Episodi di Prison Break (quinta stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Prison Break.

La quinta stagione della serie televisiva Prison Break è stata trasmessa negli Stati Uniti per la prima volta dall'emittente Fox dal 4 aprile[1] al 30 maggio 2017.

In Italia inizialmente il debutto è stato fissato per il 20 aprile[2] sul canale satellitare Fox, se non che il canale ha poi comunicato, senza fornire spiegazioni, che la messa in onda non sarebbe avvenuta prima dell'autunno[3], e solo il 7 luglio ha annunciato come data l'11 settembre[4]. Di conseguenza il nono e ultimo episodio è stato trasmesso il 6 novembre 2017.

Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
1 Ogygia Ogygia 4 aprile 2017 11 settembre 2017
2 Kaniel Outis Lo sceicco della luce 11 aprile 2017 18 settembre 2017
3 The Liar La grande menzogna 18 aprile 2017 25 settembre 2017
4 The Prisoner's Dilemma Il dilemma del prigioniero 25 aprile 2017 2 ottobre 2017
5 Contingency Istinto o ragione? 2 maggio 2017 9 ottobre 2017
6 Phaecia Scheria 9 maggio 2017 16 ottobre 2017
7 Wine Dark Sea Maschere 16 maggio 2017 23 ottobre 2017
8 Progeny Discendenza 23 maggio 2017 30 ottobre 2017
9 Behind The Eyes Buio e luce 30 maggio 2017 6 novembre 2017

Ogygia[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante la scarcerazione dal penitenziario di Fox River, tra gli oggetti che gli vengono restituiti, Theodore "T-Bag" Bagwell trova una misteriosa lettera che contiene una foto in bianco e nero che ritrae Michael Scofield in piedi a fianco di una finestra, come se qualcuno volesse fargli sapere che è ancora vivo. La consegna così a Lincoln, il quale, anche se fa fatica a credere che suo fratello possa essere ancora vivo, decide a sua volta di andare da Sara per farla vedere anche a lei, la quale da alcuni anni si è sposata di nuovo, con Jacob Anton Ness, e con lui ha cresciuto Mike, il figlio avuto con Michael. Sara reagisce come Lincoln, ossia non credendoci, anche per il tumore al cervello che Michael aveva. Lincoln si reca anche presso la tomba del fratello e dice di essere ritornato alle vecchie abitudini, ossia a farsi prestare denaro senza sapere poi come restituirlo. Mentre si trova lì scopre che la frase scritta sul foglio che reca la foto contiene delle lettere evidenziate, che formano la parola "o-g-y-g-i-a": così fa una ricerca su Internet e il risultato gli indica un carcere a Sana'a, nello Yemen, paese in cui è in corso una guerra civile. Vorrebbe recarsi lì con Sara, ma lei si rifiuta perché deve pensare alla sua famiglia. Prima di partire, Lincoln vuole accertarsi che la tomba di suo fratello non ne contenga il corpo, per cui di notte scava nel cimitero e apre la bara, scoprendo che contiene solo una giacca, una camicia e una cravatta, posizionate tra di loro così come lo sarebbero se fossero indossate da una persona. Di giorno, mentre guida, un tizio misterioso lo segue con la propria auto e prende a distanza il controllo di quella di Lincoln in modo da provocare un incidente che lo uccida, ma Lincoln riesce a salvarsi, chiamando poi Sara per avvisarla dell'accaduto. Poco dopo una tizia misteriosa si presenta proprio a casa di Sara per cercare di uccidere lei, ma Sara chiama la polizia e non appena si sente la sirena delle auto quella persona se ne va. Scoperta la bara senza corpo, Lincoln si decide a partire per lo Yemen, e dato che non sa nulla di tale posto va a chiedere aiuto a Benjamin Miles 'C-Note' Franklin, che nel frattempo si è convertito all'Islam e sa molte cose sulle condizioni pericolose del Medio Oriente. I due misteriosi mercenari che hanno seguito Lincoln e Sara scattano una foto di Lincoln e C-Note mentre questi due sono in viaggio, e inviano la foto ad un loro contatto a Sana'a, in modo che organizzi una trappola per ucciderli, ma essi sopravvivono e poi incontrano il loro vero contatto, una donna chiamata Sheba, che baratta la visita in prigione per il passaporto americano di Lincoln. Quest'ultimo accetta e si dirige alla prigione con C-Note, dove Michael è conosciuto dalle guardie come Kaniel Outis, un terrorista. Non appena Lincoln incontra Michael, gli dice che lo avrebbe fatto evadere, ma Michael, che ha nuovi tatuaggi sulle mani, nega di chiamarsi così e soprattutto di sapere chi sia Lincoln. Subito dopo chiede ad una guardia di essere riportato in cella. Nel frattempo T-Bag viene contattato di nascosto via e-mail dal Dottor Whitcombe, direttore dell'unità protesica, che ha ricevuto da una persona anonima conosciuta solo come "Outis" ("Nessuno" in lingua greca) il pagamento per un'operazione d'avanguardia che restituirebbe a T-Bag una mano sinistra comandabile direttamente dal cervello e quindi funzionalmente indistinguibile da una mano vera. Unica condizione è che il primo beneficiario sia proprio T-Bag.

Lo sceicco della luce[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lincoln riceve un messaggio da Michael il quale gli dice di cercare lo Sceicco della Luce. Sheba, il contatto, accetta di aiutarlo a decifrare il codice in cambio di denaro. Sara investiga sulla resurrezione di Michael dirigendosi al dipartimento di Stato, dove incontra Paul Kellerman, il quale le mostra un video in cui il suo ex marito uccide un ufficiale della CIA, ricordandole come Michael fosse geniale nel cambiare la sua identità. Michael rimedia delle pillole per il suo compagno di cella, Ja, in cambio di un telefono e di una carta di credito, usandoli per mandare un messaggio a Sara. Il team di Lincoln scopre che lo Sceicco della Luce è Mohammad El-Tuniis, un ingegnere elettronico locale intrappolato nei sobborghi controllati dall'ISIL insieme alle sue figlie. Riescono a liberarlo e Mohammad rivela di essere il padre di Sid, il compagno di cella di Michael, incarcerato per la sua omosessualità. Mohammad dà al team di Michael il segnale che rivela che il piano di fuga è di nuovo attivo. Sara riceve il messaggio di Michael nel quale le viene detto di mettere tutti in salvo perché una tempesta sta arrivando. I prigionieri in isolamento, compreso Abu Ramal, il leader dell'ISIS, vengono rilasciati insieme ai detenuti comuni: Michael e Ramal si rivelano due grandi amici.

La grande menzogna[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lincoln si prepara per la fuga cercando di procurarsi passaporti falsi, ma lui e Sheba vengono rapiti dall'ISIS e da Ciclope, che prova a violentarla ma Lincoln riesce a salvarla. T-Bag corre da Sara provando ad avvertirla riguardo ad A&W e Van Gogh, due dei sicari di Poseidone. I due hackerano il telefono di Sara, la quale, una volta scoperto, deduce che Kellerman sia coinvolto e manda T-Bag ad investigare. Michael ottiene un orologio d'oro da una delle guardie, nascondendolo poi nella cella di Ramal, così da non essere disturbati durante la fuga. Si scopre che Michael e Whip hanno lavorato insieme sotto copertura per la CIA e l'amico è preoccupato che la linea tra Michael e Outis salterà. Mentre il piano del gruppo di Michael ha inizio, il gruppo di Ramal, Cross e Muza corrono verso la cella di Michael e vengono catturati dalle guardie, le quali uccidono Muza e catturano i fuggitivi. In isolamento Ramal minaccia di morte Michael, il quale usa la rimanente batteria del cellulare di Ja per registrare un messaggio di addio a Sara.

Il dilemma del prigioniero[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'ISIL continua ad avanzare a Sana'a, per cui Cross spinge gli altri prigionieri a catturare Ramal e usarlo come merce di scambio. Michael convince un riluttante Ramal ad aiutarli poiché lui si trova nella cella con gli strumenti della fuga. Michael, Ramal, Ja e Whip scappano proprio nel momento in cui Cross e i suoi seguaci irrompono nei sotterranei. Michael colpisce Ja cacciandolo dal loro gruppo, ma si rivela essere una messa in scena per fargli raggiungere il luogo dell'appuntamento più velocemente di loro e prendere le armi. Ma Ramal capisce tutto, fa quindi catturare Ja e tutto il resto del gruppo. Al luogo dell'appuntamento Ramal ha in mente di decapitare Michael davanti a una telecamera ma compare Lincoln che si posiziona alla mitragliatrice su una macchina. Ramal viene ucciso dal gruppo di Michael. Lincoln, Michael, Ja, Whip e Sid ascoltano il notiziario e apprendono che l'ISIS ha dichiarato guerra ai cinque assassini del loro leader. T-Bag incontra Paul Kellerman per saperne di più su Poseidone, il quale si scopre essere un ex agente della CIA che criticava la politica estera degli Stati Uniti, creando così una cellula separata. I due vengono attaccati dai due sicari di Poseidone; T-Bag riesce a scappare e a chiamare la polizia, mentre Kellerman viene ucciso da Van Gogh, che inizia a dubitare della causa di Poseidone. T-Bag segue A&W e Van Gogh e scatta loro delle foto mentre parlano con Jacob, il marito di Sara.

Istinto o ragione?[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lincoln costringe Michael a dire la verità. Michael era stato contattato da Poseidone pochi giorni prima del suo matrimonio con Sara. Poseidone gli aveva rivelato che Kellerman non aveva nessuna autorità per rilasciare il gruppo di Michael, offrendogli così una legittima liberazione. In cambio però Michael avrebbe dovuto fingere la sua morte, tenere nascosta la verità a tutti e lavorare per Poseidone, proposta accettata da Michael. Mentre Lincoln propone di abbandonare il paese dall'aeroporto per incontrarsi con C-Note, Michael decide di usare la stazione ferroviaria, ma Ciclope scopre i suoi piani e invia le truppe dell'ISIL nel palazzo in cui si sono nascosti. Ja riesce ad incendiare i nemici, ma Sid viene colpito e poi ucciso da Ciclope il quale a sua volta viene ripetutamente colpito da Michael e ammanettato a Sid. Il gruppo di C-Note arriva all'aeroporto prima che l'ISIL lo attacchi; riescono a salvare un pilota che accetta di condurli via a bordo di un aereo. Salgono sull'aereo, ma invece di aspettare Michael e gli altri, il pilota decide di partire, cosa che comunque Lincoln accetta poiché altrimenti non sarebbe sopravvissuto nessuno. Michael, Whip, Lincoln e Ja guardano spaventati i veicoli dell'ISIS avvicinarsi pericolosamente a loro. Nel frattempo T-Bag mostra le foto del marito a Sara, che si allontana da Jacob insieme al figlio. Jacob però, dopo aver detto alla moglie di essersi messo in contatto con i sicari per convincerli a desistere e non essere stato creduto, dimostra la sua benevolenza facendo arrestare A&W e Van Gogh.

Scheria[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Michael e gli altri incontrano Omar, che allerta l'ISIL; essi però riescono a sfuggire all'ISIL e a costringere Omar a portarli a Scheria, un insediamento situato nel deserto, da cui sarà possibile scappare via dallo Yemen. A&W e Van Gogh sono rilasciati su cauzione e convincono un membro della CIA ad aiutarli a rintracciare Michael, il cui gruppo si ferma ad una stazione di rifornimento. Qui Michael usa internet per contattare una persona sconosciuta in Portland, Maine, inviandogli una foto dei suoi tatuaggi sulle mani. Van Gogh avverte l'ISIL, che attacca la stazione di rifornimento e uccide Omar. Whip uccide gli scagnozzi dell'ISIL. Il gruppo continua nel deserto prima di scoprire che Ciclope li sta inseguendo. Michael prende una delle auto e adesca Ciclope in una trappola, dove gli acceca l'occhio buono, ma quest'ultimo riesce a ferire Michael con un coltello avvelenato. Ja aiuta gli altri a trovare Scheria, dove essi usano fuochi d'artificio per essere rintracciati da Michael, che crolla incosciente dinanzi a loro. A&W e Van Gogh trovano il contatto di Michael, che si rivela essere un impersonatore di Elvis Presley. Intanto, l'agente Kishida rimpiazza il ruolo di Kellerman, incaricato di investigare circa la sua morte, ma si rivela anch'egli affiliato a Poseidone.

Maschere[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ja decide di rimanere a Scheria mentre gli altri partono in barca per Creta, in Grecia. Lincoln chiama Sara spiegandole le condizioni di Michael. Lei, avvisato Jacob, prende un volo per raggiungerli a Creta. Ella rincontra Michael e riesce a curarlo. Egli le rivela che Jacob è Poseidone e che quest'ultimo è il vero assassino dell'ufficiale della CIA. Sara torna negli USA per assicurarsi che Mike stia bene; ma scopre che è stato catturato dagli scagnozzi di Jacob. Michael reincontra Sucre a bordo della nave commerciale su cui lavora. Il capitano della nave però viene informato riguardo Outis ed allerta le autorità. Vengono inviate dunque le forze speciali della Marina statunitense per uccidere Michael. Sucre elabora un piano per costringere i "SEALs" ad andar via; a questo punto un frustrato Jacob ordina di inviare un missile contro la nave, che però esplode subito dopo il salto in mare di Michael e gli altri. Intanto, il successore di Kellerman incontra A&W e Van Gogh per la loro operazione clandestina, ma viene fatto fuori da questi ultimi.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Buio e luce[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Michael Ausiello, Prison Break, Making History Premiere Dates Announced by Fox, TVLine, 11 gennaio 2017. URL consultato il 7 aprile 2017.
  2. ^ Giulia Calchetti, Prison Break 5 stagione, episodio 5×01: uscita, anticipazioni, trama e cast – spoiler, Televisionando, 27 marzo 2017. URL consultato il 7 novembre 2017.
  3. ^ Chiara Ridolfi, Prison Break 5, streaming: slitta la messa in onda in Italia. Ecco le anticipazioni, il cast e i primi spoiler, Ultimora.news, 20 aprile 2017. URL consultato il 7 novembre 2017.
  4. ^ Chiara Poli, Prison Break: la nuova stagione su FOX dall'11 settembre, Mondofox.it, 7 luglio 2017. URL consultato il 10 luglio 2017.
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione