Grumman F11F Tiger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grumman F11F Tiger
F11F Tiger NATC in flight.jpg
Un F11F-1 Tiger (BuNo 138614) appartenente al Naval Air Test Center presso la NAS Patuxent River, Maryland
Descrizione
Tipocaccia imbarcato
Equipaggio1
CostruttoreStati Uniti Grumman
Data primo volo30 luglio 1954
Data entrata in servizio1956
Data ritiro dal servizio1961 (portaerei)
1967 (addestramento)
1969 (Blue Angels)
Utilizzatore principaleStati Uniti United States Navy
Esemplari200
Altre variantiGrumman F11F-1F Super Tiger
Dimensioni e pesi
F-11F-1 3sd NAN9-73 PNG.png
Tavole prospettiche
Lunghezza14,31 m (46 ft 11 in)
Apertura alare9,64 m (31 ft 7.5 in)
Altezza4,03 m (13 ft 3 in)
Superficie alare23,23 (250 ft²)
Carico alare411 kg/m² (84 lb/ft²)
Peso a vuoto6 277 kg (13 810 lb)
Peso carico9 561 kg (21 035 lb)
Peso max al decollo10 663 kg (23 459 lb)
Propulsione
Motoreun turbogetto Wright J65-W-18
Spinta32,9 kN (7 400 lbf) a secco
46,7 kN (10 500 lbf) con postbruciatore
Prestazioni
Velocità maxMach 1,1 (1 170 km/h, 727 mph) a 11 000 m (35 000 ft)
Velocità di crociera929 km/h (577 mph)
Velocità di salita83 m/s (16 300 ft/min)
Autonomia2 044 km (1 275 mi, 1 110 nm)
Tangenza14 935 m (49 000 ft)
Armamento
Cannoni4 Colt-Browning Mk 12 calibro 20 mm
Missili4 AIM-9 Sidewinder
RazziAero 6A o Aero 7A
Piloni4
Notedati relativi alla versione F11F-1/F-11A

i dati sono estratti daUnited States Navy Aircraft since 1911[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia
Grumman F-11 Tiger nel 1958 con il team dei Blue Angels, la pattuglia acrobatica della U.S. Navy.

Il Grumman F11F Tiger, ridenominato F-11 con le nuove designazioni, era un caccia monomotore a getto imbarcato prodotto dall'azienda statunitense Grumman Aircraft Engineering Corporation durante gli anni cinquanta.

Caratterizzato dalla fusoliera disegnata secondo la regola delle aree, per diminuire la resistenza in regime transonico, l'F-11 fu il primo caccia (moderatamente) supersonico ad entrare in servizio con la United States Navy.

Restato in produzione fino al 1959 viene ricordato anche per essere stato utilizzato nelle esibizioni nella pattuglia acrobatica dei Blue Angels, in cui militò dal 1957 al 1969.

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

L'F11F è noto anche per essere il primo caccia ad essersi abbattuto da solo. Il 21 settembre 1956, durante un test, il pilota collaudatore Tom Attridge sparò con il cannone da 20 mm mentre saliva di quota; quando interruppe la salita e cominciò a scendere di quota, venne colpito dal suo stesso colpo che stava seguendo una traiettoria balistica.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

YF9F-9
designazione originale.
F11F-1
versione caccia monoposto destinata alla U.S. Navy, ridesignato F-11A nel 1962. Realizzato in 199 esemplari, gli ultimi caratterizzati da un muso allungato, più un esemplare destinato alle prove statiche. Un successivo ordine di 231 unità venne cancellato.
F11F-1P
versione da fotoricognizione aerea destinata alla U.S. Navy, prevista ma non avviata alla produzione, ordine per 85 unità cancellato.[2]
F11F-1F Super Tiger (G-98J)
prototipo, variante del F11F-1 equipaggiata con un turbogetto General Electric J79-GE-3A, realizzato in due esemplari.[3]

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bowers 1990, p. 257.
  2. ^ Baugher, Joe Baugher's Encyclopedia of American Military Aircraft.
  3. ^ Buttler 2008, pp. 114–115.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) John Andrade, U.S. Military Aircraft Designations and Serials since 1909, Hinckley, Leicestershire, UK, Midland Counties Publications, 1979, ISBN 0-904597-22-9.
  • (EN) Peter M. Bowers, United States Navy Aircraft since 1911, Annapolis, Naval Institute Press, 1990, pp. 183–185, ISBN 0-87021-792-5.
  • (EN) Tony Buttler, American Secret Projects: Fighters & Interceptors 1945-1978, Hinckley, Leicestershire, UK, Midland Counties Publications, 2008 [2007], ISBN 978-1-85780-264-1.
  • (EN) Francis Crosby, Fighter Aircraft, London, Lorenz Books, 2002, ISBN 0-7548-0990-0.
  • (EN) Bill Gunston, Fighters of the Fifties', Osceola, Wisconsin, Specialty Press, 1981, ISBN 0-933424-32-9.
  • (EN) Richard Thruelsen, The Grumman Story, New York, Praeger Publishers, Inc., 1976, ISBN 0-275-54260-2.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE7635421-0