Gneo Fulvio Centumalo Massimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gneo Fulvio Centumalo Massimo
Nome originaleCneus Fulvius Centumalus Maximus
Morte210 a.C.
Erdonia
GensFulvia
PadreGneo Fulvio Centumalo
Edilitànel 215 a.C.[1]
Preturanel 213 a.C.[1]
Consolatonel 211 a.C.[2]
Proconsolatonel 210 a.C.[3]

Gneo Fulvio Centumalo Massimo[4] (in latino: Cneus Fulvius Centumalus Maximus; III secolo a.C.Erdonia, 210 a.C.) è stato un politico romano, console.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Probabilmente fu figlio di Gneo Fulvio Centumalo. Fu edile curule dal 215 a.C. (?). Eletto pretore mentre era ancora in carica (inizi del 213 a.C.),[1] ed organizzò come edile i ludi scenici che durarono per la prima volta quattro giorni.[5] Gli fu quindi affidata l'armata che era posizionata a Suessula ed ebbe il comando di due legioni.[6]

Fu eletto console nel 211 a.C. con Publio Sulpicio Galba Massimo;[2] Fulvio Centumalo, insieme all'altro console, Sulpicio Galba, una volta assunta la carica alle idi di marzo, convocarono il senato in Campidoglio per consultarlo sugli affari politici, sulla condotta della guerra e riguardo alle problematiche di province ed eserciti.[7] Ai consoli venne poi prescritto di reclutare rinforzi, ove fosse necessario.[8] Verso la fine dell'anno, Fulvio fu chiamato a Roma per tenere i comizi centuriati ed eleggere i nuovi consoli per il 210 a.C.. La centuria Voturia dei più giovani, votò per prima ed elesse consoli T. Manlio Torquato e T. Otacilio, che era assente; Manlio Torquato però rifiutò con forza la carica, adducendo motivi salute.[9] In seguito a questo rifiuto si procedette ad una nuova votazione e vennero eletti Marco Claudio Marcello e Marco Valerio Levino.[10]

L'anno successivo il comando gli fu prorogato sempre i Apulia, dove rimase a capo di 2 legioni e 2 alae di alleati.[3] Sfortunatamente fu affrontato e sconfitto da Annibale nella seconda battaglia di Erdonia: lo stesso proconsole perì sul campo di battaglia assieme a dieci tribuni militari.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Livio, XXIV, 43.6.
  2. ^ a b Livio, XXV, 41.11.
  3. ^ a b Livio, XXVI, 28.9.
  4. ^ William Smith, Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, 1, Boston: Little, Brown and Company, Vol.1 p. 667
  5. ^ Livio, XXIV, 43.7.
  6. ^ Livio, XXIV, 44.3.
  7. ^ Livio, XXVI, 1.1.
  8. ^ Livio, XXVI, 1.11.
  9. ^ Livio, XXVI, 22.2-9.
  10. ^ Livio, XXVI, 22.10-15.
  11. ^ Livio, XXVII, 1.3-14.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti antiche
Fonti storiografiche moderne