Ingvar Carlsson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il pilota di rally svedese, vedi Ingvar Carlsson (pilota di rally).
Ingvar Carlsson
Ingvar Carlsson på Idrottsgalan 2013.jpg
Ingvar Carlsson nel 2013

Ministro di Stato della Svezia
Durata mandato 13 marzo 1986 –
4 ottobre 1991
Monarca Carlo XVI Gustavo
Vice capo del governo Svante Lundkvist (1986)
Kjell-Olof Feldt
(1986–1990)
Lena Hjelm-Wallén
(1990)
Odd Engström
(1990–1991)
Predecessore Olof Palme
Successore Carl Bildt

Durata mandato 7 ottobre 1994 –
22 marzo 1996
Monarca Carlo XVI Gustavo
Vice capo del governo Mona Sahlin
(1994–1995)
Lena Hjelm-Wallén (1995–1996)
Predecessore Carl Bildt
Successore Göran Persson

Leader del Partito Socialdemocratico dei Lavoratori di Svezia
Durata mandato 3 marzo 1986 –
15 marzo 1996
Predecessore Olof Palme
Successore Carl Bildt

Viceministro di Stato della Svezia
Durata mandato 8 ottobre 1982 –
28 febbraio 1986
Capo del governo Olof Palme
Predecessore Ola Ullsten
Successore Svante Lundkvist
(ad interim)

Dati generali
Partito politico Partito Socialdemocratico dei Lavoratori di Svezia
Titolo di studio Master of Social Science
Università Università di Lund
Northwestern University
Professione Economista
Firma Firma di Ingvar Carlsson

Gösta Ingvar Carlsson (Borås, 9 novembre 1934) è un politico svedese, Ministro di Stato della Svezia in due diverse occasioni, dal 1986 al 1991 e di nuovo dal 1994 al 1996. È stato leader del Partito Socialdemocratico dei Lavoratori di Svezia dal 1986 al 1996. È noto soprattutto per aver guidato l'entrata della Svezia nell'Unione europea.

Carlsson è stato membro del Riksdag dal 1965 al 1996 in rappresentanza del collegio elettorale della contea di Stoccolma (fino al 1970 alla camera bassa). È stato ministro per l'istruzione dal 1969 al 1973, ministro per l'edilizia abitativa nel 1973 e di nuovo dal 1974 al 1976 e ministro per gli affari ambientali dal 1985 al 1986. È stato altresì Vice primo ministro dal 1982 al 1986 e ha assunto la carica di Primo ministro svedese dopo l'assassinio del primo ministro Olof Palme nel 1986.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carlsson è nato a Borås, nella contea di Västra Götaland (allora contea di Älvsborg), in Svezia. Cresciuto in una famiglia della classe operaia, è il terzo figlio del magazziniere Olof Karlsson e Ida, nata Johansson. Ha studiato Scienze politiche all'Università di Lund laureandosi.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Da segretario politico fino agli incarichi parlamentari e di ministro[modifica | modifica wikitesto]

Ingvar Carlsson ha iniziato la sua carriera politica nel 1958 come segretario addetto al gabinetto di Tage Erlander, primo ministro e presidente del Partito Socialdemocratico dei Lavoratori di Svezia. Carlsson è stato eletto membro del Parlamento (Riksdag) nel 1965 e nominato Ministro per l'istruzione nel 1969. Dal 1973 al 1976 è stato ministro dell'edilizia abitativa. Quando i socialdemocratici tornarono al potere nel 1982 fu nominato Vice Ministro di Stato da Olof Palme.

Ministro di Stato della Svezia[modifica | modifica wikitesto]

Primo ministro dal 1º marzo 1986 al 4 ottobre 1991, intraprese un cambiamento liberale cercando principalmente di generare eccedenze di bilancio. Si è dimesso nel 1991 in seguito al rifiuto del Riksdag di una proposta di congelamento temporaneo dei salari, prezzi e affitti. Nel 1994 ha formato un nuovo governo dove ha adottato un programma di austerità corretto, che ha consentito alcuni aumenti salariali.

È sotto il suo governo, il 1º gennaio 1995, che la Svezia è entrata nell'Unione europea.

Incarico presso le Nazioni Unite[modifica | modifica wikitesto]

Ingvar Carlsson è presidente della Commissione Indipendente delle Nazioni Unite per il Ruanda.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo ministro della Svezia Successore Coat of arms of Sweden.svg
Olof Palme 1º marzo 1986 - 4 ottobre 1991 Carl Bildt I
Carl Bildt 7 ottobre 1994 - 22 marzo 1996 Göran Persson II
Controllo di autoritàVIAF (EN5025879 · ISNI (EN0000 0000 8352 4176 · LCCN (ENn86848756 · GND (DE119073951 · BNF (FRcb124475121 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n86848756