Culla dell'umanità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coordinate: 25°58′02.03″S 27°39′44.78″E / 25.967231°S 27.66244°E-25.967231; 27.66244
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
Sito di fossili di ominidi di Sterkfontein, Swartkrans e Kromdraai
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
SterkfonteinCave.jpg
TipoCulturali
Criterio(iii) (vi)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal1999
Scheda UNESCO(EN) Fossil Hominid Sites of Sterkfontein, Swartkrans, Kromdraai, and Environs
(FR) Sites des hominidés fossiles d’Afrique du Sud

La Culla dell'Umanità, è un sito paleoantropologico che si trova a circa 50 km (31 mi) nord-ovest da Johannesburg, Sud Africa, nella provincia di Gauteng[1][2][3].

Dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1999,[4] il sito occupa attualmente 47 000 ettari (180 mi²)[5] e contiene un complesso di grotte calcaree. Il nome registrato del sito nell'elenco dei siti del patrimonio mondiale è Siti fossili di ominidi del Sud Africa.

Secondo il South African Journal of Science Bolt's Farm è il luogo in cui è stato scoperto il primo primate.[6] Il sito è stato oggetto di notevoli scavi per l'estrazione di speleotemo nel XIX e all'inizio del XX secolo.[7]

Nelle vicinanze la Grotta della Stella nascente contiene la Camera Dinaledi (camera delle stelle), nella quale sono stati scoperti quindici scheletri fossili di una specie estinta di ominide, provvisoriamente denominata Homo naledi .

La grotta di Sterkfontein da sola ha rivelato più di un terzo dei primi fossili di ominidi mai trovati prima del 2010.[8] La Camera Dinaledi contiene oltre 1.500 fossili di Homo naledi, la più vasta scoperta di una singola specie di ominidi mai trovata in Africa.[9]

Contesto geologico[modifica | modifica wikitesto]

L'area comprende la famosa grotta di Sterkfontein, dove fu rinvenuto il più antico fossile di Australopithecus africanus soprannominato Mrs. Ples, risalente a 2,3 milioni d'anni fa, scoperto nel 1947 dai paleontologi Robert Broom e John T. Robinson. Questa scoperta rafforzò quella del bambino di Taung, effettuata nel 1924 nella provincia sudafricana di North West.

Nel 1997 fu trovato lo scheletro quasi intatto di Little Foot, datato all'incirca sui 3,3 milioni d'anni fa, scoperto da Ronald J. Clarke della Università di Witwatersrand. Altra famosa grotta è la Wonder Cave Kromdraai. L'uso del fuoco in questo sito risale ad oltre 1 milione d'anni fa a Swartkrans.

I resti di ominidi nella Culla dell'umanità sono intrappolati in un misto di calcare ed altri sedimenti chiamati brecce, fossilizzati dal tempo. Anche se gli ominidi erano probabilmente diffusi nell'intera Africa, i loro resti possono essere ritrovati solo nei siti in cui le condizioni geologiche hanno permesso la fossilizzazione.

Storia delle scoperte[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1935, Robert Broom trovò i primi fossili di uomini scimmia a Sterkfontein e iniziò a lavorare in questo sito. Nel 1938, un giovane studente, Gert Terrblanche, portò a Raymond Dart frammenti di un teschio dalla vicina Kromdraai che in seguito furono identificati come Paranthropus robustus. Sempre nel 1938, un singolo dente di uomo scimmia fu trovato nel sito di Cooper tra Kromdraai e Sterkfontein. Nel 1948, la spedizione Camp-Peabody dagli Stati Uniti lavorò a Bolts Farm e Gladysvale alla ricerca di ominidi fossili ma non ne trovò nessuno. Più tardi, nel 1948, Robert Broom identificò i primi resti di ominidi dalla grotta di Swartkrans. Nel 1954, CK Brain iniziò a lavorare nei siti della Cradle, inclusa la Cooper's Cave, e lavorò per tre decenni nella grotta di Swartkrans, recuperando il secondo campione più grande di resti di ominidi dalla Culla. Anche il più antico uso controllato del fuoco da parte dell'Homo erectus è stato scoperto nella grotta di Swartkrans e risale a oltre 1 milione di anni fa.[10][11]

Nel 1966, Phillip Tobias iniziò i suoi scavi di Sterkfontein, ove tutt'ora sta lavorando (2022) con gli scavi fossili ininterrottamente più lunghi al mondo. Nel 1991, Lee Berger dell'Università del Witwatersrand scoprì i primi esemplari di ominidi dal sito di Gladysvale, rendendo questo il primo nuovo sito di ominidi ad essere scoperto in Sud Africa in 48 anni. Nel 1994, Andre Keyser scoprì fossili di ominidi nel sito di Drimolen. Nel 1997, Kevin Kuykendall e Colin Menter dell'Università del Witwatersrand hanno trovato due denti fossili di ominidi nel sito di Gondolin. Sempre nel 1997, lo scheletro quasi completo dell'Australopithecus di " Little Foot ", risalente a circa 3,3 milioni di anni fa[12], fu scoperto da Ron Clarke . Nel 2001, Steve Churchill della Duke University e Lee Berger hanno trovato resti umani della prima età moderna a Plovers Lake. Sempre nel 2001, i primi fossili di ominidi e strumenti in pietra sono stati scoperti in situ a Coopers. Nel 2008, Lee Berger ha scoperto i resti parziali di due ominidi ( Australopithecus sediba ) nel sito fossile di Malapa vissuti tra l'1,78 e l'1,95 milioni di anni fa.

Nell'ottobre 2013, Berger ha incaricato il geologo Pedro Boshoff di studiare i sistemi di grotte nella Culla dell'umanità con il preciso scopo di scoprire più siti fossili di ominidi. Gli speleologi Rick Hunter e Steven Tucker hanno scoperto fossili di ominidi in un'area precedentemente inesplorata del sistema di grotte Rising Star/Westminster a cui è stata assegnata la designazione del sito UW-101. Nel novembre 2013, Berger ha guidato una spedizione congiunta dell'Università del Witwatersrand e della National Geographic Society al sistema di grotte della stella nascente vicino a Swartkrans. In sole tre settimane di scavo, il team internazionale di sei donne di scienziati speleologici avanzati (K. Lindsay Eaves, Marina Elliott, Elen Feuerriegel, Alia Gurtov, Hannah Morris e Becca Peixotto), scelti per le loro abilità paleoantropologiche e speleologiche, a causa della loro piccola statura, hanno recuperato oltre 1.200 esemplari di una specie di ominidi fossili attualmente non identificata. Il sito è ancora in fase di datazione. Nel settembre 2015, Berger, in collaborazione con National Geographic, ha annunciato la scoperta di una nuova specie di parente umano, denominata Homo naledi, da UW-101.[13][14][15] Più sorprendentemente, oltre a far luce sulle origini e sulla diversità del nostro genere, Homo naledi sembra anche aver depositato intenzionalmente i corpi dei suoi morti in una remota camera della caverna, un comportamento precedentemente ritenuto limitato agli esseri umani.[16][17] Negli ultimi giorni della spedizione della Stella nascente, gli speleologi Rick Hunter e Steven Tucker hanno scoperto materiale fossile di ominidi aggiuntivo in un'altra parte del sistema di grotte. Gli scavi preliminari in questo sito, designato UW-102, sono iniziati e hanno prodotto il proprio materiale fossile di ominidi completo. Non è noto quale sia la relazione tra i siti UW-101 e UW-102.[18][19][20]

Edificio del tumulo al centro visitatori di Maropeng
Davanti a Maropeng

I resti di ominidi presso la Culla dell'Umanità si trovano in grotte dolomitiche e sono spesso racchiusi in una miscela di calcare e altri sedimenti chiamati breccia e fossilizzati nel tempo. Gli ominidi potrebbero aver vissuto in tutta l'Africa, ma i loro resti si trovano solo in siti in cui le condizioni hanno consentito la conservazione dei fossili.

Centri visitatori[modifica | modifica wikitesto]

Australopiteco sediba

Il 7 dicembre 2005, il presidente sudafricano Thabo Mbeki ha aperto il nuovo Centro visitatori di Maropeng nel sito[21] ove i visitatori possono vedere fossili, visualizzare strumenti di pietra e conoscere la nascita dell'umanità. Sono disponibili un tour delle grotte di Sterkfontein e alla mostra a Sterkfontein . Una struttura leggera e mobile in acciaio nota come il Maggiolino è stata collocata sopra il sito di Malapa, per consentire al pubblico di vedere gli scavi. (Gli scavi sono stati sospesi dal 2009, quando sono stati rimossi i resti di quattro individui di A. sediba.) [22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ David Fleminger, The Cradle of Humankind, 30° South Publishers, 2008, pp. 7–10, ISBN 978-0-9584891-3-3.
  2. ^ (EN) davidfleminger.co.za, http://www.davidfleminger.co.za/books/cradle-of-humankind/. URL consultato il 30 dicembre 2019.
  3. ^ (EN) Smithsonian Magazine, https://www.smithsonianmag.com/science-nature/the-human-evolution-world-tour-10925648/. URL consultato il 30 dicembre 2019.
  4. ^ kids.britannica.com, https://kids.britannica.com/kids/article/Cradle-of-Humankind/601978.
  5. ^ maropeng.co.za, http://www.maropeng.co.za/index.php/about/. URL consultato il 9 aprile 2010.
  6. ^ Research Briefs, in South African Journal of Science, vol. 109, n. 5/6, 2013, pp. 1–2, DOI:10.1590/sajs.2013/a0017, ISSN 0038-2353 (WC · ACNP).
  7. ^ (EN) Combining legacy data with new drone and DGPS mapping to identify the provenance of Plio-Pleistocene fossils from Bolt's Farm, Cradle of Humankind (South Africa), in PeerJ, vol. 7, 14 gennaio 2019, pp. e6202, DOI:10.7717/peerj.6202, ISSN 2167-8359 (WC · ACNP), PMID 30656072.
  8. ^ https://www.theguardian.com/world/2010/jan/15/sterkfontein-caves-south-africa.
  9. ^ scientificamerican.com, http://www.scientificamerican.com/article/mysterious-new-human-species-emerges-from-heap-of-fossils/. URL consultato il 12 settembre 2015.
  10. ^ Evidence from the Swartkrans Cave for the earliest use of fire, in Nature, vol. 336, n. 6198, 1988, pp. 464:466, DOI:10.1038/336464a0.
  11. ^ Brett Hilton Barber e Lee R Berger, Field Guide to the Cradle of Human Kind: Sterkfontein, Swartkrans, Kromdraai and Environs World Heritage Site., Firstª ed., Cape Town, Penguin Random House, dicembre 2004, p. 75, ISBN 9781770070653.
  12. ^ s Sebbene datazioni più recenti suggeriscano che sia più vicino a 2,5 milioni di anni fa.
  13. ^ iflscience.com, http://www.iflscience.com/editors-blog/newly-discovered-human-ancestor-likely-ritualistically-disposed-its-dead.
  14. ^ Photograph Mark Thiessen, National Geographic, news.nationalgeographic.com, http://news.nationalgeographic.com/2015/09/150910-human-evolution-change/.
  15. ^ vol. 4, 2015, DOI:10.7554/eLife.09560, PMID 26354291, https://oadoi.org/10.7554/eLife.09560.
  16. ^ wits.ac.za, http://www.wits.ac.za/homonaledi/.
  17. ^ vol. 4, 2015, DOI:10.7554/eLife.09561, PMID 26354289, https://oadoi.org/10.7554/eLife.09561.
  18. ^ http://newswatch.nationalgeographic.com/tag/rising-star-expedition/.
  19. ^ http://mg.co.za/article/2013-11-26-scientists-bag-more-than-1000-fossils-at-cradle-treasure-trove.
  20. ^ http://johnhawks.net/weblog/hawks/travel/johannesburg-update-feb-2014.html.
  21. ^ http://www.news24.com/News24/Technology/News/0,,2-13-1443_1847397,00.html.
    «Secondo il governo provinciale del Gauteng, Maropeng, che significa "il luogo da cui veniamo", dovrebbe ricevere oltre 500 000 visitatori all'anno.»
  22. ^ (EN) Human evolution: The cradle of humankind revisited, in Nature, vol. 523, n. 7558, 2015, pp. 33, DOI:10.1038/523033a, ISSN 1476-4687 (WC · ACNP).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN238164736 · LCCN (ENsh2004003098 · J9U (ENHE987007547039705171