Guido Martinotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Guido Martinotti (Milano, 1938Parigi, 2012) è stato un sociologo e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tra i fondatori dell'Università Milano Bicocca ed esponente riconosciuto a livello internazionale della corrente della sociologia urbana, si è laureato nel 1960 in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Milano, con una tesi intitolata “Interpretazioni sociologiche del Fascismo”. Si è formato negli Stati Uniti alla Columbia University e alla University of California, Berkeley, per tornare in Italia nel 1973 dove ha insegnato in varie università, tra le quali il Politecnico di Milano, l'Università degli Studi di Torino, dove fu anche Preside di Facoltà, l'Università degli Studi di Pavia e l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Presso l'Università di Milano Bicocca ha insegnato come Professore Ordinario dal 1999 al 2005, fondandone il Dipartimento di Sociologia; l'Università l'ha ricordato con un evento internazionale nel 2013[1], e Francesca Zajczyk, Enzo Mingione e Roberto Moscati, colleghi di Martinotti nel dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, lo hanno definito "uno dei più grandi sociologi urbani contemporanei". Visiting professor nelle Università di California Santa Barbara e nella New York University, è stato membro autorevole di associazioni scientifiche nazionali e internazionali: ha contribuito anche alla fondazione e della direzione dell’Associazione Italiana di Sociologia, dell’International Federation of Data Organizations e dell’European Consortium for Sociological Reseach. Ha pubblicato svariati lavori scientifici, tra i quali Metropoli e sottocomunità (1966), Città e analisi sociologica (1967), Education in a changing society (1978), L'informatica nelle regioni italiane e straniere (1979), La città difficile (1982), Metropoli, la nuova morfologia sociale della città" (1993).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN113371428 · ISNI (EN0000 0000 8181 2334 · SBN IT\ICCU\CFIV\011287 · LCCN (ENn80081702 · WorldCat Identities (ENlccn-n80081702