Imperia, la grande cortigiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Imperia, la grande cortigiana
Imperia, la grande cortigiana.jpg
Una scena del film
Paese Italia
Anno 2005
Formato film TV
Genere drammatico, storico
Durata 90 min
Lingua originale italiano
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 1,66:1
Colore colore
Audio stereo
Crediti
Regia Pier Francesco Pingitore
Soggetto Pier Francesco Pingitore
Sceneggiatura Pier Francesco Pingitore
Interpreti e personaggi
Fotografia Marco Cristiani
Montaggio Alberto Moriani
Musiche Francesco Pintucci, Piero Pintucci
Scenografia Maurizio Tognalini
Costumi Graziella Pera
Produttore Alberto Tarallo
Produttore esecutivo Mario Coppotelli
Casa di produzione Janus International
Prima visione
Prima TV Italia
Data 20 gennaio 2005
Rete televisiva Canale 5

Imperia, la grande cortigiana è un film del 2005 scritto e diretto da Pier Francesco Pingitore.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Roma, inizi del Cinquecento: Imperia è una cortigiana molto ammirata, amante del ricco banchiere Agostino Chigi, ma che preferisce un uomo di nome Angelo del Bufalo, noto per il suo fascino e la sua bellezza, in grado di colpire le donne, nonostante la sua modesta ricchezza, conosciuto durante un ballo al palazzo di famiglia vicino a Castel Sant'Angelo, noto oggi come la Farnesina.

Alla festa di inaugurazione della nuova dimora della famiglia Chigi sul Tevere, partecipano anche Cesare Borgia, coinvolto nell'omicidio del fratello Juan, e sua sorella Lucrezia con il marito Alfonso. Durante la festa, Imperia danza con diversi cavalieri, fino a giungere alle braccia di un cavaliere che il giorno prima l'aveva salvata da un brutto incontro con due briganti: quel cavaliere è proprio Angelo, con cui instaura una relazione segreta. Agostino vorrebbe affidargli un incarico presso Luigi XII, incarico che interessa anche a Cesare, e per questo Angelo si ritrova spesso al palazzo dei Chigi.

Mentre Agostino è in viaggio verso Napoli, Imperia invita Angelo ad una cena romantica, complice la cameriera Nanna che gli fa recapitare un biglietto.

Alla relazione di Imperia si intrecciano i fatti che accadono a Roma, tra battaglie e intrighi, fino al suicidio della cortigiana che scopre che Angelo ha sposato un'altra nobildonna.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

Imperia, la grande cortigiana, andato in onda su Canale 5 in prima serata, ha registrato il 20,14 % di share, seguito da 5.141.000 telespettatori.[1]

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante i buoni ascolti registrati in televisione, il film non è stato gradito molto dalla critica: il sito Cinemedioevo.it definisce la fiction «sostanzialmente piacevole quanto leggera», «curata sul versante scenografico e coreografico», ma nell'ambito storico «un vero disastro, [...] dove si annoverano pecche mostruose, alcune delle quali imperdonabili»;[2] il voto dell'Internet Movie Database è di 6,3 su 10, mentre quello del sito Film.tv.it è di 3 su 5 e 1 su 5 da parte degli utenti.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comunicati stampa ascolti, Mediaset, 21 gennaio 2005. URL consultato il 28 aprile 2012.
  2. ^ Imperia, la grande cortigiana (2005), Cinema e Medioevo. URL consultato il 28 aprile 2012.
  3. ^ Imperia la grande cortigiana (2004) - Film.tv.it. URL consultato il 28 aprile 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]