Gazanfar Musabekov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gazanfar Musabekov
Газанфар Мусабеков.png

Presidenti del CEC della RSFS Transcaucasica
Durata mandato 21 maggio 1925 –
giugno 1937
Presidente Comitato esecutivo centrale dell'Unione Sovietica della RSS dell'Azerbaigian

Dati generali
Partito politico Partito Comunista dell'Unione Sovietica

Gazanfar Mahmud oglu Musabekov o Musabeyov (azero: Qəzənfər Mahmud oğlu Musabəyov; Pirəbədil, 26 luglio 1888[1]Mosca, 9 febbraio 1938) è stato un rivoluzionario azero bolscevico e politico sovietico.

È stato presidente del Comitato esecutivo centrale dell'Unione Sovietica della RSS dell'Azerbaigian dal 1929 al 1931 e ha guidato il governo della RSFS transcaucasica dal 1931 al 1936. Durante la Grande Purga, Musabekov fu prima prima rimosso dal Comitato Centrale e poi arrestato (giugno 1937), accusato di complotto contro lo stato sovietico, condannato a morte e giustiziato il giorno del verdetto, 9 febbraio 1938. Nel corso dello stesso anno sarebbero stati giustiziati sua sorella, Ajna Sultanova, una delle prime rivoluzionarie azere e Commissaria del Popolo alla Giustizia della RSS dell'Azerbaigian, e suo cognato, Hamid Sultanov, mentre gli sarebbero sopravvissuti la moglie Arifa Akhmed kysy Musabekowa (Арифа Ахмед кызы Мусабекова) e la madre Diba Hussein kysy Musabekowa (Диба Гусейн кызы Мусабекова).

Gli è stata intitolata una nave da carico azera.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 14 luglio secondo il calendario giuliano.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN171930145