Dragon Quest II: Pantheon di spiriti maligni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dragon Quest II: Pantheon di spiriti maligni
Dragon quest ii screenshot.png
Titolo originale Dragon Quest II: Akuryo no Kamigami
Sviluppo Chunsoft
Pubblicazione Enix
Ideazione Yuji Horii
Serie Dragon Quest
Data di pubblicazione Giappone 26 gennaio 1987
Stati Unitidicembre 1990
Genere Videogioco di ruolo alla giapponese
Tema Fantasy
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma NES, MSX, Super Nintendo, Game Boy Color, Telefono cellulare, Wii
Supporto Cartuccia
Periferiche di input Gamepad
Preceduto da Dragon Quest
Seguito da Dragon Quest III: E così entrò nella leggenda...

Dragon Quest II: Pantheon di spiriti maligni (ドラゴンクエストII 悪霊の神々 Doragon Kuesuto Tsū Akuryo no Kamigami?), conosciuto anche con il nome di Dragon Warrior II, è un videogioco di ruolo sviluppato da Chunsoft e pubblicato nel 1987 da Enix per Nintendo Entertainment System e MSX. È il secondo episodio della celebre serie Dragon Quest.

La storia del gioco è incentrata sulle peripezie del principe di Midenhall, deciso a eliminare uno stregone maligno, prima che distrugga il castello di Moonbroke. Durante la sua avventura, è accompagnato dai due cugini, il principe di Cannok e la principessa di Moonbroke.

Il gioco in questione, espande notevolmente la formula alla base del titolo precedente, offrendo un mondo di gioco più vasto, con molte aree in più da esplorare e il party di personaggi giocabili, al contrario di un eroe singolo.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Come per gli altri titoli della serie, Yūji Horii scrisse la trama, Akira Toriyama curò gli artwork, e Koichi Sugiyama compose le musiche.

Rilascio[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco venne rilasciato in Giappone il 26 gennaio 1987[1]. In Nord America il gioco venne pubblicato nel 1990[2], e sostituiva il sistema di salvataggio a password dell'originale, con una batteria interna alla cartuccia per il salvataggio dei dati.

Remake[modifica | modifica wikitesto]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Dragon Quest II fu adattato in romanzo da Hideo Takayashiki nel 1989. Nello stesso anno, ne uscì una versione librogame[11].

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora del gioco, composta e diretta da Koichi Sugiyama, fu rilasciata nel febbraio 1987 in un album dal titolo Dragon Quest II, Suite Dragon Quest II ~Gods of the Evil Spirits~. Di seguito, la lista tracce:

  • 1. Overture March
  • 2. Only Lonely Boy
  • 3. Chateau
  • 4. Town
  • 5. Fright in Dungeon ~ Devil's Tower
  • 6. Requiem
  • 7. Endless World
  • 8. Beyond the Waves
  • 9. Deathfight ~ Dead or Alive
  • 10. My Road, My Journey
  • 11. Dragon Quest II Game Original Sound Story ~ From Opening To Finale ~

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Famitsu FC:38/40[12]
GameSpot GBC:9.6/10[13]
Nintendo Power GBC:8/10[14]
GameCritics GBC:9/10[15]
Hot Games GBC:4.5/5[16]

Pubblico[modifica | modifica wikitesto]

Dragon Quest II ottenne grande successo in Giappone: la versione originale per Famicom vendette 2.4 milioni di copie. Le riedizioni del gioco per Super Nintendo e Game Boy Color, vendettero 1.92 milioni di copie nel mondo[17].

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco ottenne valutazioni positive da parte della critica, sia nella sua versione originale per Famicom, che raggiunse quasi il pieno punteggio su Famitsu[18], che nelle sue riedizioni per Super Nintendo e Game Boy Color.

Note[modifica | modifica wikitesto]