Enrico Burlando

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Enrico Burlando
Enrico Burlando.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 172 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1976 - giocatore
2004 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1964-1965 Pietrasanta 28 (4)
1965-1966 Massese 31 (10)
1966-1967 Lazio 19 (0)
1967-1968 Varese 18 (2)
1968-1970 Monza 19 (4)
1970-1971 Pisa 33 (0)
1971-1973 Piacenza 57 (4)
1973-1976 Udinese 46 (4)
Carriera da allenatore
1979-1981Pordenone
1982-1983Pro Gorizia
1987-1988TriestinaVice
2004Pordenone
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Enrico Burlando (La Spezia, 5 agosto 1944) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce nel Pietrasanta, militante in Serie D 1964-1965, e nella stagione successiva passa alla Massese, in Serie C. In maglia bianconera mette a segno 10 reti in 31 incontri e suscita l'interesse della Lazio, che lo acquista e lo fa esordire in Serie A, il 16 ottobre 1966 in Milan-Lazio 2-2. A fine stagione totalizza 19 presenze, ma la Lazio retrocede in Serie B e lo cede al Varese, a sua volta neopromosso nella massima serie. Dopo aver ottenuto 16 presenze con 2 reti, scende in Serie B nell'ottobre 1968, vestendo le maglie di Monza e Pisa, dove riesce a imporsi da titolare.

Nel novembre 1971 scende ulteriormente di categoria passando al Piacenza, in Serie C[1]. Per due stagioni è titolare fisso del centrocampo piacentino, indossando anche la fascia di capitano[2]. Conclude la carriera giocando per tre stagioni nell'Udinese, sempre in Serie C.

In carriera ha totalizzato complessivamente 37 presenze e 2 reti in Serie A e 67 presenze e 6 reti in Serie B

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Svolge la sua attività sempre in Friuli Venezia Giulia, guidando il Pordenone nel suo primo campionato di Serie C2 1979-1980[3]. In seguito guida anche il Pro Gorizia[4] ed è allenatore in seconda alla Triestina[5], e nel campionato di Eccellenza 2003-2004 torna al Pordenone a oltre vent'anni di distanza, senza evitare la retrocessione dei neroverdi[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rosa 1971-1972 storiapiacenza1919.it
  2. ^ Rosa 1972-1973 storiapiacenza1919.it
  3. ^ a b Storia del Pordenone Calcio Archiviato il 25 giugno 2011 in Internet Archive. pordenonecalcio.com
  4. ^ Almanacco illustrato del calcio 1984, edizioni Panini, pag. 303
  5. ^ Almanacco illustrato del calcio 1988, edizioni Panini, pag. 275

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Marchetti (a cura di), Enrico Burlando, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.