Gran Premio motociclistico di Gran Bretagna 1982

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno Unito GP di Gran Bretagna 1982
351º GP della storia del Motomondiale
9ª prova su 14 del 1982
Silverstone 1975.jpg
Data 1º agosto 1982
Nome ufficiale Marlboro British Grand Prix
Circuito Circuito di Silverstone
Percorso 4,710 km
Risultati
Classe 500
309º GP nella storia della classe
Distanza 28 giri, totale 131,880 km
Pole position Giro veloce
Stati Uniti Kenny Roberts Nuova Zelanda Graeme Crosby
Yamaha in 1' 29" 84 Yamaha in 1' 30" 50 a 187,359 km/h
Podio
1. Italia Franco Uncini
Suzuki
2. Stati Uniti Freddie Spencer
Honda
3. Nuova Zelanda Graeme Crosby
Yamaha
Classe 350
278º GP nella storia della classe
Distanza 24 giri, totale 113,040 km
Pole position Giro veloce
Germania Martin Wimmer Francia Jean-François Baldé
Yamaha in 1' 33" 97 Kawasaki in 1' 34" 03 a 180,350 km/h
Podio
1. Francia Jean-François Baldé
Kawasaki
2. Belgio Didier de Radiguès
Chevallier
3. Germania Anton Mang
Kawasaki
Classe 250
315º GP nella storia della classe
Distanza 24 giri, totale 113,040 km
Pole position Giro veloce
Germania Martin Wimmer Germania Anton Mang
Yamaha in 1' 35" 40 Kawasaki in 1' 35" 30 a 177,922 km/h
Podio
1. Germania Martin Wimmer
Yamaha
2. Germania Anton Mang
Kawasaki
3. Francia Jean-Louis Tournadre
Yamaha
Classe 125
308º GP nella storia della classe
Distanza 20 giri, totale 94,200 km
Pole position Giro veloce
Spagna Ángel Nieto Spagna Ángel Nieto
Garelli in 1' 39" 04 Garelli in 1' 38" 65 a 171,880 km/h
Podio
1. Spagna Ángel Nieto
Minarelli
2. Spagna Ricardo Tormo
Sanvenero
3. Italia Pier Paolo Bianchi
Sanvenero
Classe sidecar
213º GP nella storia della classe
Distanza 20 giri
Pole position Giro veloce
Svizzera Rolf Biland Paesi Bassi Egbert Streuer
LCR-Yamaha LCR-Yamaha
Podio
1. Paesi Bassi Egbert Streuer
LCR-Yamaha
2. Germania Ovest Werner Schwärzel
Seymaz-Yamaha
3. Regno Unito Steve Abbott
?-Yamaha

Il Gran Premio motociclistico di Gran Bretagna 1982 fu il nono appuntamento del motomondiale 1982 e 34ª edizione del Gran Premio motociclistico di Gran Bretagna (prima Tourist Trophy) valido per il motomondiale.

Si svolse il 1º agosto 1982 sul circuito di Silverstone e vide la vittoria di Franco Uncini nella classe 500, di Jean-François Baldé nella 350, di Martin Wimmer nella 250 e di Ángel Nieto nella 125[1][2]. Tra i sidecar si è imposto l'equipaggio olandese Egbert Streuer/Bernard Schnieders.

Da registrare anche un curioso incidente: durante delle prove libere a cui partecipavano contemporaneamente motociclette di tutte le classi, il francese Patrick Igoa con una 250 urtava un altro concorrente e la sua moto terminava in mezzo alla pista dove veniva urtata da Jack Middelburg e da Barry Sheene con le loro "500"; mentre i primi due piloti se la cavarono con relativamente pochi danni, Sheene subì varie fratture composte che gli impedirono di gareggiare per il resto della stagione e misero in dubbio il prosieguo della sua carriera[3].

Classe 500[modifica | modifica wikitesto]

Con la vittoria nella prova, quinta vittoria stagionale, e la concomitante caduta del suo maggior antagonista nella lotta al titolo, lo statunitense Kenny Roberts, l'italiano Franco Uncini è ormai ad un passo dalla conquista aritmetica dell'iride, essendo in vantaggio di 35 punti a solo tre gare dal termine della stagione.

Sul podio di Silverstone anche lo statunitense Freddie Spencer e il neozelandese Graeme Crosby.

Da registrare anche il fatto che questa è stata l'ultima apparizione in gara del modello Honda NR 500 a 4 tempi, in questo caso condotta da Ron Haslam; sarà l'ultima presenza in gara di una 4 tempi in questa classe fino all'abolizione della stessa e all'avvento della MotoGP.

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1 Italia Franco Uncini Suzuki 42:49.64 2 15
2 Stati Uniti Freddie Spencer Honda +6.43 3 12
3 Nuova Zelanda Graeme Crosby Yamaha +13.74 4 10
4 Italia Loris Reggiani Suzuki +15.18 11 8
5 Stati Uniti Randy Mamola Suzuki +15.40 7 6
6 Italia Virginio Ferrari Suzuki +17.73 9 5
7 Sudafrica Kork Ballington Kawasaki +17.93 12 4
8 Francia Marc Fontan Yamaha +30.81 6 3
9 Italia Leandro Becheroni Suzuki +56.73 17 2
10 Regno Unito Chris Guy Suzuki +1:04.19 21 1
11 Svizzera Andreas Hofmann Suzuki +1:04.19 33
12 Regno Unito Dave Dean Suzuki +1:04.47 30
13 Sudafrica Jon Ekerold Cagiva +1:05.14 10
14 Regno Unito Gary Lingham Suzuki +1:05.89 23
15 Regno Unito Ron Haslam Honda +1:06.51 19
16 Giappone Isao Ishikawa Suzuki +1:10.78 24
17 Italia Marco Lucchinelli Honda +1:13.20 14
18 Regno Unito Steve Parrish Yamaha +1:13.20 18
19 Regno Unito Steve Henshaw Suzuki +1:13.28 31
20 Svizzera Philippe Coulon Suzuki +1:13.89 15
21 Nuova Zelanda Stu Avant Suzuki +1:23.43 13
22 Irlanda Norman Brown Suzuki +1:23.43 28
23 Regno Unito Steve Williams Suzuki +1 giro 39
24 Venezuela Roberto Pietri Suzuki +1 giro 34
25 Regno Unito Bob Smith Yamaha +1 giro 29
26 Italia Guido Paci Yamaha +1 giro 36
27 Italia Fabio Biliotti Suzuki +1 giro 32
28 Regno Unito Mark Salle Suzuki +1 giro 20

Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Moto Motivo Griglia
Italia Marco Papa Suzuki 37
Nuova Zelanda Dennis Ireland Suzuki 27
Giappone Takazumi Katayama Honda 8
Paesi Bassi Boet van Dulmen Suzuki 5
Regno Unito Keith Huewen Suzuki 25
Regno Unito Barry Woodland Suzuki 45
Stati Uniti Kenny Roberts Yamaha 1
Svizzera Sergio Pellandini Suzuki 22
Finlandia Seppo Rossi Suzuki 16
Italia Graziano Rossi Yamaha 35
Regno Unito Graham Wood Yamaha 26
Regno Unito Robert McElnea Suzuki 40
Regno Unito Paul Iddon Suzuki 38

Classe 350[modifica | modifica wikitesto]

Il pilota francese Jean-François Baldé ha ottenuto la sua terza vittoria stagionale in sella ad una Kawasaki, precedendo il belga Didier de Radiguès e il tedesco Anton Mang.

Curiosamente la classifica della gara rispecchia anche quella provvisoria generale.

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1 Francia Jean-François Baldé Kawasaki 38.25.75 6 15
2 Belgio Didier de Radiguès Chevallier 38.26.71 8 12
3 Germania Anton Mang Kawasaki 38.26.87 2 10
4 Venezuela Carlos Lavado Yamaha 38.27.80 4 8
5 Francia Christian Sarron Yamaha 38.28.02 7 6
6 Regno Unito Andy Watts Yamaha 38.32.16 24 5
7 Irlanda del Nord Donnie Robinson Yamaha 38.33.20 5 4
8 Regno Unito Tony Head Armstrong 38.45.34 9 3
9 Finlandia Pekka Nurmi Yamaha 38.45.69 15 2
10 Regno Unito Steve Tonkin Armstrong 38.45.78 14 1
11 Paesi Bassi Mar Schouten MBA 38.46.05 19
12 Germania Karl-Thomas Grässel Yamaha 39.00.05 16
13 Germania Gustav Reiner Yamaha 39.01.69 13
14 Irlanda Graham Young Yamaha 39.02.20 20
15 Svizzera Wolfgang von Muralt Yamaha 39.02.56 18
16 Austria Siegfried Minich Rotax 39.03.08 33
17 Francia Éric Saul Chevallier 39.03.36 11
18 Regno Unito Paul Tinker Yamaha 39.04.33 36
19 Finlandia Eero Hyvärinen Yamaha 39.05.85 27
20 Finlandia Reino Eskelinen Yamaha 39.07.94 29
21 Regno Unito Donnie McLeod Yamaha 39.10.12 28
22 Belgio René Delaby Yamaha 39.21.20 25
23 Francia Jacques Bolle Yamaha 39.33.12 22
24 Regno Unito Phil Mellor Yamaha 39.33.21 32
25 Regno Unito Stewart Cole Yamaha 39.33.42 38
26 Belgio Michel Simeon RK Beko 39.54.21 46
27 Regno Unito Steve Wright Yamaha 39.59.64 34
28 Svizzera Edwin Weibel Yamaha +1 giro 40
29 Francia Roger Sibille Yamaha + 30
30 Regno Unito Dave Griffiths Yamaha + 45
31 Italia Marcello Iannetta Yamaha + 43
32 Svizzera Jakob Manser Yamaha + 39

Classe 250[modifica | modifica wikitesto]

Nella quarto di litro si è importo il pilota tedesco Martin Wimmer che ha ottenuto il suo primo successo nel motomondiale, precedendo sul traguardo il connazionale Anton Mang e il francese Jean-Louis Tournadre; la classifica provvisoria del campionato vede in testa proprio quest'ultimo davanti a Mang.

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1 Germania Martin Wimmer Yamaha 38.38.89 1 15
2 Germania Anton Mang Kawasaki 38.39.98 4 12
3 Francia Jean-Louis Tournadre Yamaha 38.42.27 12 10
4 Svizzera Roland Freymond MBA 38.42.38 2 8
5 Francia Jean-Louis Guignabodet Kawasaki 38.42.73 6 6
6 Francia Thierry Espié Pernod 38.45.59 17 5
7 Italia Paolo Ferretti MBA 38.52.14 26 4
8 Venezuela Carlos Lavado Yamaha 38.52.14 10 3
9 Francia Christian Estrosi Pernod 38.53.40 8 2
10 Belgio Didier de Radiguès Chevallier 38.54.05 5 1
11 Belgio Etienne Geeraerd Armstrong 38.56.06 7
12 Francia Patrick Fernandez Bartol 39.18.41 14
13 Francia Jean-François Baldé Kawasaki 39.18.41 3
14 Regno Unito Pete Wild Yamaha 39.18.79 22
15 Irlanda del Nord Donnie Robinson Yamaha 39.18.79 13
16 Giappone Tadasu Ikeda Yamaha 39.19.04 29
17 Belgio Jean-Marc Toffolo Rotax 39.23.86 9
18 Regno Unito Paul Harris Yamaha 39.29.95 21
19 Stati Uniti Richard Schlachter Yamaha 39.24.21 20
20 Regno Unito Donnie McLeod Yamaha 39.24.68 28
21 Francia Pierre Bolle Yamaha 39.47.02 41
22 Italia Maurizio Vitali MBA 39.47.12 30
23 Australia Jeffrey Sayle Armstrong 39.48.16 31
24 Regno Unito Steve Tonkin Armstrong 39.50.47 34
25 Svizzera Bruno Lüscher Yamaha 39.51.51 38
26 Svezia Bengt Elgh Yamaha 39.51.60 25
27 Finlandia Eero Hyvärinen Yamaha 39.53.67 27
28 Belgio René Delaby Yamaha 40.04.46 35
29 Belgio Michel Simeon Yamaha 40.04.83 45
30 Francia Michel Galbit Yamaha 40.10.63 39
31 Regno Unito Steve Wright Yamaha 40.10.83 37
32 Sudafrica Johnny Scott Yamaha +1 giro 46
33 Regno Unito Tony Head Armstrong +1 giro 23

Classe 125[modifica | modifica wikitesto]

Nella classe di minor cilindrata in gara in quest'occasione, il duello tra i due piloti spagnoli Ricardo Tormo e Ángel Nieto si risolve in favore di quest'ultimo per un solo centesimo di secondo; in questo modo Nieto ottiene il suo cinquantesimo successo in questa classe e capeggia largamente la classifica provvisoria del campionato visto che questo in Inghilterra è il suo sesto successo stagionale. Per l'ottenimento matematico del suo undicesimo titolo mondiale manca ormai un solo punto in una delle tre gare che mancano al termine della stagione[1].

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1 Spagna Ángel Nieto Garelli 33.30.90 1 15
2 Spagna Ricardo Tormo Sanvenero 33.30.91 2 12
3 Italia Pier Paolo Bianchi Sanvenero 33.41.13 4 10
4 Italia Eugenio Lazzarini Garelli 34.01.82 3 8
5 Venezuela Ivan Palazzese MBA 34.10.23 13 6
6 Italia Pierluigi Aldrovandi MBA 34.10.31 7 5
7 Svizzera Hans Müller MBA 34.11.12 5 4
8 Austria August Auinger MBA 34.11.87 6 3
9 Svizzera Bruno Kneubühler MBA 34.33.58 8 2
10 Argentina Willy Pérez MBA 34.33.71 14 1
11 Svizzera Stefan Dörflinger Morbidelli 34.57.28 9
12 Belgio Lucio Pietroniro MBA 34.59.04 10
13 Finlandia Matti Kinnunen MBA 34.59.26 16
14 Italia Maurizio Vitali MBA 34.59.45 12
15 Paesi Bassi Anton Straver MBA 35.01.03 18
16 Finlandia Johnny Wickström MBA 35.01.15 19
17 Francia Jean-Claude Selini MBA 1 giro 25
18 Germania Gerhard Waibel MBA 24
19 Paesi Bassi Willem Heykoop Sanvenero 27
20 Austria Erich Klein MBA 22
21 Francia Frédéric Michel MBA 23
22 Belgio Chris Baert MBA 39
23 Germania Alfred Waibel Waibel 26
24 Spagna Andrés Sánchez MBA 34
25 Svezia Jan Bäckström MBA 21
26 Regno Unito Ray Swann MBA 30
27 Regno Unito Dave Shearer MBA 37
28 Francia Jacky Hutteau MBA 20
29 Svizzera Peter Sommer MBA 41
30 Svezia Tore Alexandersson MBA 31
31 Germania Helmut Lichtenberg MBA 35
32 Francia Paul Bordes MBA 28
33 Austria Werner Schmied MBA 36
34 Svizzera Rolf Rüttimann MBA 38
35 Regno Unito Bill Robertson MBA 40

Classe sidecar[modifica | modifica wikitesto]

A Silverstone Egbert Streuer e Bernard Schnieders ottengono il loro primo successo nel Motomondiale, precedendo al traguardo Schwärzel-Huber e Abbott-Smith. Si interrompe quindi la serie di vittorie di Rolf Biland-Kurt Waltisperg, che avevano ottenuto la quarta pole stagionale ma si sono ritirati al primo giro per un guasto; non terminano la gara nemmeno Alain Michel-Michael Burkhard e Jock Taylor-Benga Johansson[4][5].

In classifica Biland resta leader con 45 punti, lo seguono Schwärzel a 40 e Streuer a 33, mentre Michel e Taylor rimangono rispettivamente a 24 e 23 punti.

Arrivati al traguardo (posizioni a punti)[6][modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Passeggero Moto Tempo Punti
1 Paesi Bassi Egbert Streuer Paesi Bassi Bernard Schnieders LCR-Yamaha 31'57"43 15
2 Germania Ovest Werner Schwärzel Germania Ovest Andreas Huber Seymaz-Yamaha 32'38"17 12
3 Regno Unito Steve Abbott Regno Unito Shaun Smith ?-Yamaha 32'41"43 10
4 Regno Unito Mick Barton Regno Unito Nick Cutmore Yamaha 8
5 Regno Unito Gordon Nottingham Regno Unito Steve Johnson Windle-Yamaha 6
6 Regno Unito Dennis Bingham Regno Unito Julia Bingham ?-Yamaha 5
7 Svizzera Gérald Corbaz Svizzera Yvan Hunziker Seymaz-Yamaha 4
8 Regno Unito Derek Bailey Regno Unito Bob Bryson Yamaha 3
9 Regno Unito Mick Boddice Regno Unito Chas Birks Windle-Yamaha 2
10 Giappone Masato Kumano Giappone Kunio Takeshima LCR-Yamaha 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (ES) Nieto batia Tormo por 1-100, El Mundo Deportivo, 2 agosto 1982. URL consultato il 5 aprile 2016.
  2. ^ Uncini primo anche a Silverstone, il mondiale è suo, La Stampa, 2 agosto 1982. URL consultato il 5 aprile 2016.
  3. ^ Gualtiero Repossi, Campione per sempre, in Motociclismo, n. 2575, aprile 2003, pp. 316-319.
  4. ^ (NL) Grand Prix-zege van Asser zijspanduo, Nieuwsblad van het Noorden, 2 agosto 1982, p. 11. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  5. ^ (FR) Onzième titre pour Nieto, La Liberté, 2 agosto 1982, p. 15. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  6. ^ Tabella dei risultati su racingmemo.free, su racingmemo.free.fr. URL consultato il 13 maggio 2016.

Fonti e bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Werner Haefliger, MotoGP Results 1949-2010 Guide, Fédération Internationale de Motocyclisme, 2011.
  • Motociclismo settembre 1982, p. 160

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Motomondiale - Stagione 1982
Flag of Argentina.svg Flag of Austria.svg Flag of France.svg Flag of Spain.svg Flag of Italy.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of SFR Yugoslavia.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Sweden.svg Flag of Finland.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of San Marino.svg Flag of Germany.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1981
Gran Premio motociclistico di Gran Bretagna
Altre edizioni
Edizione successiva:
1983