Enrico Caetani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enrico Caetani
cardinale di Santa Romana Chiesa
Enrico Caetani.jpg
Coat of arms cardinal Enrico Caetani.svg
Incarichi ricoperti Patriarca titolare di Alessandria dei Latini
Cardinale presbitero di Santa Pudenziana
Camerlengo del Collegio cardinalizio
Nato 6 agosto 1550 a Sermoneta
Nominato patriarca 29 luglio 1585 da papa Sisto V
Consacrato patriarca 11 agosto 1585 dal cardinale Giulio Antonio Santori
Creato cardinale 18 dicembre 1585 da papa Sisto V
Deceduto 13 dicembre 1599 a Roma
Medaglia di Enrico Caetani

Enrico Caetani (Sermoneta, 6 agosto 1550Roma, 13 dicembre 1599) è stato un cardinale e patriarca cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondogenito di Bonifacio Caetani, signore di Sermoneta e di Caterina di Alberto Pio, figlia del signore di Carpi, nacque a Sermoneta il 6 agosto 1550 . Enrico era nipote del cardinale Niccolò Caetani e fratello di Camillo Caetani, zio di Bonifazio e Antonio Caetani, e prozio del cardinale Luigi Caetani. Tra i suoi antenati spicca la figura di Benedetto Caetani, divenuto in seguito papa Bonifacio VIII.

Studiò presso l'Università di Perugia ove si addottorò in utroque iure nel 1571.

Il 29 luglio 1585 venne eletto Patriarca titolare di Alessandria dei Latini, e fu ordinato vescovo l'11 agosto dello stesso anno nella cappella Sistina, dal cardinale Giulio Antonio Santori. Ancora nello stesso anno, il 18 dicembre, Papa Sisto V lo elevò al rango di cardinale. Il 15 gennaio 1586 ricevette la berretta e il titolo di Cardinale presbitero di Santa Prudenziana.

Nel 1589 fu inviato in Francia dal papa, a capo della legazione pontificia dopo l'uccisione del re Enrico III di Francia per difendere la Chiesa durante la guerra civile tra cattolici e ugonotti; l'accompagnava il cardinale gesuita Roberto Bellarmino, teologo di fama.

Morì a Roma il 13 dicembre 1599 all'età di 49 anni.

Conclavi[modifica | modifica wikitesto]

Enrico Caetani, durante il suo cardinalato, prese parte a due conclavi:

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN49378197 · ISNI (EN0000 0001 0800 0687 · SBN IT\ICCU\UBOV\112098 · LCCN (ENnr93052349 · GND (DE118929100 · BNF (FRcb13495181f (data) · BAV ADV10201193