Cygnus CRS Orb-3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cygnus CRS Orb-3
Emblema missione
Orbital Sciences CRS Flight 3 Patch.png
Immagine del veicolo
Antares Orb-3 launch failure (201410280009HQ).jpg
L'esplosione dei veicolo di lancio pochi secondi dopo il decollo.
Dati della missione
OperatoreNASA
DestinazioneISS
EsitoVeicolo di lancio distrutto pochi secondi dopo il decollo.
Nome veicoloS.S. Deke Slayton[1]
VettoreAntares 130[1]
Lancio28 ottobre 2014, 22:22:38 UTC[2][3]
Luogo lancioLP-0A, MARS
DurataPianificata: 1 mese
Effettiva: 15 secondi
Proprietà veicolo spaziale
Peso del carico2 215 kg
CostruttoreOrbital ATK
Carico2 215 kg
Commercial Resupply Services
Missione precedenteMissione successiva
Cygnus CRS Orb-2 Cygnus CRS OA-4

Cygnus CRS Orb-3,[4] conosciuta anche come Orbital Sciences CRS Flight 3 e Orbital 3, è stata una missione spaziale privata di rifornimento per la Stazione Spaziale Internazionale, programmata da Orbital ATK per la NASA nell'ambito del programma Commercial Resupply Services, e decollata il 28 ottobre 2014. Questa avrebbe dovuto essere la quarta missione orbitale del veicolo spaziale Cygnus, la quarta delle quali avente come cliente la NASA,[5] e il quinto volo del veicolo di lancio Antares, il quale, però, è esploso pochi secondi dopo il decollo distruggendo anche il suo carico.[6]

Modulo di servizio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Cygnus (veicolo spaziale).
La navetta della missione Cygnus Orb-3 integrata nel razzo Antares.

La missione Cygnus Orb-3 avrebbe dovuto essere la terza delle otto missioni commissionate alla Orbital Sciences da parte della NASA nell'ambito del contratto Commercial Resupply Services. La missione fu il primo tentativo di volo del razzo Antares 130, il quale utilizzava il nuovo e più potente secondo stadio Castor 30XL, ed avrebbe inoltre dovuto essere l'ultima ad utilizzare un modulo Cygnus di dimensioni standard.

Come da tradizione della Orbital Sciences, il modulo era stato battezzato S.S. Deke Slayton, in onore dell'astronauta statunitense Donald "Deke" Slayton, uno dei primi sette astronauti americani scelti e presentati al pubblico il 9 aprile del 1959, morto nel 1993.[7]

Lancio e svolgimento della missione[modifica | modifica wikitesto]

Il lancio della missione Cygnus Orb-3 era stato programmato per il 27 ottobre 2014 alle 22:45 UTC, facendo di esso il primo lancio in notturna per un razzo Antares e per una navetta Cygnus, mentre l'incontro del modulo cargo con la ISS avrebbe dovuto avvenire nelle prime ore del mattino del 2 novembre. Il lancio fu però posticipato di 24 ore a causa di una violazione dello spazio di sicurezza effettuata da una barca a vela a meno di dieci minuti dal decollo, e così la missione partì il 28 ottobre 2014 alle 22:22:38 UTC.

Il fallimento del lancio[modifica | modifica wikitesto]

Il video del decollo e dell'esplosione del razzo Antares.

Il razzo Antares con a bordo la S.S. Deke Slayton ebbe un malfunzionamento al sistema di propulsione 15 secondi dopo essere decollato dal sito di lancio numero 0 del Mid-Atlantic Regional Spaceport. Il veicolo iniziò quindi a precipitare e l'ufficiale addetto (chiamato Range Safety Officer) azionò il sistema di autodistruzione poco prima dell'impatto al suolo,[8][9] generando un'esplosione che fu udita a quasi 40 km di distanza.[10] Il conseguente incendio nel sito di lancio fu prontamente contenuto e lasciato bruciare fino al mattino.[11]

In una conferenza stampa tenuta dopo l'incidente, la NASA annunciò che non esistevano elementi noti prima del lancio che avessero potuto far prevedere un esito simile, l'agenzia comunicò anche che non c'erano stati né feriti né dispersi ma che il carico del razzo vettore era andato completamente distrutto e che il sito di lancio aveva riportato danni significativi.[12] Il 29 ottobre 2014, diverse squadre di tecnici iniziarono ad esaminare i detriti presenti sul sito dell'incidente,[13] mentre da un'altra ricognizione del sito di lancio risultò che i danni subiti da quest'ultimo non erano stati poi così seri, sebbene naturalmente fossero necessarie delle riparazioni, e che anche i serbatoi di carburante del sito non erano stati colpiti.[8][14]

Carico[modifica | modifica wikitesto]

Il carico della missione Cygnus Orb-3 aveva un peso totale di 2 215 kg (2 294 kg con l'involucro) e comprendeva sia materiale pressurizzato destinato all'interno della Stazione Spaziale Internazionale che alcuni satelliti CubeSat destinati ad essere lanciati dalla ISS.

In particolare il carico era così composto:[15]

  • Carico destinato all'interno della ISS:
    • Esperimenti scientifici:
      • Esperimenti statunitensi: 727 kg
      • Esperimenti di altre nazioni: 158 kg
    • Rifornimenti per l'equipaggio: 748 kg
      • Equipaggiamento: 124 kg
      • Cibo: 617 kg
      • Libri con procedure di volo: 7 kg
    • Hardware per la stazione spaziale: 637 kg
      • Hardware statunitense: 606 kg
      • Hardware JAXA: 30 kg
    • Equipaggiamenti per le attività extraveicolari: 66 kg
    • Risorse informatiche: 37 kg

Tra il carico destinato ad essere utilizzato a bordo della ISS si possono ricordare i 18 esperimenti progettati da studenti nell'ambito del programma Student Spaceflight Experiments Program e riguardanti la formazione di cristalli, la germinazione di semi, la crescita delle piante ed altri processi da far avvenire in ambiente di microgravità.[16][17]

Tra i CubeSat andati persi c'erano poi alcuni nanosatelliti della Planet Labs destinati a formare la costellazione Flock-1, utile all'osservazione terrestre per fini commerciali,[18][19] e due satelliti radioamatoriali, il RACE e il GOMX-2. A bordo di quest'ultimo satellite, che peraltro è sopravvissuto all’esplosione,[20] era anche presente un dispositivo sperimentale che utilizzava una vela solare per frenare il CubeSat e far decadere la sua orbita.[21]

Indagini sull'incidente e conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Una ricerca successiva all'iniziale analisi dei dati della telemetria, la quale non aveva fatto riscontrare anomalie né nella fase precedente al lancio, né durante la sequenza di lancio, né durante il volo, fino ovviamente alla già citata mancanza di propulsione,[8] evidenziò che ad esplodere inizialmente era stata una turbopompa per l'ossigeno liquido facente parte di uno dei motori Aerojet Rocketdyne AJ-26, un motore ricavato dalla ristrutturazione di un NK-33 russo vecchio di quarant'anni.[22][23] La NASA e la Orbital Sciences non concordarono però sulle cause dell'esplosione; secondo la prima, infatti, l'esplosione poteva essere imputabile a un difetto di progettazione del motore, che avrebbe reso quest'ultimo suscettibile alla formazione di incendi dell'ossigeno, a un difetto di fabbricazione del motore, difetto che era stato riscontrato anche in un altro AJ-26 esploso durante un test nel maggio 2014, o alla presenza di detriti liberi nel motore, i quali furono poi trovati nei resti dell'esplosione, che avrebbero intasato la turbopompa; secondo la Orbital Sciences, invece, il tutto era da imputare a un difetto di fabbricazione della turbina della turbopompa che risaliva a quando essa era stata prodotta, più di quarant'anni prima, in Unione Sovietica, considerando come "possibile ma improbabile" la presenza di detriti alieni nel motore e "meno credibili" altre cause tecniche avanzate dalla NASA come motivo del disastro.[24][23][25]

Al fine di ottemperare agli obblighi temporali ad essa imposti dal contratto Commercial Resupply Services la Orbital dovette lanciare due missioni, la CRS OA-4 (Deke Slayton II) del dicembre 2015 e la CRS OA-6 (Rick Husband) del marzo 2016, utilizzando come vettore un razzo Atlas V, cercando nel frattempo di selezionare e testare un nuovo motore per i razzi Antares. Infine, la scelta ricadde sull'Energomash RD-181, la versione da esportazione del russo RD-191,[26] e il razzo Antares, riprogettato nella sua versione 200, tornò a volare nell'ottobre 2016, in occasione del lancio della Cygnus CRS OA-5.[27][28]

Le riparazioni nel sito di lancio iniziarono a gennaio del 2015 e furono completate solo nell'autunno del 2016.[29]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Chris Bergin, Space industry giants Orbital upbeat ahead of Antares debut (NASA Spaceflight), 22 febbraio 2012. URL consultato il 7 agosto 2019.
  2. ^ Antares - Cygnus Orb-3 Launch Failure, Spaceflight 101, 28 ottobre 2014. URL consultato il 7 agosto 2019.
  3. ^ First Nighttime Launch of the Antares Rocket Scheduled Oct. 27 From Wallops, NASA, 22 ottobre 2014. URL consultato il 7 agosto 2019.
  4. ^ Worldwide Launch Schedule, Spaceflight Now. URL consultato il 7 agosto 2019 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2013).
  5. ^ International Space Station Flight Schedule, Students for the Exploration and Development of Space, 15 maggio 2013. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  6. ^ Giuseppe Corleo, Il razzo Antares della missione CRS-3 esplode pochi secondi dopo il lancio, Astronauti News, 29 ottobre 2014. URL consultato il 7 agosto 2019.
  7. ^ ISS Commercial Resupply Services Mission (Orb-3): Mission Update – ottobre 22, 2014, Orbital Sciences, 22 ottobre 2014. URL consultato il 7 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2014).
  8. ^ a b c Orb-3 Mission Updates, Orbital Sciences.
  9. ^ Stephen Clark, First stage propulsion system is early focus of Antares investigation (Spaceflight Now), 31 ottobre 2014.
  10. ^ Carol Vaughn, Explosion witness: "It looked like an atomic bomb", Delmarva Daily Times, 29 ottobre 2014.
  11. ^ Unmanned NASA-contracted rocket explodes over eastern Virginia, CNN, 29 ottobre 2014. URL consultato il 7 agosto 2019.
  12. ^ Mike Wall, Private Orbital Sciences Rocket Explodes During Launch, NASA Cargo Lost (Space.com), 28 ottobre 2014. URL consultato il 7 agosto 2019.
  13. ^ Teams investigate failure of unmanned rocket off Virginia coast (CNN), 29 ottobre 2014. URL consultato il 7 agosto 2019.
  14. ^ Stephen Clark, Initial damage assessment shows Antares pad intact (Spaceflight Now), 31 ottobre 2014. URL consultato il 7 agosto 2019.
  15. ^ Orbital CRS-3 Mission Overview (PDF), NASA, ottobre 2014. URL consultato il 7 agosto 2019.
  16. ^ Cygnus Orb-3 Cargo Manifest, Spaceflight 101 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2015).
  17. ^ NanoRacks-Duchesne-Algae Production in Microgravity with Variable Wavelengths of Light, NASA, 24 settembre 2015. URL consultato il 7 agosto 2019.
  18. ^ Flock-1, −1b, −1c, −1d, −1e, Skyrocket.de. URL consultato il 7 agosto 2019.
  19. ^ Space is hard: Antares rocket failure, Planet.com. URL consultato il 7 agosto 2019.
  20. ^ Keith Cowing, Cubesat Survives Antares Explosion (NASA Watch), 2 settembre 2015. URL consultato il 7 agosto 2019.
  21. ^ GOMX 2, su Gunter’s Space Page (Gunter Dirk Krebs). URL consultato il 7 agosto 2019.
  22. ^ Valeria Parnenzini, Concluse le indagini sull'incidente del razzo Antares, Astronauti News, 17 novembre 2015. URL consultato il 7 agosto 2019.
  23. ^ a b NASA Independent Review Team: Orb–3 Accident Investigation Report, Executive Summary (PDF), NASA, 9 ottobre 2015.
  24. ^ Jason Rhian, NASA Details Orbital's Requirements to Meet CRS Contract (Spaceflight Insider), 18 novmebre 2014. URL consultato il 7 agosto 2019.
  25. ^ Jeff Foust, NASA, Orbital Differ on Root Cause of Antares Launch Failure (Space News), 29 ottobre 2015. URL consultato il 7 agosto 2019.
  26. ^ Chris Bergin, Post mortem for CRS-3 Antares notes turbopump failure (NASA Spaceflight), 5 novembre 2014. URL consultato il 7 agosto 2019.
  27. ^ Chris Gebhardt, Orbital ATK make progress toward Return To Flight of Antares rocket (NASA Spaceflight), 14 agosto 2015. URL consultato il 7 agosto 2019.
  28. ^ Spazio: dopo 2 anni il razzo Antares torna a volare (La Repubblica), 14 agosto 2015. URL consultato il 7 agosto 2019.
  29. ^ Chris Bergin, Return to Wallops Flight Facility (NASA Spaceflight), 8 dicembre 2014. URL consultato il 7 agosto 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica