Giorgio Oberweger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giorgio Oberweger
Giorgio Oberweger 1936.jpg
Giorgio Oberweger nel 1936
Nazionalità Italia Italia
Altezza 189 cm
Peso 82 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Lancio del disco
Record
Disco 51,49 m (1938)
Società Flag of None.svg Giovinezza Trieste
Atletica Virtus Bologna flag.svg Virtus Atletica Bologna
Ritirato 1940
Carriera
Nazionale
1934-1938 Italia Italia
Palmarès
Giochi olimpici 0 0 1
Europei 0 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 5 agosto 2010
Giorgio Oberweger
22 dicembre 1913 – 14 ottobre 1998
Nato aTrieste
Morto aRoma
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataRegia Aeronautica
SpecialitàCaccia
GradoTenente Colonnello
GuerreSeconda guerra mondiale
Decorazionivedi qui
voci di militari presenti su Wikipedia

Giorgio Oberweger (Trieste, 22 dicembre 1913Roma, 14 ottobre 1998) è stato un discobolo e militare italiano.

Atleta di grande valore, primatista italiano del lancio del disco con 51,49 m e nei 110 m ostacoli, fu anche un asso della Regia Aeronautica durante la seconda guerra mondiale. Dopo la fine del conflitto ricoprì a lungo l'incarico di Commissario tecnico della Nazionale maschile di Atletica leggera.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Trieste 22 dicembre 1913,[1] figlio di Georg[2] e Elena Codan.[3] Il suo primo approccio con lo sport avviene nel canottaggio con la Canottieri Adria di Trieste. Successivamente si avvicinò all'atletica provando diverse discipline come la marcia, le corse veloci, il salto in lungo e quello in alto. S'interessò anche al nuoto, allo sci, al motociclismo ed al ciclismo. Nel 1931 partecipò al Gran Premio dei Giovani nelle gare di Pentathlon con i colori della Giovinezza Trieste. In quell'anno cominciò a dedicarsi ai lanci ed in particolare al lancio del disco. In questa specialità alle Olimpiadi del 1936 si aggiudicò la medaglia di bronzo e ai campionati europei di atletica leggera di due anni più tardi, dopo il sesto posto del 34, quella d'argento. Nel 1938 fu primatista italiano nel disco con 51,49 e nei 110 m ostacoli, gara cui partecipò agli europei venendo però eliminato nelle qualificazioni.[1] Dopo essersi laureato in legge all'Università di Bologna, nel 1938 prese il brevetto di pilota civile di primo grado vincendo in seguito il concorso per l'ingresso nella Regia Aeronautica. Durante la seconda guerra mondiale operò nel Mediterraneo, nel Mare del Nord, nel Canale della Manica e nell'Africa settentrionale.[3] Volando a bordo dei caccia Fiat C.R.42 Falco, e successivamente Fiat G.50 Saetta, conseguì cinque vittorie aeree, divenendo asso dell'aviazione. Fu decorato con una Medaglia d'argento e due Croci di guerra al valor militare. Cinque mesi circa prima di morire sarebbe arrivata per lui la nomina a tenente colonnello e l'iscrizione al Ruolo d'Onore.

Nel 1946 venne nominato Commissario tecnico della Nazionale maschile di atletica leggera, carica che conserverà fino al 1960.[1] Alle Olimpiadi di Londra fu l'allenatore di Adolfo Consolini e Giuseppe Tosi, rispettivamente oro ed argento nel lancio del disco in quell'occasione,[3] e venne iscritto alla gara per poter meglio stare a contatto con loro e dare istruzioni e consigli.
Tra il 1964 e il 1969 tornò a ricoprire il ruolo di Commissario Tecnico, questa volta in veste di Commissario unico.[1] Tra la fine degli anni sessanta e il 1972 fece parte del Consiglio della Federazione mondiale di Atletica leggera (IAAF). È questa la massima carica direttiva da lui ricoperta nella sua carriera di dirigente.
Nello stesso periodo presiedette la Scuola centrale dello sport, conservando l'incarico fino al 1972.

Negli ultimi anni di vita stava collaborando con Augusto Frasca ad un libro di memorie che non ebbe il tempo di firmare. Si spense a Roma il 14 ottobre 1998.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Misura Note
1934 Europei Italia Torino Lancio del disco 45,38 m
1936 Olimpiadi Germania Berlino Lancio del disco Bronzo Bronzo 49,23 m
1938 Europei Francia Parigi Lancio del disco Argento Argento 49,48 m

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«Pilota da caccia di grande perizia e ardimento portava nei Cieli dell'Africa Settentrionale la sicura fede dei cacciatori di Italia. Durante la battaglia della Marmarica, in aspri e violenti combattimenti, sostenendo valorosamente l'urto delle superiori forze nemiche, contribuiva all'abbattimento di numerosi velivoli avversari.»
— Cielo della Marmarica, novembre-dicembre 1940.
— Regio Decreto 17 agosto 1942[4]
Croce di guerra al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra al valor militare
«Pilota da caccia, in numerose azioni belliche, di fronte ad ogni rischio, dava prova di abilità professionale e valore di combattente.»
— Cielo della Manica e dell'Africa Settentrionale, giugno 1940-luglio 1941.
Croce di guerra al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra al valor militare
«sul Campo»
— Regio Decreto 26 settembre 1942[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Colombo 1998, p. 44.
  2. ^ Il padre, militare austriaco di Meinitz, in Stiria, era scomparso durante la prima guerra mondiale.
  3. ^ a b c Gianni Brera, Quelle epiche battaglia tra i duellanti del disco, in La Repubblica (Roma), 29 luglio 1984.
  4. ^ Bollettino Ufficiale 1942, dispensa 19, pagina 908, registrato alla Corte dei Conti addì 2 ottobre 1942, registro 8 aeronautica, foglio n.146.
  5. ^ Bollettino Ufficiale 1942, dispensa 42, registrato alla Corte dei Conti addì 16 novembre 1942, registro 10 Aeronautica, foglio n.338.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Giorgio Apostolo, Giovanni Massimello, Italian Aces of World War 2, Botley, Osprey Publishing, 2000, ISBN 1-84176-078-1.
  • (EN) Chris Dunning, Combat Units od the Regia Aeronautica. Italia Air Force 1940-1943, Oxford, Oxford University Press, 1988, ISBN 1-871187-01-X.
  • (EN) Håkan Gustavsson, Richard Caruana, Ludovico Slongo, Fiat C.R.42 Aces of World War 2, West Way, Botley, Oxford/New York, Osprey Publishing, 2009, ISBN 978-1-84603-427-5.
  • I reparti dell'Aeronautica Militare, Roma, Ufficio Storico Stato Maggiore dell'Aeronautica, 1977.
  • Franco Pagliano, Aviatori italiani: 1940-1945, Milano, Ugo Mursia Editore, 2004, ISBN 88-425-3237-1.
  • Franco Pagliano, Storia di diecimila aeroplani, Milano, Edizioni Europee, 1954.

Periodici[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianni Brera, Quelle epiche battaglia tra i duellanti del disco, in La Repubblica, Roma, RCS Editore, 29 luglio 1984.
  • Claudio Colombo, Addio, grande vecchio dell'atletica, in Corriere della Sera, Milano, RCS Editore, 15 ottobre 1998, p. 44.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]