Fabio Fracas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fabio Fracas

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si laurea in fisica presso l'Università di Padova con una tesi sperimentale che consente l'individuazione di un nuovo moto molecolare, di tipo debole, nei composti di inclusione[1]. In seguito, amplia i propri studi in ambito informatico diventando analista di sistema. Dal 1998 al 2003 è docente invitato di informatica, statistica ed elaborazione dei dati e metodologia della ricerca scientifica presso la Scuola Superiore Internazionale di Scienze della Formazione, unita per sponsorizzazione alla Facoltà di Scienze dell’Educazione dell'Università Ponteficia Salesiana; dal 2001 è docente a contratto presso l'Università di Padova dove insegna fisica, fisica applicata alla radioterapia e radioprotezione e fisica nucleare presso il dipartimento di Medicina. In ambito egittologico, ha realizzato un nuovo metodo di rilevazione dei calchi geroglifici tramite applicazione di bicomponente siliconico[2]. Nell'anno accademico 2014/2015 ha assunto il ruolo di Graduate Research Assistant presso la Florida Atlantic University. Dal 2017 è nel comitato scientifico del CNIS, Coordinamento Nazionale degli Insegnanti Specializzati - Ente Accreditato MIUR (Direttiva n. 170/2016).

Musica[modifica | modifica wikitesto]

In ambito musicale, dopo una formazione strumentale classica, partecipa al corso sperimentale di musica elettronica inaugurato presso il conservatorio Gioacchino Rossini di Pesaro. Si diploma nel 1985 con Eugenio Giordani e grazie a quest'ultimo, collabora al sound design e ai test del primo sintetizzatore musicale italiano: il Bit One prodotto dalla Crumar. La composizione musicale Trifida, di quell'anno, è la prima incisione ufficiale in cui viene utilizzato il Bit One. Successivamente, passato al conservatorio Cesare Pollini di Padova, studia ancora musica elettronica ottenendo un nuovo diploma e nel 2005 si laurea in Tecnico di Sala di Registrazione. All'attività di composizione, affianca la scrittura di articoli e pubblicazioni per le riviste del settore. Ha pubblicato i volumi Musica digitale 2008, Musicista con iPad 2012 e Musica da Deejay 2013, per Sprea Editori e i tre manuali Magix Samplitude Pro X. Guida Operativa, scritti con Simone Pippi, per dbooks.it, nel 2012. Dal 2014, grazie agli studi svolti sotto la guida del filosofo americano Richard Shusterman, presso il Center of Body, Mind and Culture della Florida Atlantic University, introduce una componente culturale e filosofica nelle ricerche sugli aspetti cognitivi e percettivi, dell'interazione suono/corpo/mente condotti a partire dal 1998.

Critica cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Dagli anni ottanta, prima come presidente del Cineforum Antonianum di Padova e poi come Consigliere Nazionale del CINIT - Cineforum Italiano, carica che mantiene fino al 1996, si occupa della diffusione della cultura cinematografica in Italia. Scrive articoli per CM - Comunicazione di Massa, Il novecento, Il Telespettatore, Informavitt e altre riviste del settore e realizza convegni e pubblicazioni. Tiene, inoltre, conferenze e incontri in collaborazione con il Cineforum CIF - Centro Italiano Femminile, l'AIART - Associazione Italiana Ascoltatori Radio Telespettatori e il Cineforum Antonianum.

Ludologia e letteratura[modifica | modifica wikitesto]

In ambito letterario comincia la propria carriera nel 1988 come creatore, sviluppatore ed editor di avventure e giochi di ruolo per le maggiori case italiane del settore: Granata Press, Nexus, Sintagma Editrice e Stratelibri. In questo campo scrive articoli e saggi per le riviste Excalibur, Joker, Kaos, Rune e X; sviluppa, fra le altre, l'espansione BASIC: The X-Files per il gioco di ruolo italiano Basic. Come coautore del modulo BASIC: Egitto, vince nel marzo 1999 la XII edizione del Premio Lucca Games per il miglior gioco dell'anno. Nel 1996 realizza la collana Doppiogioco il cui primo volume, dal titolo L'Ultimo Drago, è basato sulla licenza italiana del film Dragonheart. Con lo pseudonimo di Arthur MacAdam, cura l'editing e la supervisione del gioco di ruolo di Ken il Guerriero - L'isola dei Demoni pubblicato da Nexus nel 1998. Nel 2004, assieme alla poetessa padovana Federica Castellini, fonda la scuola di scrittura MacAdam - MacAdemia di Scritture e Letture di Fabio Fracas[3]. Nel 2006, assieme allo scrittore Giulio Mozzi, fonda la casa editrice on-line VibrisseLibri. Dal 2007 al 2008 è direttore artistico della manifestazione giallistica Thiene in nero[4]. Attualmente collabora con varie testate giornalistiche sia cartacee sia web – Acacia edizioni, Arnoldo Mondadori Editore, MilanoNera, Sprea Editori -, pubblica libri per diverse case editrici italiane – Alpha Test, De Agostini, Sperling&Kupfer, Sprea Editori - e affianca al lavoro autoriale quello come editor e traduttore, dall'inglese e dal tedesco[5]. A Fabio Fracas, è stato dedicato il racconto Caffè (4 novembre 2003) scritto da Giulio Mozzi e pubblicato nel volume Sotto i cieli d'Italia, di Giulio Mozzi e Dario Voltolini, Sironi Editore (2004).

Principali riconoscimenti letterari[modifica | modifica wikitesto]

  • 1998: Concorso letterario nazionale Arci. Pubblicazione nel volume collettivo Viaggi con mezzi pubblici di trasporto. Il Poligrafo Editore, ISBN 88-7115-115-1
  • 1999: Miglior gioco italiano al Best of Show, Lucca Games per Basic – Egitto scritto con Andrea Angiolino, Pier Giorgio Paglia, Stefano Pischedda, Marco Crosa e Simona Dehò, Stratelibri ISBN 88-8141-022-2
  • 2004: Premio nazionale Rolando Editore – Vincitore del Premio Partenope per la narrativa. Pubblicazione nel volume collettivo Pensieri di primavera, Rolando Editore ISBN 88-89132-02-7
  • 2004: Premio nazionale di poesia Tina Accardi. Segnalazione e pubblicazione nel portfolio Lo Stormo Bianco, Edizioni d'If ISBN 88-88413-41-3
  • 2014: Premio Speciale “Diploma d'onore per la poesia edita” del XVIII Concorso Letterario Internazionale Il Molinello – Contrappunti, scritto con Federica Castellini, edizioni dbooks.it, ISBN 978-88-97125-14-3

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Principali composizioni musicali[modifica | modifica wikitesto]

  • 1985: Trifida - composizione per nastro Revox a 4 tracce e Bit One
  • 2000: Heliantus - composizione elettronica per voci recitanti, sul testo della poesia Topinambur di Andrea Zanzotto
  • 2005: Materiali immaginari - sonorizzazione del testo Materiali immaginari di Giulio Mozzi per la rassegna Eco e Narciso realizzato dal comune di Torino
  • 2009: Tracce – colonna sonora della mostra del pittore Gino Tonello, presentata a Palazzo Valentini, Roma

Principali saggi e pubblicazioni scientifiche[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992: Hindered motions in a ketone-urea inclusion compound. An EPR and ENDOR study. Pubblicato nel numero 3, 1992 della rivista internazionale di fisica Applied Magnetic Resonance e basato sul lavoro di tesi pubblicato con il titolo Studio EPR-ENDOR della dinamica molecolare nei cristalli di inclusione dell'urea
  • 1996: Magia, Medicina e Religione nel Cinema Africano, Edizioni Antonianum, Padova
  • 2003: Informatica 1, Alpha Test, ISBN 88-483-0397-8
  • 2007: Second Life, Sprea Media Italy
  • 2008: Musica digitale, Sprea Editori, ISBN 978-88-6267-003-6
  • 2008: Note sulla realizzazione di un calco in materiale fermo - con bicomponente siliconico - su una porzione danneggiate di linee geroglifiche impresse sul sarcofago di epoca tolemaica conservato presso il Museo Antropologico dell'Università di Padova. Pubblicato nel volume "Il libro dei morti di Ptahmose", Fabrizio Serra Editore, ISBN 978-88-6227-051-9
  • 2008: Note sulla probabile attribuzione della mummia e del sarcofago attualmente custoditi presso il Museo Antropologico dell'Università di Padova. Pubblicato nel volume "Il libro dei morti di Ptahmose", Fabrizio Serra Editore ISBN 978-88-6227-051-9
  • 2010: Informatica 1 - Nuova edizione, Alpha Test, ISBN 978-88-483-1128-1
  • 2012: Musicista con iPad, Sprea Editori, ISBN 977-20-387-0102-0
  • 2012: Magix Samplitude Pro X. Guida Operativa - Parte 1, con Simone Pippi, edizioni dbooks.it, ISBN 978-88-971-2529-7
  • 2012: Magix Samplitude Pro X. Guida Operativa - Parte 2, con Simone Pippi, edizioni dbooks.it, ISBN 978-88-971-2530-3
  • 2012: Magix Samplitude Pro X. Guida Operativa - Parte 3, con Simone Pippi, edizioni dbooks.it, ISBN 978-88-971-2531-0
  • 2013: Musica da Deejay, Sprea Editori, ISBN 977-20-387-0102-0
  • 2016: I Grandi Filosofi, con Luigi Lo Forti e Fiammetta Regis, Sprea Editori, ISBN 977-22-838-4490-9
  • 2017: Il mondo secondo la Fisica Quantistica - Segreti e meraviglie della scienza che sta cambiando la nostra vita, Sperling & Kupfer, ISBN 978-88-200-6247-7

Principali testi e libri gioco[modifica | modifica wikitesto]

  • 1996: L'ultimo drago, Nexus
  • 1998: Basic - Egitto con Andrea Angiolino, Pier Giorgio Paglia, Stefano Pischedda, Marco Crosa e Simona Dehò, Stratelibri, ISBN 88-8141-022-2
  • 2005: Lo stormo bianco, raccolta collettiva di poesie, Edizioni d'if ISBN 88-88413-41-3
  • 2006: La cena dei serpenti. Sceneggiatura per il teatro, scritta con David Conati
  • 2007: Lunghi viaggi in brevi spazi, Edom Servizi Editoriali
  • 2007: Arthin. Sceneggiatura per fumetti, Stratelibri editori
  • 2009: Minaccia su Gorm, De Agostini, ISBN 88-418-5549-5. Il libro è stato tradotto anche in spagnolo con il nome di "La amenaza sobre Gormiti", Media Live, ISBN 978-84-92809-28-8
  • 2009: Un lavoro pulito, sceneggiatura per il teatro, scritta con I MacAdemici
  • 2009: Planet 51 – Una storia spaziale, De Agostini, ISBN 978-88-418-5901-8. Traduzione a cura di
  • 2009: Tutto Planet 51, De Agostini, ISBN 978-88-418-5903-2
  • 2010: Mezze stagioni, racconto inserito nel volume Il Giallo Mondadori 2996, Mondadori, ISBN 9-77120-508004 - 02996
  • 2010: Lunghi viaggi in spazi brevi, libro digitale, edizioni dbooks.it, ISBN 978-88-97125-16-7
  • 2011: Contrappunti, libro digitale scritto con Federica Castellini, edizioni dbooks.it, ISBN 978-88-97125-14-3
  • 2011: Corso di Texas Hold'Em No Limit Cash - PokerCLub Lottomatica, MyWayMedia Edizioni, pubblicato a puntate sulla rivista Jokonline.
  • 2013: Il Ritorno del Tempo Nero, scritto con Alessandra Castelli, LCF Edizioni, ISBN 978-88-98536-00-9
  • 2016: Cosa si aspettavano questi geni?, racconto inserito nel volume Trumped, edizioni dbooks.it, ISBN B01MAXU4U0

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Baricco, Alessandro Punteggiatura: i segni, Scuola Holden, Torino, 2001.
  • Lorenzetti, Luca Un posto per scrivere - Indagine sulla scrittura creativa in Italia, Prospettiva Editrice, Ancona, 2002.
  • Cotroneo, Roberto Manuale di scrittura creativa, Castelvecchi Editore 2008.
  • Iannuzzi, Giulia L'informazione letteraria nel web: tra critica, dibattito, impegno e autori emergenti, Biblion Editore, 2009.

Riferimenti generali[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) F. Bonon, M. Brustolon e A. L. Maniero, Hindered motions in a ketonea-urea inclusion compound. An ESR and ENDOR study, in Applied Magnetic Resonance, vol. 3, nº 5, 1º ottobre 1992, pp. 779–795, DOI:10.1007/BF03260111. URL consultato il 12 aprile 2017.
  2. ^ F. Crevatin, D. Bertani, F. Cascone, F. Fracas, I. Micheli., Il libro dei morti di Ptahmose (Papiro Busca, Milano) ed altri documenti egiziani antichi., Pisa, Fabrizio Serra Editore, 2008, pp. 124 con 34 figure in b/n., ISBN 978-88-6227-051-9.
  3. ^ Scuole di Scrittura #6: MacAdemia | Scritture creative | Zanichelli Dizionari più, su dizionaripiu.zanichelli.it. URL consultato il 12 aprile 2017.
  4. ^ Thiene diventa tutta nera ∂ ThrillerMagazine, in ThrillerMagazine. URL consultato il 12 aprile 2017.
  5. ^ (IT) Fabio Fracas: l’ultimo degli umanisti, in IN Magazine, 24 marzo 2015. URL consultato il 27 novembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]