Fratelli Bandiera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Esecuzione dei fratelli Bandiera

Attilio Bandiera (Venezia, 24 maggio 1810Cosenza, 25 luglio 1844) e Emilio Bandiera (Venezia, 20 giugno 1819Cosenza, 25 luglio 1844) furono due patrioti italiani, eroi del Risorgimento.

Furono giustiziati per fucilazione in seguito alla sentenza della corte marziale del Regno delle Due Sicilie a Cosenza il 25 luglio 1844 dopo un fallito tentativo di sollevare le popolazioni calabresi contro il governo di Ferdinando II nella prospettiva di un'unificazione nazionale italiana.

I primi tentativi insurrezionali[modifica | modifica wikitesto]

Attilio ed Emilio, entrambi nati a Venezia, erano figli del barone e ammiraglio Francesco Giulio Bandiera e di Anna Marsich; a loro volta ufficiali della Marina da guerra austriaca, aderirono alle idee di Giuseppe Mazzini e fondarono una loro società segreta, l'Esperia (nome con il quale i greci indicavano l'Italia antica) e con essa tentarono di effettuare una sollevazione popolare nell'Italia meridionale, ma, resisi conto d'essere circondati da numerose spie, fuggirono a Corfù, ritrovandosi con un manipolo di esuli. L'Austria cercò di richiamarli, per evitare di diffondere lo scandalo, inviando la madre dei due per convincerli.

Spedizione in Calabria[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 marzo 1844 a Cosenza, capoluogo della Calabria Citeriore nel Regno delle Due Sicilie, scoppiò un moto durante il quale il capitano Galluppi, figlio del filosofo Pasquale Galluppi, cadde sotto il fuoco della gendarmeria borbonica insieme ad altri quattro compagni; in seguito a questo episodio, altri sei del gruppo furono condannati a morte e fucilati l'11 luglio. Le loro salme riposano ancora oggi nella cappella d'Orazione e Morte, nel duomo di Cosenza.

Il 13 giugno 1844 i fratelli Bandiera, disertori della Marina da guerra austriaca, partirono da Corfù (dove avevano una base allestita con l'ausilio del barese Vito Infante) alla volta della Calabria, insieme a 17 compagni, al brigante calabrese Giuseppe Meluso e al corso Pietro Boccheciampe. Il 16 giugno 1844 sbarcarono alla foce del fiume Neto, vicino a Crotone e appresero che la rivolta scoppiata a Cosenza si era conclusa e che al momento non era in corso alcuna ribellione all'autorità del re[1]. Pur non essendoci alcuna rivolta, i fratelli Bandiera vollero lo stesso continuare l'impresa e partirono per la Sila. Il Boccheciampe, appresa la notizia che non c'era alcuna sommossa a cui partecipare, sparì e andò al posto di polizia di Crotone per denunciare i compagni. L'allarme dato raggiunse anche la cittadina di San Giovanni in Fiore e più precisamente

«...giorno 19 giugno del 1844. In punto che corrono le ore 18 (ore 14 correnti), è qui che giunse la triste notizia che il bandito Giuseppe Meluso di San Giovanni in Fiore, da molti anni rifugiò in Corfù, sia disbarcato nelle marine del Marchesato, con un mediocre numero di persone abbigliate alla militare , e introdottisi in tenimento di Cerenzia e Caccuri, limitrofo a questo capoluogo, col disegno di perturbare la pubblica quiete»

(ASCS Imputati politici - Inserito nel libro La spedizione in Calabria dei Fratelli Bandiera, di Salvatore Meluso, Rubbettino editore, 2001)

Cattura ed esecuzione[modifica | modifica wikitesto]

Attilio (sinistra) ed Emilio Bandiera ritratti da Giuseppe Pacchioni nel carcere nel Castello di Cosenza prima dell'esecuzione

Subito iniziarono le ricerche dei rivoltosi ad opera delle guardie civiche borboniche, che avvistarono il gruppetto proprio quando si trovava alle porte di San Giovanni in Fiore. In seguito ad alcuni scontri a fuoco, avvenuti presso la località della Stragola (dove oggi si trova un cippo in marmo, commemorativo delle eroiche gesta) nel comune di San Giovanni in Fiore, in cui persero la vita Giuseppe Miller e Francesco Tesei,[2] vennero tutti catturati (meno il brigante Giuseppe Meluso che, buon conoscitore dei luoghi, essendo egli stesso originario di San Giovanni in Fiore, riuscì a sfuggire alla cattura).

Furono rinchiusi nelle prigioni della cittadina silana, nelle celle di Palazzo Lopez, tranne i feriti che vennero trasportati immediatamente a Cosenza, mentre i caduti Miller e Tesei vennero seppelliti nella chiesa dell'Annunziata [3]. I catturati furono tradotti quindi nelle carceri del castello di Cosenza per essere giudicati dalla corte marziale. Il re Ferdinando II questa volta fu severo: i fratelli Bandiera e altri sette compagni, il veneziano Domenico Moro, i romagnoli Giovanni Venerucci, Giacomo Rocca e Francesco Berti, il toscano Anacarsi Nardi, il perugino Domenico Lupatelli e il frusinate Nicola Ricciotti furono condannati a morte. I patrioti vennero fucilati nel vallone di Rovito, luogo allora dedicato alle esecuzioni capitali, nei pressi del centro storico di Cosenza, il 25 luglio 1844.[4]

Le salme dei nove fucilati furono inizialmente seppellite a Cosenza nella chiesa di Sant'Agostino e poi nel duomo. Quelle dei fratelli Bandiera e di Domenico Moro rientrarono a Venezia il 18 giugno 1867, circa un anno dopo che la città era passata all'Italia al termine della Terza guerra di indipendenza. Le tre salme sono sepolte nella basilica dei Santi Giovanni e Paolo[5]. Tra i sopravvissuti dei compagni di spedizione la cui pena fu tramutata in ergastolo, vi furono anche Carlo Osmani di Ancona e Giuseppe Tesei di Pesaro, fratello di Francesco, caduto durante gli scontri[6]. Furono condannati al carcere a vita anche Giovanni Vanessi di Venezia e Giuseppe Pacchioni di Bologna che, bravo incisore, durante la prigionia in Cosenza disegnò i volti di sei dei suoi compagni di cella.

Monumento[modifica | modifica wikitesto]

Il monumento nazionale ai caduti della spedizione dei fratelli Bandiera fu realizzato tra 1961 e il 1966 in località Bucchi a Crotone dall'architetto Giorgio Volpato. La prima pietra fu posta in occasione del centenario dell'Unità d'Italia il 26 marzo 1961, e il monumento fu inaugurato dal presidente della Repubblica Giuseppe Saragat il 21 aprile 1966. Parallelepipedo di calcestruzzo, cemento e marmo, è una struttura su due livelli con 17 blocchi di pietra di Trani a simboleggiare gli uomini della spedizione fucilati. In occasione dei 150 anni dell'Unità d'Italia è stato riqualificato.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Istituto di storia del Risorgimento italiano Comitato cosentino, I martiri cosentini del 15 Marzo 1844: celebrazione ad iniziativa della consulta del comitato cosentino del Regio Istituto di storia del Risorgimento italiano: 15 marzo 1937, Cosenza, SCAT, 1937.
  2. ^ I fratelli Tesei, su lospecchiodellacitta.it. URL consultato il 29 settembre 2011.
  3. ^ I fratelli Bandiera - dal sito del comune di Crotone, su comune.crotone.it. URL consultato il 29 settembre 2011.
  4. ^ Felice Venosta, I fratelli Bandiera e loro compagni martiri a Cosenza: notizie storiche, Milano, C. Barbini, 1863.
  5. ^ Alessandro Conflenti, Commiato di Cosenza alle ceneri dei fratelli Bandiera e Domenico Moro, Cosenza, SN, 1867.
  6. ^ Angelo Fucili, Le Marche e il Risorgimento, Edito a cura del Comitato Marchigiano per le Celebrazioni del Centenario dell'Unità d'Italia Ancona 1961 - pag. 9.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anita Frugiuele, Chi per la patria muor. Cosenza, Le Nuvole, 2004.
  • Salvatore Meluso, La spedizione in Calabria dei Fratelli Bandiera. Soveria Mannelli (Catanzaro), Rubbettino Editore, 2001.
  • Riccardo Pierantoni, Storia dei fratelli Bandiera e loro compagni in Calabria. Milano, Cogliati, 1909.
  • Carlo Alberto Radaelli; Storia dello assedio di Venezia negli anni 1848 e 1849. Napoli, 1865.
  • Mauro Stramacci; La vera storia dei fratelli Bandiera. Roma, Mediterranee, 1993.
  • A. Conflenti, I fratelli Bandiera e i massacri di Cosenza del 1844. Cosenza, Tipografia Bruzia, 1862.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]