Greatest Hits (1985-1995)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Greatest Hits (1985-1995)
Artista Michael Bolton
Tipo album Raccolta
Pubblicazione 19 settembre 1995
Durata 74 min : 12 s
Dischi 1
Tracce 17
Genere Pop rock
Adult contemporary music
Etichetta Columbia Records
Certificazioni
Dischi d'oro Svizzera Svizzera[7]
(Vendite: 25.000)
Dischi di platino Canada Canada (3)[1]
(Vendite: 300.000)

Europa Europa[2]
(Vendite: 1.000.000)
Italia Italia (3)[3]
(Vendite: 300.000)
Spagna Spagna (1)[4]
(vendite: 100 000+)
Regno Unito Regno Unito[5]
(Vendite: 300.000)

Stati Uniti Stati Uniti (3)[6]
(Vendite: 3.000.000)
Michael Bolton - cronologia
Album precedente
(1993)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
All Music Guide[8] 4/5 stelle

Greatest Hits (1985-1995) è una raccolta del cantautore statunitense Michael Bolton, pubblicata il 19 settembre 1995[9] dall'etichetta Columbia Records.[10] L'album ripercorre dieci anni di carriera di Bolton, comprese le reinterpretazioni di alcuni importanti successi della musica internazionale.[11] Sono inoltre inclusi 5 inediti, tra i quali I Found Someone, brano che lo stesso Bolton aveva scritto per Cher e che fu incluso nell'album Cher pubblicato nel 1987.[12]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. That's What Love Is All About – 3:57 (Michael Bolton, Eric Kaz)
  2. (Sittin' on) the Dock of the Bay – 3:52 (Steve Cropper, Otis Redding)
  3. Soul Provider – 4:26 (Michael Bolton, Andrew Goldmark)
  4. How Am I Supposed to Live Without You – 4:15 (Michael Bolton, Doug James)
  5. How Can We Be Lovers – 3:56 (Michael Bolton, Desmond Child, Diane Warren)
  6. When I'm Back on My Feet Again – 3:49 (Diane Warren)
  7. Georgia on My Mind – 4:57 (Hoagy Carmichael, Stuart Gorrell)
  8. Time, Love and Tenderness – 4:18 (Diane Warren)
  9. When a Man Loves a Woman – 3:51 (Calvin Lewis, Andrew Wright)
  10. Missing You Now – 4:25 (Walter Afanasieff, Michael Bolton, Diane Warren)
  11. Steel Bars – 3:30 (Michael Bolton, Bob Dylan)
  12. Said I Loved You... But I Lied – 5:01 (Michael Bolton, Robert John "Mutt" Lange)
  13. Can I Touch You... There? – 5:17
  14. I Promise You – 5:21 (Michael Bolton, Robert John "Mutt" Lange)
  15. I Found Someone – 3:53 (Michael Bolton, Mark Mangold)
  16. A Love So Beautiful – 4:07 (Jeff Lynne, Roy Orbison)
  17. This River – 5:17 (Diane Warren)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1995-1996) Posizione
massima
Australia[13] 6
Austria[14] 13
Belgio (Fiandre)[15] 45
Belgio (Vallonia)[16] 32
Finlandia[17] 17
Germania[18] 8
Italia[3][19] 1
Norvegia[20] 6
Nuova Zelanda[21] 8
Paesi Bassi[22] 26
Regno Unito[23] 2
Stati Uniti[24] 5
Svezia[25] 13
Svizzera[26] 16

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gold Platinum Database - Michael Bolton - Greatest Hits 1985-1995, www.musiccanada.com. URL consultato il 5 agosto 2011.
  2. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards - 1996 Awards, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 5 agosto 2011.
  3. ^ a b Musica: Michael Bolton in vetta nelle Hits, Adnkronos, 11 marzo 1996. URL consultato il 5 agosto 2011.
  4. ^ (ES) Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano: Certificados 1996–1999 (PDF).
  5. ^ (EN) Certified Awards Search, British Phonographic Industry. URL consultato il 5 agosto 2011. Inserire Michael Bolton nel campo Search e premere il tasto Go.
  6. ^ (EN) RIAA's Gold & Platinum Program - Searchable Database - Michael Bolton, Recording Industry Association of America. URL consultato il 5 agosto 2011.
  7. ^ (DE) Edelmetall 1998, hitparade.ch. URL consultato il 5 agosto 2011.
  8. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, Greatest Hits 1985-1995 - Michael Bolton - Review, All Music Guide.
  9. ^ (EN) Michael Bolton - Greatest Hits 1985-1995, Amazon.com. URL consultato il 5 agosto 2011.
  10. ^ Giuseppe Videtti, Bolton, bravo ragazzo ribelle, la Repubblica, 2 novembre 1995. URL consultato il 5 agosto 2011.
  11. ^ Pop: Michael Bolton, ho cantato Nessun dorma per Mel Gibson, Adnkronos, 23 ottobre 1995. URL consultato il 1 agosto 2011.
  12. ^ Michael Bolton, dieci anni di successi, Corriere della Sera, 11 marzo 1996. URL consultato il 5 agosto 2011.
  13. ^ (EN) Michael Bolton - Greatest Hits 1985-1995 (album) - Andamento nella classifica australiana, australian-charts.com. URL consultato il 5 agosto 2011.
  14. ^ (DE) Michael Bolton - Greatest Hits 1985-1995 (album) - Andamento nella classifica austriaca, austriancharts.at. URL consultato il 5 agosto 2011.
  15. ^ (NL) Michael Bolton - Greatest Hits 1985-1995 (album) - Andamento nella classifica belga (Fiandre), www.ultratop.be. URL consultato il 5 agosto 2011.
  16. ^ (FR) Michael Bolton - Greatest Hits 1985-1995 (album) - Andamento nella classifica belga (Vallonia), www.ultratop.be. URL consultato il 5 agosto 2011.
  17. ^ (EN) Michael Bolton - Greatest Hits 1985-1995 (album) - Andamento nella classifica finlandese, finnishcharts.com. URL consultato il 5 agosto 2011.
  18. ^ (DE) Chartverfolgung / Bolton,Michael / Longplay, musicline.de. URL consultato il 5 agosto 2011.
  19. ^ ALBUM - I NUMERI UNO (1995-2006), it-charts.150m.com. URL consultato il 29 aprile 2011.
  20. ^ (EN) Michael Bolton - Greatest Hits 1985-1995 (album) - Andamento nella classifica norvegese, norwegiancharts.com. URL consultato il 5 agosto 2011.
  21. ^ (EN) Michael Bolton - Greatest Hits 1985-1995 (album) - Andamento nella classifica della Nuova Zelanda, charts.org.nz. URL consultato il 5 agosto 2011.
  22. ^ (NL) Michael Bolton - Greatest Hits 1985-1995 (album) - Andamento nella classifica dei Paesi Bassi, dutchcharts.nl. URL consultato il 5 agosto 2011.
  23. ^ (EN) Chart Stats - Michael Bolton - Greatest Hits 1985-1995, www.chartstats.com. URL consultato il 5 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 2012-07-22).
  24. ^ (EN) Michael Bolton Album & Song Chart History - Billboard 200, Billboard. URL consultato il 5 agosto 2011.
  25. ^ (EN) Michael Bolton - Greatest Hits 1985-1995 (album) - Andamento nella classifica svedese, swedishcharts.com. URL consultato il 5 agosto 2011.
  26. ^ (DE) Michael Bolton - Greatest Hits 1985-1995 (album) - Andamento nella classifica svizzera, hitparade.ch. URL consultato il 5 agosto 2011.
Predecessore Album al numero uno della Classifica FIMI Artisti (1996) Successore G-clef.svg
The Ghost of Tom Joad - Bruce Springsteen 29 febbraio 1996 - 6 marzo 1996 (1 settimana) Mercury Falling - Sting
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica