Grigorij Ivanovič Petrovskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Grigorij Ivanovič Petrovskij
Petrovskiy GI Soc Kiev 1937 01 p10bis.jpg
Grigorij Petrovskij nel 1937

Commissario del popolo per gli affari interni della RSFS Russa
Durata mandato 17 novembre 1917 –
marzo 1919
Predecessore Aleksej Rykov
Successore Feliks Dzeržinskij

Presidente del Comitato esecutivo centrale dell'URSS
Durata mandato 30 dicembre 1922 –
12 gennaio 1938
Cotitolare Michail Kalinin

Deputato del Soviet delle Nazionalità del Soviet Supremo dell'URSS
Legislature I
Circoscrizione RSS Ucraina

Dati generali
Partito politico Partito Comunista Russo (bolscevico)
Partito Comunista di tutta l'Unione (bolscevico)
Firma Firma di Grigorij Ivanovič Petrovskij

Grigorij Ivanovič Petrovskij (in russo: Григорий Иванович Петровский?; Char'kov, 4 febbraio 1878, 23 gennaio del calendario giulianoMosca, 10 gennaio 1958) è stato un rivoluzionario e politico russo e sovietico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un sarto di Char'kov, lavorò fin dagli undici anni di età come meccanico nei cantieri ferroviari e dai 15 lavorò in una fabbrica metallurgica di Ekaterinoslav. Qui iniziò a frequentare i circoli marxisti,[1] cosicché fu attivo nel movimento socialdemocratico dal 1897 e membro del POSDR fin dalla sua fondazione (1898). Arrestato dalla polizia zarista nel luglio 1900 e poi nel 1903, emigrò per alcuni mesi in Germania nel 1906.[2]

Fu presidente della frazione bolscevica della IV Duma di Stato dal 1912, ma nel novembre 1914, a seguito dello scoppio della Prima guerra mondiale, fu arrestato con gli altri deputati per attività antibellica e antigovernativa[1] e tre mesi più tardi condannato al confino perpetuo nella regione di Turuchansk. Nel frattempo, nel gennaio 1913 era stato cooptato nel Comitato centrale del Partito bolscevico, di cui fece parte fino al maggio 1917. In quella fase, liberato dopo la Rivoluzione di febbraio, fu a capo del Comitato per la sicurezza cittadina nell'oblast' di Jakutsk e poi membro del comitato bolscevico di Ekaterinoslav. Dopo la Rivoluzione d'ottobre fu Commissario del popolo per gli affari interni della Russia sovietica fino al marzo 1919. Ebbe poi ruoli di vertice nel Comitato esecutivo centrale panucraino e nel Partito Comunista dell'Ucraina, del politburo del quale fu membro dal 1920 al 1938, così come dal 1921 al 1938 fece parte del Comitato Centrale del Partito bolscevico russo e poi di tutta l'Unione. Dal 1922 al 1938 presiedette il Comitato esecutivo centrale dell'Unione Sovietica e dal 1938 al 1939 fu vicepresidente del Presidium del Soviet Supremo dell'URSS. Dal 1940 fino alla morte fu vicedirettore del Museo della Rivoluzione di Mosca.[2]

Nel 1926 la città di Ekaterinoslav fu ribattezzata Dnepropetrovsk in suo onore. È sepolto nella necropoli delle mura del Cremlino.[3]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine della Bandiera rossa - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera rossa
«nel decimo anniversario dell'Armata Rossa, come organizzatore della difesa del paese e ispiratore dell'esercito nella sua dura battaglia contro i nemici del proletariato»
— 23 febbraio 1928
Ordine di Lenin - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin
— 3 febbraio 1938
Ordine di Lenin - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin
«per i meriti verso lo Stato sovietico»
— 28 aprile 1953
Ordine della Bandiera rossa del lavoro (3) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera rossa del lavoro (3)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Abramov, pp. 284-285.
  2. ^ a b Petrovskij Grigorij Ivanovič.
  3. ^ Abramov, p. 286.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (RU) Aleksej Abramov, U Kremlëvskoj steny [Presso le mura del Cremlino], 2ª ed., Mosca, Izdatel'stvo političeskoj literatury, 1978.
  • (RU) Petrovskij Grigorij Ivanovič, su Spravočnik po istorii Kommunističeskoj partii i Sovetskogo Sojuza 1898-1991. URL consultato il 13 marzo 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59067001 · ISNI (EN0000 0001 0977 086X · LCCN (ENn80128400 · GND (DE1138795747 · WorldCat Identities (ENn80-128400