Gengar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
 Gengar 
Gengar
Gengar

Nome nelle varie lingue
Italiano Gengar
Giapponese ゲンガー Gengā
Tedesco Gengar
Francese Ectoplasma
 Pokédex 
Classico 094
Johto 60
Hoenn 264
Sinnoh 71
Caratteristiche
Specie Pokémon Ombra
Altezza 150 cm
Peso 40,5 kg
Generazione Prima
Evoluzione di Haunter
Megaevolve in MegaGengar
Stato Secondo Stadio
Tipi Spettro
Veleno
Abilità Levitazione
Legenda · progetto Pokémon

Gengar (in giapponese ゲンガー Gengā, in tedesco Gengar, in francese Ectoplasma) è un Pokémon della Prima generazione di tipo Spettro/Veleno. Il suo numero identificativo Pokédex è 94.

Insieme a Nidorino, è uno dei primi due Pokémon che appare nei videogiochi Pokémon Rosso e Verde e Pokémon Rosso Fuoco e Verde Foglia e nell'anime Pokémon.

Gengar è utilizzato da Angelo, Agatha, Fannie e Drake.

Nei videogiochi Pokémon X e Y Gengar ottiene una megaevoluzione denominata MegaGengar.[1]

Significato del nome[modifica | modifica sorgente]

Il suo nome potrebbe derivare dalla parola tedesca doppelgänger (fantasma dalle sembianze di una persona vivente) o dalla parola norvegese jenganger (fantasma che vagabonda nelle campagne durante la notte). Nella versione beta di Pokémon Rosso e Blu il suo nome era "Phantom" (fantasma).[2]

Il suo nome francese, Ectoplasma, deriva dalla parola ectoplasme (ectoplasma).

Origine[modifica | modifica sorgente]

Gengar è basato sui fantasmi. Il suo aspetto ricorda quello del gatto del Cheshire.

Evoluzioni[modifica | modifica sorgente]

Si evolve da Haunter, evoluto da Gastly a livello 25, se scambiato. Si megaevolve in MegaGengar utilizzando lo strumento Gengarite.

Pokédex[modifica | modifica sorgente]

  • Rosso/Blu: Nelle notti di luna piena ama mimare le ombre della gente e deridere il loro terrore.
  • Giallo: Un alito gelido annuncia l'arrivo di Gengar. Attacca le vittime con orribili maledizioni.
  • Oro/HeartGold: Assorbe calore dall'ambiente. Se si sente un brivido di gelo improvviso, è senz'altro apparso un Gengar.
  • Argento: Per sottrarre vita alla vittima si nasconde nella sua ombra e attende in silenzio il momento opportuno.
  • Cristallo/Y: Di notte si cela nell'ombra delle vittime per assorbirne il calore, provocando loro un tremito.
  • RossoFuoco: Si dice che emerga dall'oscurità per sottrarre la vita di chi si è perso tra le montagne.
  • VerdeFoglia: Se in una notte di luna piena si scorgono ombre che danzano e ridono, si tratta di Gengar.
  • Rubino/Zaffiro: Talvolta nelle notti buie, può accadere che un passante sia improvvisamente assalito dalla propria ombra. È opera di Gengar, che usa avvicinarsi fingendosi un'ombra.
  • Smeraldo: Talvolta nelle notti buie, può accadere che un passante sia superato dalla propria ombra. È opera di Gengar, che si finge la sua sagoma scura.
  • Diamante/X: Si nasconde nell'ombra. Pare che nei luoghi in cui Gengar si cela, la temperatura si abbassi di 5 °C.
  • Perla: Celandosi negli angoli ombrosi delle stanze, aspetta l'opportunità di sottrarre vitalità alle prede.
  • Platino/Nero/Bianco/Nero2/Bianco2: Si aggira nel buio con lo sguardo perfido e si diverte a lanciare maledizioni.
  • SoulSilver: Per sottrarre energia alla vittima si nasconde nella sua ombra e attende in silenzio il momento opportuno.

Nel videogioco[modifica | modifica sorgente]

Nei videogiochi Pokémon Diamante e Perla e Pokémon Platino Gengar sarà disponibile presso l'Antico Chateau (Old Chateau) una volta inserita una cartuccia di un videogioco della terza generazione nell'apposito slot del Nintendo DS.

In Pokémon Ranger è presente all'interno Tempio di Fiore (Fiore Temple), mentre nel seguito Pokémon Ranger: Ombre su Almia è disponibile nel Tempio Hippowdon e nella Torre Altru.

Il Pokémon appare anche in Pokémon Mystery Dungeon: Squadra Rossa e Squadra Blu come membro del Team Blue (Team Meanies) composto da Gengar, Ekans e Medicham.[3]

MegaGengar[modifica | modifica sorgente]

MegaGengar è la megaevoluzione di Gengar ottenibile tramite la Megapietra Gengarite. È alto 140 cm e possiede l'abilità Pedinombra.[1]

Mosse[modifica | modifica sorgente]

Gengar apprende numerose mosse di tipo Spettro come Destinobbl., Sciagura ed Incubo. Il Pokémon può imparare svariati attacchi di diversi tipologie (Buio, Elettro, Fuoco, Ghiaccio e Lotta) mediante Guida Mosse o tramite MT.

Al contrario delle sue pre-evoluzioni, Gengar è in grado di utilizzare la mossa MN Forza.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

  • Punti Salute: 60 (max 324)
  • Attacco: 65 (max 251)
  • Difesa: 60 (max 240)
  • Attacco Speciale: 130 (max 394)
  • Difesa Speciale: 75 (max 273)
  • Velocità: 110 (max 350)

MegaGengar[modifica | modifica sorgente]

  • Punti Salute: 60 (max 321)
  • Attacco 65 (max 251)
  • Difesa: 80 (max 284)
  • Attacco Speciale: 170 (max 482)
  • Difesa Speciale: 95 (max 317)
  • Velocità: 130 (max 394)

Nell'anime[modifica | modifica sorgente]

Gengar appare per la prima volta in L'inizio di una grande avventura (Pokémon, I Choose You!). Nella prima scena dell'episodio si vede il Pokémon lottare contro un Nidorino.[4] Il combattimento riprende l'inizio del videogioco Pokémon Rosso.

Nell'episodio La torre della paura (The Tower of Terror) Ash Ketchum incontra un esemplare di Gengar.[5] In Un mistero dopo l'altro (The Ancient Puzzle of Pokémopolis) il Pokémon combatte contro un Alakazam.[6]

Drake utilizza un Gengar nel corso degli episodi L'Isola del Drago (Hello Pummelo) e Una grande vittoria (Enter The Dragonite) in cui combatte contro il Lapras di Ash.[7][8] Il Gengar del capopalestra Angelo è visibile per la prima volta in La torre di latta (A Ghost Of A Chance).[9]

Anche la Superquattro Agatha possiede un esemplare del Pokémon che utilizza contro il Pikachu di Ash nel corso di Arrivederci, amici (The Scheme Team).[10] In Il Controscudo! (A Shield with a Twist) il Buizel di Ash sconfigge il Gengar della capopalestra Fannie.[11]

Il Pokémon appare inoltre nell'episodio Oscure presenze (Ghoul Daze!).[12]

In Pokémon: Le origini l'allenatore Rosso utilizza un Gengar durante la cattura del Pokémon leggendario Mewtwo.[13]

Nel gioco di carte collezionabili[modifica | modifica sorgente]

Gengar appare in 17 carte di tipo Psiche, appartenenti a 13 set:[14][15]

  • Fossil (due carte, una delle quali Olografica)
  • Gym Heroes (Pokémon della capopalestra Sabrina)
  • Gym Challenge (Pokémon della capopalestra Sabrina)
  • Neo Destiny (come Dark Gengar)
  • Expedition (due carte, una delle quali Olografica)
  • Skyridge
  • EX RossoFuoco e VerdeFoglia (come Gengar ex)
  • EX La Leggenda di Mew (Olografica)
  • Diamante & Perla
  • Fronte di Tempesta
  • L’Ascesa dei Rivali (come Gengar GL, Pokémon della capopalestra Fannie)
  • Arceus (tre carte, una delle quali Gengar LIV.X)
  • Battaglie Trionfali (Olografica)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Pokémon che possono megaevolversi
  2. ^ (EN) Pokemon Beta Names da Glitch City
  3. ^ (EN) Team Meanies da Bulbapedia
  4. ^ (EN) Episode 1 - Pokémon, I choose you da Serebii.net
  5. ^ (EN) Episode 23 - The Tower of Terror da Serebii.net
  6. ^ (EN) Episode 74 - The Ancient Puzzle of Poké-mopolis da Serebii.net
  7. ^ (EN) Episode 113 - Hello Pumello da Serebii.net
  8. ^ (EN) Episode 114 - Enter The Dragonite da Serebii.net
  9. ^ (EN) Episode 183 - A Ghost Of a Chance da Serebii.net
  10. ^ (EN) Episode 409 - The Scheme Team da Serebii.net
  11. ^ (EN) Episode 570 - Shield with a Twist da Serebii.net
  12. ^ (EN) Episode 558 - Ghoul Daze da Serebii.net
  13. ^ (EN) Special: Pokémon Origins da Serebii.net
  14. ^ (EN) Gengar (TCG) da Bulbapedia
  15. ^ (EN) #094 Gengar - Cardex da Serebii.net

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Paul J. Shinoda, Pokémon Official Nintendo Player's Guide, Nintendo Power, 1998, pag. 89, ISBN 978-4-549-66914-0.
  • (EN) Nintendo Power, Pokémon Special Edition for Yellow, Red and Blue, Nintendo Power, 1999, pag. 94, ASIN B000GLCWWW.
  • (EN) M. Arakawa, Pokémon Gold Version and Silver Version Complete Pokédex, Nintendo Power, 2000, pag. 26, ASIN B000LZR8FO.
  • (EN) Scott Pellard, Pokémon Crystal Version, Nintendo Power, 2001, pag. 93, ISBN 978-1-930206-12-0.
  • (EN) Eric Mylonas, Pokémon Fire Red & Leaf Green: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2004, pag. 115, ISBN 978-0-7615-4708-2.
  • (EN) Lawrence Neves, Pokémon Diamond & Pearl Pokédex: Prima's Official Game Guide Vol. 2, Prima Games, 2007, pag. 60, ISBN 978-0-7615-5635-0.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon Platinum: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2009, pag. 417, ISBN 978-0-7615-6208-5.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Johto Guide & Johto Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, pag. 250, ISBN 978-0-307-46803-1.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Kanto Guide & National Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, pag. 245, ISBN 978-0-307-46805-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Pokémon Portale Pokémon: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pokémon