Ducato di Troppau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ducato di Troppau
Ducato di Troppau - Stemma
Ducato di Troppau - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Ducato di Troppau
Nome ufficiale Ducatus Oppaviensis
Opavské vévodství
Herzogtum Troppau
Księstwo Opawskie
Lingue parlate
Capitale Opava (Troppau)
Politica
Forma di governo Monarchia
Nascita 1269
Causa Separazione dalla Moravia
Fine 1918
Causa Fine della prima guerra mondiale
Territorio e popolazione
Evoluzione storica
Preceduto da Moravia.svg Marca della Moravia
Succeduto da Flag of Czechoslovakia.svg Cecoslovacchia

Il Principato o Ducato di Troppau o Opava (in tedesco. Herzogtum Troppau, in ceco: Opavské vévodství o Opavské knížectví) fu basato per secoli intorno alla città di Troppau (Opava), situata nell'Alta Slesia, nell'attuale Repubblica Ceca. Negli ultimi quattro secoli della sua storia, il Ducato appartenne alla dinastia asbuurgica, e fu disciolto con la fine dell'Austria-Ungheria nel 1918. Il titolo di Duca di Troppau e Jägerndorf esiste tuttavia ancora, e appartiene all'attuale monarca Giovanni Adamo II di Liechtenstein.

Il ducato fu creato sulle terre separate dalla Marca della Moravia prima del 1269[1] da parte del re Ottocaro II di Boemia per assegnarle al figlio naturale Nicola I di Troppau, come fu conosciuto da allora in avanti. Opava non era parte della provincia della Slesia in Polonia nel 1138, e fu governata quindi da un ramo illegittimo della Casata dei Přemislidi, non dai Piast slesiani, come molti altri ducati della Slesia confinanti.

Troppau nel 1900

Dopo l'estinzione della dinastia reale dei Přemislidi, la casata dei Lussemburgo ascese al trono di Boemia nel 1310. Nel 1318, con Nicola II Přemislid, il ducato fu confermato come feudo da parte di Giovanni I di Boemia[2], che dovette scacciare subito le truppe ungheresi di Casimiro III di Polonia.[3] L'unione con la Slesia fu raggiunta quando il duca Nicola II sposò Anna di Racibórz, sorella del duca Piast Leszek di Racibórz, anch'egli vassallo di Boemia dal 1327. Quando Leszek morì senza lasciare eredi nel 1336, re Giovanni assegnò al cognato Nicola II il Ducato di Racibórz, e da allora fino alla sua morte nel 1365, i due ducati furono governati in unione personale. Nel 1365 gli succedette il figlio maggiore di Giovanni I.

Nel 1377 il Duca Giovanni I separò Opava dai ducati di Racibórz e di Krnov (Jägerndorf) e la assegnò ai fratelli minori Nicola III (†1394), Venceslao I (†1381) e Przemko (†1433). Da allora in avanti, la proprietà di Opava mutò diverse volte, principalmente per via di vendita o spartizione. I figli di Przemko vendettero infine le loro quote al re boemo Giorgio di Poděbrady fino al 1462, ma i cugini Přemyslid mantennero Racibórz (Ratibor) e Krnov (Jägerndorf). Nel 1465 Giorgio lasciò Opava al secondo figlio Vittorio, duca di Münsterberg dal 1462. Vittorio dovette a sua volta cederla all'anti-re boemo Mattia Corvino nel 1485, che conferì al figlio illegittimo Giovanni il titolo di duca.

Nel 1506 il re Ladislao II Jagellone di Boemia assegnò Opava al duca Casimiro II di Teschen, che aveva sposato una figlia di Vittorio e aveva tenuto il ducato fino alla morte nel 1528, dopodiché il territorio era di nuovo passato alla Boemia. Nel frattempo, nel 1521, con la morte del duca Valentino di Racibórz, il ramo Opava dei Přemyslidi si estinse e tutti i loro possedimenti tornarono alla corona boema, che nel 1526 li trasferì sotto la Monarchia asburgica. Il principe Carlo I del Liechtenstein[4] nel 1614 fu investito del titolo di Duca di Troppau dall'imperatore Mattia d'Asburgo. Dopo la Battaglia della Montagna Bianca del 1620, il principe Carlo acquisì anche il ducato di Krnov e da allora i capi della famiglia principesca dei Liechtenstein portano il titolo di "duca di Troppau e Jägerndorf.

Nel 1742, durante la prima guerra di Slesia e il conseguente Trattato di Breslau, il ducato fu diviso ancora una volta, con la parte a nord del fiume Opava, comprendente Głubczyce (Leobschütz) e Hlučín (Hultschin), che divenne parte del Regno di Prussia, mentre la parte meridionale con Krnov (Jägerndorf), Bruntál (Freudenthal), Fulnek e Opava stessa rimase nella Slesia austriaca, una terra della corona dell'Impero austriaco dal 1804.

Il ducato austriaco di Troppau cessò di esistere quando l'Austria-Ungheria fu sciolta nel 1918 e l'area (Terra di Troppau) che comprendeva la città divenne parte della Cecoslovacchia. La parte prussiana rimase parte della Provincia della Slesia fino al 1945, quanto passò alla Repubblica Popolare Polacca secondo gli Accordi di Potsdam.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ Hans Ferdinand Helmolt: The World's History: A Survey of Man's Record, 1907, [2]
  3. ^ Geary, Patrick J.: Readings in Medieval History
  4. ^ Prince Karl I

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Seidl, Elmar: Das Troppauer Land zwischen den fünf Südgrenzen Schlesiens - Grundzüge der politischen und territorialen Geschichte bis zur Mitte des 19. Jahrhunderts. Berlin: Gebr. Mann. ISBN 3-7861-1626-1 [3]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]