Incidenti mortali legati ai voli spaziali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Questa è una lista di incidenti mortali legati ai voli spaziali, dal 1957 ad oggi. Dall'inizio della corsa allo spazio ad oggi hanno perso la vita 18 astronauti e cosmonauti.

Lo Space Shuttle Challenger disintegrato 73 secondi dopo il lancio nel 1986 lche portò alla morte di tutti e sette membri dell'equipaggio.
Astronauts Memorial Plaque a Cape Canaveral
Fallen Astronaut Memorial

Incidenti durante le missioni spaziali che hanno coinvolto astronauti e cosmonauti[modifica | modifica wikitesto]

Data Missione Vittime Causa
24 aprile 1967 URSS
Sojuz 1
URSS Vladimir Komarov Mancata apertura del paracadute durante il rientro atmosferico.
30 luglio 1971 URSS
Soyuz 11
Una valvola si è aperta accidentalmente durante la separazione del modulo di servizio, consentendo all'aria di fuoriuscire nello spazio.
28 gennaio 1986 Stati Uniti
STS-51-L
Lo Space Shuttle Challenger esplose 73 secondi dopo il decollo, il disastro fu causato dalle fredde temperature che causarono la rottura di una guarnizione O-ring permettendo ai gas caldi dello Space Shuttle Solid Rocket Booster di colpire il serbatoio esterno.
1 marzo 2003 Stati Uniti
STS-107
Lo Space Shuttle Columbia esplose durante il rientro tra il Texas e la Louisiana 16 minuti prima dell'atterraggio previsto al Kennedy Space Center in Florida; il disastro fu causato principalmente dal danneggiamento al bordo di attacco dell'ala, a causa di un frammento di schiuma isolante del sistema di protezione termica durante la partenza dell'equipaggio il 16 gennaio 2003.

Incidenti durante i collaudi che hanno coinvolto astronauti e cosmonauti[modifica | modifica wikitesto]

Data Missione Vittime Causa
23 marzo 1961 URSS Valentin Bondarenko Prima fatalità legata allo spazio. Durante un esperimento di resistenza di 15 giorni in una camera di altitudine a bassa pressione con almeno il 50% di atmosfera di ossigeno, il tirocinante cosmonauta per la missione Vostok Valentin Bondarenko ha fatto cadere un panno imbevuto di alcol su una piastra elettrica. Ha sofferto ustioni di terzo grado su gran parte del corpo e del viso, ed è morto in ospedale 16 ore dopo.
31 ottobre 1964 Stati Uniti Theodore Freeman Freeman era in un addestratore di jet T-38 in avvicinamento alla base di Ellington vicino a Houston, in Texas, quando un'oca si schiantò sul lato sinistro della cabina di pilotaggio frammenti di plexiglas sono entrati nel motore e hanno causato la rottura di entrambi i motori. Freeman è stato espulso troppo vicino al suolo perché il suo paracadute si aprisse correttamente.
28 febbraio 1966 Stati Uniti Gemini 9 See e Bassett hanno tentato di atterrare con il loro T-38 al Lambert Field di St. Louis, nel Missouri ma a causa del maltempo si sono schiantati nell'adiacente fabbrica McDonnell Aircraft, dove stavano andando per l'addestramento del simulatore.
27 gennaio 1967 Stati Uniti Apollo 1 Un incendio elettrico nella cabina si è diffuso rapidamente nell'atmosfera dell'ossigeno puro e ha causato la morte di tutti e tre i membri dell'equipaggio dell'Apollo 1 durante un test "plug-out" in preparazione del loro lancio previsto per il 21 febbraio.
5 ottobre 1967 Stati Uniti Apollo 1 Stati Uniti Clifton Williams Williams, che volava da solo in un jet T-38 da Cape Kennedy, in Florida, a Houston, in Texas, si schiantò a causa di un guasto meccanico al controllo degli alettoni, a circa 15 miglia (24 km) a nord di Tallahassee, in Florida. Williams morì in seguito alle ferite e ai traumi riportati nell'apertura troppo tardiva del paracadute.
15 novembre 1967 Stati Uniti X-15 Stati Uniti Michael Adams Durante il volo 191 X-15, il settimo volo di Adams, l'aereo ebbe un problema elettrico seguito da problemi di controllo all'apogeo del suo volo. Il pilota forse venne disorientato. Durante il rientro da un apogeo di 81.1 km, l'X-15 ha imbardato e ha cominciato a roteare ad una velocita di mach 5. Il pilota ha recuperato, ma è andato in un tuffo invertito ad un velocità di mach 4.7. Un carico eccessivo ha portato a una rottura strutturale a circa 19,7 km d'altezza. Adams è stato premiato postumo con l'Astronaut Wings, poiché il suo volo aveva superato quota 50 miglia (80,5 km).
8 dicembre 1967 Stati Uniti Robert Henry Lawrence Il primo astronauta afroamericano, selezionato per il programma Air Force Manned Orbiting Laboratory, è stato ucciso quando il suo jet F-104 Starfighter si è schiantato alla base di Edwards Air Force, in California, mentre praticava una serie di atterraggi veloci e veloci di atterraggio come copilota con il maggiore Harvey Royer. Entrambi i membri dell'equipaggio furono espulsi; Royer sopravvisse con delle ferite, ma Lawrence fu trovato nel suo posto di espulsione, con il paracadute non aperto.
27 marzo 1968 URSS
Sojuz 3[1]
Il primo uomo nello spazio è morto con l'istruttore di volo Vladimir Seryogin quando il loro jet MiG-15UTI di addestramento si è schiantato mentre cercava di evitare un pallone meteorologico.
11 luglio 1993 Russia Sergei Vozovikov Sergei Yuriyevich Vozovikov era un membro del Gruppo di addestramento 11 per i cosmonauti dell'aeronautica sovietica. Il suo

programma di addestramento per cosmonauti era previsto dal 1º ottobre 1991 al 6 marzo 1992. Annegò l'11 luglio 1993 durante l'addestramento nel Mar Nero, vicino ad Anapa, in Russia.

31 ottobre 2014 Stati Uniti VSS Enterprise Stati Uniti Michael Alsbury Michael Alsbury è stato ucciso e Peter Siebold è rimasto gravemente ferito quando SpaceShipTwo VSS Enterprise si è disintegrato durante un volo di prova atmosferico alimentato in California, a causa del prematuro spiegamento del sistema di volo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]