Gasdotto Trans-Anatolico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il percorso del gasdotto

Il gasdotto Trans-Anatolico o in sigla TANAP dall'inglese: Trans-Anatolian Natural Gas Pipeline, in turco: Trans-Anadolu Doğalgaz Boru Hattı è un gasdotto che dall'Azerbaigian, attraverso la Georgia e la Turchia arriva in Europa. Farà parte della parte centrale del corridoio di gas meridionale che collega l'area di estrazione di Shah Deniz all'Europa con il Gasdotto sudcaucasico (SCP), con TANAP e con TAP.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto fu annunciato il 17 novembre 2011 al 3° forum economico e dell'energia del Mar Nero ad Istanbul.[1] Il 26 dicembre 2011, la Turchia e l'Azerbaijan firmano un memorandum di intesa per stabilire un consorzio per costruire il gasdotto.[2]

Nella primavera del 2012 è stato avviato il processo di conduzione dello studio di fattibilità tecnico-economica.[3] Il 26 giugno 2012, il presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev e l'allora primo ministro della Turchia, Recep Tayyip Erdoğan, hanno firmato un accordo intergovernativo vincolante sulla condotta. Inoltre, l'accordo è stato firmato dal ministro dell'industria e dell'energia d'Azerbaigian, Natig Aliyev, e dal ministro turco dell'energia e delle risorse naturali Taner Yildiz.[4] L'accordo iniziale sulle questioni organizzative tra BOTAŞ e SOCAR è stato firmato da Natig Aliyev e Taner Yildiz, dal Presidente SOCAR Rovnag Abdullayev e dal Vice Direttore Generale del BOTAŞ Mehmet Konuk. L'accordo sul paese ospitante è stato firmato da Taner Yildiz e dal presidente SOCAR Rovnag Abdullayev per conto di TANAP tra il governo turco e la compagnia TANAP.[5] Il 17 marzo 2015, Erdogan e Aliyev hanno incontrato con Giorgi Margvelashvili, Presidente della Georgia, nella città di Kars, della Turchia orientale, per gettare formalmente le fondamenta del gasdotto e contrassegnare il lavoro come iniziato.[6]

La costruzione del gasdotto comincia formalmente nel 2015 e si aspetta sia completata nel 2018.[7]

Il 12 giugno 2018, nella provincia turca di Eskishehir, è stato aperto il gasdotto Trans-Anatolico nella stazione di misurazione del compressore.[8][9] I presidenti dell'Azerbaigian e della Turchia, Ilham Aliyev e Recep Tayyip Erdoğan, hanno lanciato il gasdotto denominato come "la via della seta energetica".[10] Alla cerimonia d'apertura hanno partecipato anche il capo della compagnia petrolifera azera (SOCAR) Rovnag Abdullayev e il ministro turco dell'energia e delle risorse naturali Berat Albayrak, il presidente della Serbia Aleksandar Vučić,[11] il primo ministro della Bulgaria Bojko Borisov, l'amministratore delegato di BP Robert Dudley e altri.[12]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il gasdotto dovrebbe costare 10-11 miliardi di dollari statunitense. $ 800 milioni di finanziamenti sono stati approvati dalla Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo di TANAP. Complessivamente, TANAP riceverà circa $ 3,7 miliardi di prestiti, un progetto che costa circa $ 8,5 miliardi. La costruzione dovrebbe iniziare nel 2015 e terminare entro il 2018.[13]

La capacità prevista del gasdotto sarebbe di 16 miliardi di metri cubi (570 miliardi di piedi cubici) di gas naturale all'anno nella fase iniziale e sarebbe aumentata in seguito fino a 23 miliardi di metri cubi entro il 2023, 31 miliardi di metri cubi (1,1 trilioni di piedi cubici) entro il 2026, e nella fase finale 60 miliardi di metri cubi (2,1 trilioni di piedi cubici) per poter trasportare ulteriori forniture di gas dall'Azerbaigian e, se il gasdotto Trans-Caspio, dal Turkmenistan. La sua capacità sarebbe aumentata aggiungendo circuiti paralleli e stazioni di compressione in base all'aumento delle forniture disponibili. Non è ancora deciso se la condotta utilizzerà tubi da 48 o 56 pollici (1.200 o 1.400 mm).[14] L'altezza massima della condotta è di 2.700 metri sopra il livello medio del mare.[15]

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Il gasdotto TANAP attraversa 20 province della Turchia: Ardahan, Kars, Erzurum, Erzincan, Bayburt, Gümüşhane, Giresun, Sivas, Yozgat, Kırşehir, Kırıkkale, Ankara, Eskişehir, Bilecik, Kütahya, Bursa, Balikesir, Canakkale, Tekirdağ e Edirne. Il gasdotto inizierà dal terminal di Sangachal e nel territorio dell'Azerbaigian sarà l'espansione di gasdotto del Caucaso Meridionale (SCPx). Dal punto di SCPx, che si trova ad Erzurum, sarà proseguito per Eskishehir dove scaricherà 6 miliardi di metri cubi di gas destinati agli acquirenti turchi. Dalla frontiera fra Turchia e Grecia proseguirà attraverso la Grecia, l'Albania e si concluderà in Italia. Il percorso esatto del gasdotto non è chiaro. Tuttavia, è stato annunciato che una diramazione dalla Turchia andrebbe in Grecia e l'altra in Bulgaria.[16] Sarebbe collegato con Trans Adriatic Pipeline. Il governo turco ha affermato nel marzo 2015 che era in esame anche una diramazione dalla Grecia attraverso la Macedonia del Nord e la Serbia verso l'Ungheria.[17]

Azionisti[modifica | modifica wikitesto]

Il TANAP verrà gestito da SOCAR, che detiene attualmente il 58% degli interessi del progetto. L'operatore turco di pipeline BOTAŞ possiede il 30%, mentre BP acquisisce il 12% nel progetto per il 13 marzo 2015. La società del progetto TANAP avrà la sede centrale nei Paesi Bassi.[18]

Inizialmente, l'Azerbaigian aveva detenuto una quota dell'80%, con la Turchia che possedeva il resto degli interessi. La quota turca è stata divisa tra le società turca a monte TPAO (15%) e l'operatore turco di pipeline BOTAŞ (5%). Le società internazionali del consorzio Shah Deniz (BP, Statoil e Total) avevano un'opzione per possedere fino al 29% in TANAP. Tuttavia, solo BP ha ottenuto questa opzione a dicembre 2013.[19]

Il governo turco ha quindi deciso che solo il BOTAŞ deterrà una partecipazione (20%) nel TANAP. L'operatore turco di oleodotti ha acquisito un ulteriore 10% nel maggio 2014. Il piano iniziale di SOCAR era di mantenere il 51% e l'operatività del progetto. Diverse società turche private erano interessate al restante 7%, ma questo non si è concretizzato.

Contraenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ferruh Demirmen, BP-SOCAR duo deliver 'coup de grace' to Nabucco (News.az), 19 dicembre 2011. URL consultato il 25 dicembre 2011 (archiviato il 13 giugno 2018).
  2. ^ Turkey, Azerbaijan sign pipeline deal [collegamento interrotto], in Las Vegas Sun (The Associated Press), 27 dicembre 2011. URL consultato il 27 dicembre 2011.
  3. ^ Trans-Anatolian Pipeline Project, su jamestown.org.
  4. ^ Aliyev, Erdogan firma accordo intergovernativo sul gasdotto trans-anatolico verso l'Europa, su jamestown.org.
  5. ^ Ruolo dell'energia nella politica estera dell'Azerbaigian (PDF), su etd.lib.metu.edu.tr.
  6. ^ Fondazione per la posa di tubi per trasportare gas azero nell'UE, su hurriyetdailynews.com.
  7. ^ Turkey, Azerbaijan to start work on new mega gas pipeline, in Hürriyet Daily News, 17 marzo 2015. URL consultato il 17 marzo 2015.
  8. ^ Nuovo gasdotto dell'Azerbaigian verso l'Europa, su afp.com.
  9. ^ Il primo gas arriva in Turchia attraverso il gasdotto dall'Azerbaijan, su barchart.com.
  10. ^ La cerimonia di apertura del gasdotto TANAP svolta in Turchia, su iz.ru.
  11. ^ I leader aprono il gasdotto TANAP che trasporta gas dall'Azerbaigian verso l'Europa, su investorvillage.com.
  12. ^ TANAP, su ru.sputnik.az.
  13. ^ $ 2,15 miliardi di finanziamenti esterni garantiti per TANAP, su dailysabah.com.
  14. ^ Corridoio all'Europa, TANAP, su jamestown.org.
  15. ^ Gasdotto trans anatolico per il gas naturale (TANAP), su socarmidstream.az.
  16. ^ Gas azero all'Europa centrale, verso Balcani, su bloomberg.com.
  17. ^ BP, partner del gasdotto Trans-Anatolian, su dailysabah.com.
  18. ^ BP acquisisce il 12%del progetto di TANAP, su hurriyetdailynews.com.
  19. ^ BOTAS, BP intendono di diventare azionisti di TANAP, su en.trend.az.
  20. ^ http://www.2b1stconsulting.com/socar-and-bp-kick-off-trans-anatolian-natural-gas-pipeline-construction/
  21. ^ RESULT OF TENDER FOR TANAP PROJECT’S SCADA/TELECOMMUNICATIONS SYSTEM ENGINEERING, PROCUREMENT AND CONSTRUCTION (EPC) WORKS ANNOUNCED | TANAP
  22. ^ TANAP - Trans Anadolu Doğal Gaz Boru Hattı, Lot 2

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]