cit., p. 17.
  3. ^ Abruzzocultura.it
  4. ^ Soler Salcedo, p. 582

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN6309149198265774940009 · BNE (ESXX5654184 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-6309149198265774940009