Giuseppe Picella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Picella
Giuseppe Picella.jpg
Picella alla Reggiana nel 1968
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 69 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1977
Carriera
Giovanili
195?-1962 L'Aquila
Squadre di club1
1962-1963 L'Aquila 19 (2)[1]
1963-1964 Venezia 2 (0)
1963-1964 Mestrina 3 (0)
1965-1968 L'Aquila 43 (4)
1968-1972 Reggiana 127 (6)
1972-1973 Atalanta 9 (0)
1973-1976 Perugia 65 (5)
1976-1977 Pistoiese 31 (2)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giuseppe Picella (L'Aquila, 7 febbraio 1945) è un ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Era un classico centrocampista, che esprimeva il meglio di sé giocando in mediana; si mostrava inoltre duttile in fase di regia nonché opportunista al limite dell'area, non disdegnando la via del gol.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Picella (a sinistra) e Roberto Ciccotelli al Perugia nella stagione 1975-1976

Cresce calcisticamente nella squadra della sua città, L'Aquila, con cui disputa da titolare il campionato di Serie C 1967-1968. Viene poi acquistato dalla Reggiana, con cui disputa tre campionati di Serie B e uno di C (nella stagione 1970-1971, concluso con l'immediato ritorno fra i cadetti).

Nell'annata 1972-1973 passa all'Atalanta, facendo il suo esordio in Serie A. La stagione con i bergamaschi non è tuttavia delle più fortunate sia sul piano personale (non riesce a imporsi come titolare, scendendo in campo in soli 9 incontri di campionato) sia su quello di squadra, che retrocede in B.

Passa quindi al Perugia, sempre in cadetteria, con cui nel 1974-1975 vince il campionato centrando la prima promozione assoluta dei grifoni umbri nella massima categoria; Picella fu il capitano di quella squadra, venendo ricordato come uno dei principali artefici dello storico risultato.[2]

Dopo un'altra annata coi colori biancorossi in A, con 5 presenze all'attivo, viene ceduto alla Pistoiese dove contribuisce (con 31 presenze e 2 reti all'attivo) alla promozione dei toscani dalla C alla B.

In carriera ha collezionato complessivamente 14 presenze in Serie A, e 184 presenze e 11 reti in Serie B.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Reggiana: 1970-1971 (girone A)
Pistoiese: 1976-1977 (girone B)
Perugia: 1974-1975

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carcano, p. 190.
  2. ^ a b Claudio Giulietti, Sergio Pellizzaro e Giuseppe Picella, in Vecchia Guardia Grifo News, 6 aprile 2014, p. 7.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco Illustrato del Calcio, Milano, Carcano, 1964, p. 190.
  • Elio Corbani, Pietro Serina, Cent'anni di Atalanta, vol. 2, Bergamo, SESAAB, 2007, ISBN 978-88-903088-0-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]