Fly from Here

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fly from Here
Artista Yes
Tipo album Studio
Pubblicazione 22 giugno 2011
Durata 47:28
Dischi 1
Tracce 11
Genere Rock progressivo
Etichetta Frontiers
Produttore Trevor Horn
Registrazione ottobre 2010 – febbraio 2011, SARM West Coast Studios, Los Angeles (California)
Formati CD, LP, download digitale
Yes - cronologia
Album precedente
(2001)
Album successivo
(2014)

Fly from Here è il ventesimo album in studio del gruppo progressive rock britannico Yes. Pubblicato nel 2011, è il primo lavoro realizzato dal gruppo dopo Magnification, pubblicato dieci anni prima nel 2001.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il disco vede la presenza del cantante canadese Benoît David al posto dello storico Jon Anderson. Gran parte dei brani dell'album furono scritti nel periodo di Drama come nel caso del singolo We Can Fly, delle canzoni Sad Night at the Airfield e Life on a Film Set. In questo disco sono riproposte con un titolo differente, riscritte e riarrangiate in chiave moderna.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Fly from Here - Overture – 1:53 (Trevor Horn, Geoff Downes)
  2. Fly from Here - Part I: We Can Fly – 6:00 (Horn, Downes, Chris Squire)
  3. Fly from Here - Part II: Sad Night at the Airfield – 6:41 (Horn, Downes)
  4. Fly from Here - Part III: Madman at the Screens – 5:16 (Horn, Downes)
  5. Fly from Here - Part IV: Bumpy Ride – 2:15 (Steve Howe)
  6. Fly from Here - Part V: We Can Fly (Reprise) – 1:44 (Horn, Downes, Squire)
  7. The Man You Always Wanted Me To Be – 5:07 (Squire, Gerard Johnson, Simon Sessler)
  8. Life on a Film Set – 5:01 (Horn, Downes)
  9. Hour of Need – 3:07 (Howe)
  10. Solitaire – 3:30 (Howe)
  11. Into the Storm – 6:54 (Squire, Oliver Wakeman, Howe, Horn, Benoît David, Alan White, Joe Davison)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Yes
Musicisti aggiuntivi
Produzione

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2011) Posizione
massima
Belgio (Vallonia)[1] 45
Germania[1] 16
Italia[1] 49
Paesi Bassi[1] 43
Regno Unito[2] 30
Stati Uniti[3] 36
Stati Uniti (independent)[3] 7
Stati Uniti (rock)[3] 9
Stati Uniti (tastemaker)[3] 4
Svezia[1] 31
Svizzera[1] 39

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (NL) Yes - Fly from Here, Ultratop. URL consultato il 2 agosto 2015.
  2. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 10 July 2011 - 16 July 2011, Official Charts Company. URL consultato il 2 agosto 2015.
  3. ^ a b c d (EN) Yes - Chart history, Billboard. URL consultato il 2 agosto 2015.
Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo