Ethnic Cleansing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ethnic Cleansing
videogioco
Ethniccleansing.jpg
PiattaformaWindows
Data di pubblicazione21 gennaio 2002
GenereSparatutto in prima persona
TemaPulizia etnica
SviluppoTom Leatherbarrow
PubblicazioneResistance Records
Modalità di giocoSingolo
Motore graficoGenesis3D
Supporto1 CD-ROM
Seguito daWhite Law

Ethnic Cleansing (in italiano Pulizia Etnica) è uno sparatutto in prima persona sviluppato da Tom Leatherbarrow e prodotto dalla Resistance Records.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il protagonista (uno skinhead o un membro del Ku Klux Klan, a scelta del giocatore) uccide in un ghetto gli afroamericani e gli ispanoamericani che incontra, per poi assassinare un gruppo di ebrei nelle gallerie di una metropolitana; infine trova l'ex primo ministro di Israele Ariel Sharon impegnato a preparare piani per il controllo del mondo da parte del popolo ebraico. Uccidendo Sharon si vince il gioco.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

L'Anti-Defamation League denunziò l'esistenza del videogioco e tentò di fare in modo che gli sviluppatori di Genesis3D proibissero l'uso del motore grafico per la produzione di giochi razzisti, tuttavia senza ottenere alcun risultato.

Secondo una classifica pubblicata da Stuff Magazine nel 2003, Ethnic Cleasing è il quarantesimo videogioco più controverso di sempre, mentre secondo UGO è il più razzista in assoluto.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi