Giulio Renato Litta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giulio Renato Litta
Count Giulio Litta.jpeg
12 aprile 1763 – 26 gennaio 1839
Nato aMilano
Morto aSan Pietroburgo
Luogo di sepolturaChiesa cattolica di San Giovanni Battista a Carskoe Selo
Dati militari
Paese servitoRussia Russia
Forza armataNaval Ensign of Russia.svg Marina Imperiale Russa
Anni di servizio1788-1839
GradoContrammiraglio
GuerreGuerra russo-svedese (1788-1790)
BattagliePrima battaglia di Svensksund
Seconda battaglia di Svensksund
voci di militari presenti su Wikipedia

Giulio Renato Litta Visconti Arese, in Russia noto col nome di Julij René Pompeevic Litta (Milano, 12 aprile 1763San Pietroburgo, 26 gennaio 1839), è stato un ammiraglio italiano naturalizzato russo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Litta a Milano, dove Giulio Renato nacque nel 1763

Nato a Milano nel 1763, rampollo di una delle più famose famiglie patrizie della nobiltà milanese, sia per parte di madre che per parte di padre era discendente dei Visconti. Egli era infatti figlio di Pompeo Giulio Litta (poi Litta Visconti Arese per matrimonio), VI marchese di Gambolò e di sua moglie, Maria Elisabetta Visconti Borromeo Arese.

A 19 anni entrò nella marina del Sovrano Militare Ordine di Malta, divenendo cavaliere e guadagnandosi una preziosa esperienza sul campo che gli frutterà molto in seguito. Quando la zarina Caterina II di Russia nel 1788 chiese al Gran Maestro Emmanuel de Rohan-Polduc di fornirgli un valido uomo di mare per riorganizzare la flotta russa in previsione di un'imminente guerra con la Svezia in cambio delle larghe elargizioni che la sovrana russa stava facendo nei confronti dell'Ordine, la scelta ricadde sul giovane Litta. che nel gennaio dell'anno successivo si trovava già a San Pietroburgo.

In breve tempo il cavaliere maltese seppe guadagnarsi la stima e l'amicizia non solo della zarina, ma anche del granduca ereditario Paolo che spinse per la sua nomina a maggiore generale della marina, ponendolo subito in servizio dal momento che la guerra era ormai incalzante. Dopo la vittoria navale dell'Impero Russo, il Litta venne promosso contrammiraglio.

Lo zar Paolo I di Russia, che tanto supportò il conte Litta in Russia, nelle vesti di Gran Maestro del Sovrano Militare Ordine di Malta.

Dopo un breve soggiorno in Italia dal 1792, nel 1795 venne costretto a fare ritorno in Russia dove venne nominato dall'Ordine di Malta delegato a trattare la restituzione dei beni dell'ordine che erano passati sotto il dominio russo a seguito dell'ultima spartizione della Polonia. La zarina Caterina era irremovibile su queste proprietà, ma la sua improvvisa morte il 6 novembre 1796 capovolse gli eventi: il nuovo zar, Paolo I, non solo era intimo amico del Litta (presso il quale aveva alloggiato a Milano nel suo viaggio del 1782) ma era un fervido sostenitore dell'Ordine dei cavalieri di Malta. Grazie all'influenza dello zar, l'Ordine riuscì pertanto ad ottenere i possedimenti che gli spettavano ed istituì il Gran Priorato russo del Sovrano Militare Ordine di Malta. Per ricompensarlo di questo gesto benevolo nei confronti dei cavalieri, fu lo stesso Litta, già nominato ministro plenipotenziario dell'Ordine presso Paolo I, a proporre prima ed ottenere poi che lo zar fosse eletto alla carica di gran maestro, dal momento che proprio in quell'anno il gran maestro in carica, Ferdinand von Hompesch zu Bolheim, era fuggito abbandonando l'isola di Malta nelle mani delle truppe napoleoniche. Intenzionato ad ottenere la cittadinanza russa e sempre più propenso a fare del suo servizio allo zar la sua ragione di vita, Giulio Renato sposò la ricca contessa Caterina Skavronskaja, già vedova dell'ambasciatore russo alla corte di Napoli. Tornato a San Pietroburgo dopo i festeggiamenti, fu il Litta a chiedere ed ottenere che anche Paolo I, come tutti i grandi maestri dell'Ordine, disponesse di una propria guardia personale costituita da aristocratici, di cui poi lui venne posto a capo.

Dopo la morte improvvisa dello zar Paolo I, assassinato, i cavalieri di Malta persero il loro storico appoggio in Russia, ma la carriera del Litta proseguì sotto il regno di Alessandro I che lo volle membro del Consiglio di Stato dove Giulio si schierò coi progressisti capeggiati da Speranskij e Kočubej. Sotto il regno poi di Nicola I, il Litta ottenne l'alto incarico di Presidente del dicastero dell'economia. Morì all'età di 76 anni, il 26 gennaio 1839. A suo ricordo, ancora oggi al museo russo dell'Ermitage è conservata la famosa Madonna Litta, attribuita a Leonardo da Vinci, donata allo zar di Russia nel 1865 dai discendenti di Giulio Litta.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea
Cavaliere dell'Ordine Imperiale di Sant'Aleksandr Nevskij - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Imperiale di Sant'Aleksandr Nevskij
Cavaliere di III Classe dell'Ordine Imperiale di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di III Classe dell'Ordine Imperiale di San Giorgio
Cavaliere di I classe dell’Ordine di San Vladimiro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell’Ordine di San Vladimiro
Cavaliere di I Classe dell'Ordine di Sant'Anna - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine di Sant'Anna
Commendatore dell'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme in Russia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme in Russia

Araldica[modifica | modifica wikitesto]

Stemma Descrizione Blasonatura
Heraldic Crown of Spanish Count.svg
LittaViscontiArese.jpg
Giulio Renato Litta Visconti Arese
Conte Litta
Inquartato: al 1° rombeggiato d'azzurro e d'argento, al 2° d'oro, all'aquila coronata, di nero, al 3° di Visconti; al 4° d'argento, al volo di nero abbassato; sul tutto, scaccato d'oro e di nero. Motto: PER LEALTA' MANTENERE.
Rangkronen-Fig. 18b.svg
LittaViscontiArese.jpg
Giulio Renato Litta Visconti Arese
Conte Litta (Impero russo)
Inquartato: al 1° rombeggiato d'azzurro e d'argento, al 2° d'oro, all'aquila coronata, di nero, al 3° di Visconti; al 4° d'argento, al volo di nero abbassato; sul tutto, scaccato d'oro e di nero. Motto: PER LEALTA' MANTENERE.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Greppi, Un gentiluomo milanese guerriero diplomatico 1763-1789. Appunti biografici sul balì Conte Giulio Renato Litta Visconti Arese, Tip. Lombardi, Milano, 1896;
  • G. Rumi, Scaccato d'oro e di nero. I fratelli Litta Visconti Arese negli anni della Rivoluzione e dell'Impero in I cannoni al Sempione. Milano e la "Grande Nation" (1796-1814), Cariplo, Milano, 1986;
  • Ivan Bociarov, Pushkiniana italiana, Mosca, 1991;
  • Alessio Varisco, La Vergine in esilio. Storia della devozionalità della Madre del monte Phileremo: da Rodi a Cetinjie, Pessano con Bornago, Mimep-Docete, 2010, ISBN 9788884241870;
  • Davide Sallustio, "Ritratti di Cavalieri-Il Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme, di Rodi e di Malta attraverso la pittura", Edizioni Eracle, Napoli, 2014;
  • Alessio Varisco, La Madonna profuga. Devozionalità alla Madre di Dio del Monte Phileremo, patrona del Sovrano Militare Ordine di Malta, Arcidosso, Edizioni Effigi, 2016, ISBN 978-88-6433-730-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN232123077
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie