Giovanni Saracco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Saracco

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XIII Legislatura
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico della Sinistra
Coalizione Progressisti - l'Ulivo

Dati generali
Partito politico Partito Democratico della Sinistra
Professione urbanista

Giovanni Saracco (Cantarana, 8 dicembre 1932) è un politico e urbanista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce in una famiglia di contadini: il nonno Giovanni è mezzadro in una cascina di un medico, ed i genitori Angelo Saracco e Pierina Valpreda sono dediti al lavoro agricolo. Ha due fratelli, Mario (nato il 14 gennaio 1934) ed Efisio (nato il 30 dicembre 1935)[1].

Inizia la sua carriera professionale come geometra comunale. Collabora con i professori Alessandro Molli-Boffa e Francesco Ognibene tra il 1962 ed il 1970. Si laurea in Architettura all'Università di Torino nel 1975 con una tesi sull'urbanistica nell'area metropolitana il cui relatore è Leonardo Mosso. Nel 1968 è cofondatore dell'Istituto di Studi e Servizi per lo Sviluppo della Comunità (ISESCO).

La sua attività politica inizia nel 1960 con il Centro di Attività Sociali ed il periodico di area cattolica Giovani a Torino di cui è direttore. Insieme a Piero Quarello, Adriano Cordazzo, Danilo Frassetto e Renzo Bodrato anima l'Associazione Italiana Lavoratori Studenti. In questo periodo ha rapporti con l'area della Sinistra Cristiana. I suoi punti di riferimento sono: Ernesto Baroni, Felice Balbo ed Italo Martinazzi. Negli anni '70 promuove, con altri, la nascita della Sinistra Indipendente in Piemonte. È stato Consigliere Provinciale ad Asti tra il 1985 ed il 1990, Sindaco di Villafranca d'Asti tra il 1990 ed il 1999 e Senatore della Repubblica durante la XIII Legislatura.

Progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie