Dario Buzzolan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dario Buzzolan (Torino, 12 ottobre 1966) è uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in filosofia teoretica con Gianni Vattimo, ha pubblicato diversi romanzi, fra cui Dall'altra parte degli occhi, vincitore del Premio Calvino, Non dimenticarti di respirare, tradotto in Francia dall'editore Lattès nel 2002, I nostri occhi sporchi di terra, finalista al Premio Strega 2009, Se trovo il coraggio (Fandango Libri, 2013) e "Malapianta" (Baldini&Castoldi, 2016). È anche autore della prima traduzione italiana di Following the Equator di Mark Twain (Seguendo l'Equatore, Baldini Castoldi Dalai, 2010).

È inoltre autore dei testi teatrali Target (in scena al Festival del teatro europeo di Nizza) e Visita dell'uomo grigio (in cartellone al Teatro Stabile di Torino nel 2001). Critico cinematografico per la carta stampata e la TV, ha scritto anche saggi sul cinema, fra cui uno su George A. Romero, è consulente del Festival Internazionale del Film di Roma e interviene spesso alla trasmissione Cinematografo su Rai 1. Tiene rubriche sulle pagine torinesi de La Repubblica e su Linus. Nel 2002 ha fatto parte della delegazione ufficiale degli scrittori invitati a rappresentare l'Italia al Salon du Livre di Parigi.

Nel 2004 e 2005 è stato coautore e conduttore del programma Anni luce in onda su LA7. Attualmente è capo autore del programma Agorà, in onda su Rai 3. Figlio secondogenito di Ugo Buzzolan, è compagno della giornalista Luisella Costamagna, con cui ha avuto un figlio, Davide.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1998 - George A. Romero. La notte dei morti viventi (Lindau); saggio
  • 1999 - Dall'altra parte degli occhi (Mursia)
  • 2000 - Non dimenticarti di respirare (Mursia)
  • 2003 - Tutto brucia (Garzanti)
  • 2007 - Favola dei due che divennero uno (Baldini Castoldi Dalai)
  • 2009 - I nostri occhi sporchi di terra (Baldini Castoldi Dalai)
  • 2013 - Se trovo il coraggio (Fandango Libri)
  • 2016 - Malapianta (Baldini&Castoldi)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN59299307 · SBN: IT\ICCU\CFIV\167569 · BNF: (FRcb14414046w (data)