Filologia e critica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Filologia e Critica
StatoItalia Italia
PeriodicitàQuadrimestrale
GenereRivista
Fondazione1976
SedeRoma
EditoreSalerno Editrice
 

Filologia e critica è una rivista quadrimestrale fondata nel 1976 diretta da Enrico Malato, Bruno Basile, Renzo Bragantini, Roberto Fedi, Matteo Palumbo, Manlio Pastore Stocchi pubblicata da Salerno Editrice a Roma.

La rivista riprende nella testata il titolo di un saggio di Lanfranco Caretti[1]. Essa intende la filologia, secondo un concetto più moderno e ampio, come la completa interpretazione e ricostruzione di un testo letterario e indica una ben precisa prospettiva critica come precisa Malato nel primo numero.

"Prospettiva critica"
"Il concetto di filologia comporta un lavoro di ricostruzione anche nel processo creativo di quel testo: ciò che implica necessariamente l'estensione dell'indagine alle ragioni storiche, sociali, culturali che esso esprime".

La rivista si divide in particolari sezioni , "Documenti", Note e Discussioni", che si alternano alle segnalazioni bibliografiche in "Recensioni", "Schedario", "Libri ricevuti" e accoglie numerosi saggi ed analisi di testi italiani, per lo più inediti, di ogni secolo.

Alla parte dedicata alla saggistica si contrappongono numerosi articoli riguardanti le questioni attributive, le varianti, i problemi etimologici, sintattici e lessicali di un testo.

Numerosi gli studiosi collaboratori alla rivista, tra i quali, per citarne alcuni, Lanfranco Caretti, Maurizio Dardano, Giorgio Petrocchi, Gualberto Alvino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lanfranco Caretti, Filologia e critica, Ricciardi, Milano-Napoli, 1955

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura