Dragon Quest X

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dragon Quest X
videogioco
PiattaformaWii, Wii U, Microsoft Windows, Android, Nintendo 3DS, PlayStation 4, iOS, Nintendo Switch
Data di pubblicazioneWii:
Giappone 2 agosto 2012

Wii U:
Giappone 30 marzo 2013
Microsoft Windows:
Giappone 26 settembre 2013
Android:
Giappone 16 dicembre 2013
Nintendo 3DS:
Giappone 4 settembre 2014

PlayStation 4, iOS, Nintendo Switch:
Giappone TBA
GenereMMORPG
TemaFantasy
SviluppoSquare Enix, Armor Project
PubblicazioneSquare Enix
IdeazioneNaoki Yoshida, Yuji Horii
SerieDragon Quest
Modalità di giocoMultigiocatore
Periferiche di inputWii Remote, Wii U GamePad, gamepad, tastiera, DualShock 4
SupportoNintendo Optical Disc, DVD, download, cartuccia, Blu-ray Disc
Preceduto daDragon Quest IX: Le sentinelle del cielo
Seguito daDragon Quest XI

Dragon Quest X: Mezameshi Itsutsu no Shuzoku Online (ドラゴンクエストX 目覚めし五つの種族 オンライン?) è un videogioco prodotto da Square Enix, decimo capitolo della serie Dragon Quest. È stato distribuito inizialmente per Wii nel 2012, e successivamente per Wii U,[1][2] PC, Android (tutte nel 2013) , Nintendo 3DS (nel 2014) e Playstation 4 (in sviluppo).[3] È inoltre stato previsto lo sviluppo di una versione del gioco per la futura console Nintendo Switch.[4][5]

Tutte le versioni sono attualmente un'esclusiva giapponese.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La trama ruota intorno ad un "bambino inviato dal Paradiso", che ha una missione da compiere.[6] Il gioco si ambienta in un nuovo mondo, chiamato Astoltia,[7] diviso in cinque continenti. Il giocatore comincia con un personaggio umano, a cui successivamente verrà data la possibilità di cambiare razza, scegliendo tra le sei disponibili: Umani, Orchi, Elfi, Nani, Puklipo e Weddie.[7]

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

A differenza dei precedenti capitoli della serie principale, Dragon Quest X è un MMORPG, pertanto richiede una registrazione online e un pagamento mensile per giocare, anche se sono disponibili alcune ore offline se giocato per la prima volta.[8][9][10] Il sistema "open world" dei precedenti capitoli rimane, così come molte delle caratteristiche RPG che hanno caratterizzato la serie. Il gioco utilizza il cloud storage per i file di salvataggio e altri dati di gioco.[11]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Dragon Quest X ha venduto 420,311 copie la prima settimana, un buon risultato per un MMORPG ma comunque sotto la media dei precedenti capitoli della serie.[12] A fine 2012 risultò il 10º gioco più venduto dell'anno, con 609,783 copie[13] e oltre 400,000 iscritti online.[14][15] La versione Wii U ha venduto 33,302 copie la prima settimana, piazzandosi al 6º posto nella lista dei giochi più venduti in quel periodo.[16]

Il gioco fu anche adattato in un breve manga pubblicato sulla rivista V-Jump Magazine nel corso del dicembre 2012.[15]

Stando alle parole dello sviluppatore, il titolo è giocato quotidianamente da 300.000 giocatori.[17]

Note[modifica | modifica wikitesto]