Ducato di Racibórz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ducato di Racibórz
Ducato di Racibórz - Stemma
Silesia 1172-1177.jpg
Dati amministrativi
Nome completoDucato di Racibórz
Nome ufficialeKsięstwo raciborskie
Herzogtum Ratibor
Ratibořské knížectví
CapitaleRacibórz
Politica
Forma di governoMonarchia
Nascita1172
CausaSeparazione da Breslavia
Fine1742
CausaAnnessione alla Prussia
Territorio e popolazione
Evoluzione storica
Preceduto daPOL województwo dolnośląskie COA.svg Breslavia
Succeduto daBlason Boheme.svg Regno di Boemia

Il Ducato di Racibórz (in tedesco: Herzogtum Ratibor, in ceco: Ratibořské knížectví) fu uno dei ducati della Slesia. La sua capitale era Racibórz, nell'Alta Slesia.

Castello di Racibórz

Dopo che Boleslao I il Lungo e il fratello minore Mieszko I, spalleggiati dall'imperatore Federico I Barbarossa avevano ricevuto la loro eredità in Slesia nel 1163, il ducato di Racibórz venne costituito nel 1172 come territorio per Mieszko. Era incentrato intorno alle città di Racibórz, Koźle e Cieszyn. La piccola parte di Mieszko fu allargata per la prima volta nel 1177, quando ricevette i territori del Ducato di Bytom, di Oświęcim, di Zator, Pszczyna e di Siewierz dallo zio, il duca Casimiro II di Polonia. Nel 1202 Mieszko occupò il Ducato di Opole, appartenuto al nipote deceduto Jarosław, andando a costituire il Ducato di Opole e Racibórz.

Dopo la morte di nipote di Mieszko, il duca Ladislao Opolski, nel 1281, i suoi figli ridivisero il ducato di Opole e Racibórz e nel 1290 il ducato di Racibórz tornò indipendente, assegnato al figlio minore di Ladislao, Premislavo. Racibórz all'epoca comprendeva le terre di Wodzisław, Żory, Rybnik, Mikołów e Pszczyna, mentre alcune parti del territorio furono utilizzate per la creazione del ducato di Teschen e del ducato di Bytom, tenuti dai fratelli di Premislavo.

Nel 1327 il figlio di Premislavo, il duca Leszek, rese omaggio a Giovanni I di Boemia. Dopo la morte di leszek senza eredi nel 1336, re Giovanni si impadronì del ducato e lo assegnò al duca Nicola II di Opava della famiglia dei Premislidi, costituendo il ducato unito di Opava e Racibórz.

Il ducato subì cambiamenti territoriali fino al 1521, quando fu ancora una volta unito a Opole sotto il duca Giovanni II "il Buono". Opole e Racibórz, alla morte di Giovanni nel 1532, passarono alla Casata degli Asburgo, re boemi dal 1526; il feudo fu ereditato dal margravio Giorgio di Brandeburgo-Ansbach, della Casata degli Hohenzollern, e fu poi ceduto per un breve periodo al Casato dei Vasa (Polonia), per essere poi annesso e incorporato all'interno del Regno di Prussia nel 1742.

Nel 1840 il titolo di Duca di Ratibor fu assegnato a Vittorio di Hohenlohe-Schillingsfürst.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN233883253 · LCCN (ENsh2009001420 · GND (DE4602176-0