Costantino Mortati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Costantino Mortati
Costantino Mortati.jpg

Deputato dell'Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Collegio Collegio Unico Nazionale
Incarichi parlamentari
  • Membro della Commissione per la Costituzione
  • Membro della Seconda Sottocommissione
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico DC
Titolo di studio Lauree in giurisprudenza e filosofia
Professione docente universitario

Costantino Mortati (Corigliano Calabro, 27 dicembre 1891Roma, 25 ottobre 1985) è stato un giurista e costituzionalista italiano di origine arbëreshë.

È annoverato fra i più autorevoli giuristi italiani del XX secolo[1].Tra i suoi allievi sono da ricordare Giuseppe Ferrari, Leopoldo Elia, Mario Galizia, Sergio Fois e Temistocle Martines.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò prima a San Demetrio Corone, dove conseguì il diploma di maturità classica, e poi a Catania. Nel 1914 si laureò in Giurisprudenza a Roma. Nel 1917 si laureò, sempre a Roma, in Filosofia. Allievo di Sergio Panunzio, dal 1936 insegnò "Diritto costituzionale" all'Università di Messina.

Successivamente, fu professore ordinario di diritto costituzionale presso la facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Macerata, di cui fu anche Rettore. In seguito tenne l'insegnamento di "Diritto pubblico" presso il Regio Istituto navale di Napoli. Proprio a Napoli, nel 1940 fu professore presso la Federico II, anno durante il quale scrisse il suo saggio sulla costituzione materiale.

Nel 1946 fu eletto deputato per la Democrazia Cristiana all'Assemblea costituente, e fece parte della "Commissione dei 75"[2], di cui fu uno dei protagonisti: "a questo personaggio così schivo e riservato si devono molti caratteri attribuiti nella Costituzione agli istituti parlamentari"[3].

Dal 1948 al 1960 ordinario di "Diritto costituzionale italiano e comparato" presso la Facoltà di Scienze politiche dell'Università di Roma "La Sapienza"; svolse anche l'attività forense[4]. Fu anche segretario della Corte dei Conti.

Nel 1960 fu nominato giudice della Corte costituzionale, dove rimase fino al 1972. Nell'ultimo periodo fu anche vice presidente.

Nel 1977 fu colpito da una grave forma di paralisi. Morì a Roma nel 1985.

Il pensiero giuridico[modifica | modifica wikitesto]

Molto importanti i suoi studi sulla costituzione materiale del 1940[5]. Tali studi, trascurati per lunghi anni, sono stati rivisitati alla fine del XX secolo e riscuotono oggi notevole consenso[6].

La sua visione della Costituzione è in qualche modo intermedia tra la posizione di Hans Kelsen e quella di Carl Schmitt. Al riguardo si può sostenere che il punto di riferimento è l'individuazione dell'elemento primigenio dell'esperienza giuridica, che egli individua nell'”ordinamento” più che nelle “norme”, rovesciando la posizione di Kelsen e differenziandosi dal pensiero schmittiano, che poneva viceversa l'accento sulla "decisione".

All'interno della sua idea di costituzione materiale è assegnato un ruolo fondamentale al partito politico[7].

Le opere[modifica | modifica wikitesto]

È da ricordare anzitutto il suo importante manuale, le "Istituzioni di diritto pubblico", più volte ampliato e ristampato[8], nonché "Le forme di governo" (1973), considerato tutt'oggi una delle più complete introduzioni allo studio del diritto costituzionale comparato.

Fu autore di molte opere, tra cui: L'ordinamento del governo nel nuovo diritto pubblico italiano (1931); La costituzione in senso materiale (1940); La costituente. La teoria. La storia. Il problema italiano. (1946); Lezioni di diritto costituzionale italiano e comparato (1965); Le forme di governo (1973); Istituzioni di diritto pubblico (1975-76 (I-II), 1991 (I)).

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Giudice costituzionale»
— 29 aprile 1961[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Professor Costantino Mortati, an outstandig constitutional lawyer and a founding father of our Constitution": Alessandro Pace, Are Human Rights Universal and Binding?, in ITALIAN NATIONAL REPORTS – WASHINGTON 2010 THE CARDOZO ELECTRONIC LAW BULLETIN, VOL. 16(1) - SPECIAL ISSUE, p. 458.
  2. ^ Viene anche "nominato ad hoc un altro organismo ristretto, il Comitato dei diciotto, in cui il testo viene limato, corretto, glossato e restituito al giudizio dei colleghi costituenti e in cui i Piero Calamandrei e i Costantino Mortati, i Renzo Laconi e i Paolo Rossi si cimentano in un braccio di ferro giocato con abilità e dottrina. Ma niente lungaggini, bizantinismi, dottrinarismi freddi, ostruzionismi accademici": BATTISTA PIERLUIGI, Dopo la Liberazione, in pochi mesi di "concordia quasi irreale" nacque la Costituzione. Ma si può ripetere il "miracolo del '47" ?, La Stampa, 13 giugno 2000.
  3. ^ Domenico Novacco, L'officina della costituzione italiana: 1943-1948, Feltrinelli, 2000, p. 156
  4. ^ Per la celebre causa attivata dalla signora Rosa Oliva (contro la legge del 1919 che vietava alle donne di partecipare ai concorsi per la carriera prefettizia, quella diplomatica, militare o per entrare in magistratura), v. Satta Antonio e Sisto Alberto, Eroi fai da te, in Il Mondo, 5 giugno 1998: Lei non fa una piega e va dal professore con il quale si è laureata: il costituzionalista Costantino Mortati. Lui l'ascolta e poi si limita a domandare: "Queste cose le sta raccontando al professore o all'avvocato ?". E lei, senza scomporsi: "Io intendo ricorrere, se mi volesse patrocinare sarei molto onorata". Mortati non ci pensa su e risponde: "Si può fare".
  5. ^ José Joaquín Fernández Alles, Costantino Mortati en el 125º Aniversario de su nacimiento. Reflexiones sobre la Constitución en sentido material y fundacional, in Federalismi.it, 21/12/2016.
  6. ^ Paolo Armaroli, La strana nostalgia di D'Onofrio per i padri fondatori, in Il Giornale, 23 agosto 2003: "un mostro sacro del diritto come Costantino Mortati in una sua famosa opera sostenne che una Costituzione scritta è valida in quanto sorretta dalla Costituzione in senso materiale".
  7. ^ V. Costantino Mortati, “Concetto e funzione dei partiti politici”, in Quaderni di Ricerca, s. l., 1949, ripubblicato da Nomos (2-2015). Già in precedenza si era avuto un suo profondo interesse per la materia: secondo GREGORIO GITTI, Come le Primarie cambiano i Partiti, Corriere della Sera, 3 novembre 2005, "le elezioni primarie del 16 ottobre 2005 hanno dato vita a una prova di partecipazione democratica che non trova precedenti nella nostra storia repubblicana, se non, per l'appunto, nell'avveniristico progetto di Costantino Mortati del 1946, anteriore addirittura al referendum istituzionale del giugno di quell'anno".
  8. ^ Ancora citato decenni dopo la sua pubblicazione: "il più grande giurista democristiano presente alla Costituente, Costantino Mortati, (...), da costituente e da costituzionalista, già molti decenni fa ha scritto, nelle sue Istituzioni di diritto pubblico, che i provvedimenti di grazia 'appartengono alla competenza propria del Capo dello Stato, nella sua veste di organo dell'unità nazionale, tale da offrire garanzia che il suo esercizio si svolga all'infuori dell'influenza di interessi di parte' e che 'pertanto la controfirma apposta al decreto del Ministro guardasigilli ha solo carattere formale" (Marco Boato, "SOFRI - BOATO, PANNELLA HA FATTO RIEMERGERE NORMA COSTITUZIONE", 9 aprile 2004 ore 16.55, Agenzia Giornalistica Italia).
  9. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Costantino Mortati, costituzionalista calabrese, a cura di Fulco Lanchester, 1989, Napoli, E.S.I.
  • Il pensiero giuridico di Costantino Mortati, a cura di Mario Galizia e Paolo Grossi, 1990, Milano, Giuffrè.
  • Forme di Stato e forme di governo: nuovi studi sul pensiero di Costantino Mortati, a cura di Mario Galizia, 2007, Milano, Giuffrè.
  • De Fiores Claudio, Il partito nello Stato delle masse. Brevi riflessioni sul partito politico in Costantino Mortati, in “Democrazia e diritto”, 3, 2009, pp. 365-384.
  • Campodonico Francesco, Weimar: assenza di "equilibrio" e di "stabilimentum". I giudizi di Costantino Mortati sui partiti politici weimariani ed il loro compromesso costituzionale. in Nomos, 2015 fasc. 3, pp. 16 ss.
  • Macrì Gianfranco, Brevi considerazioni (ricognitive) su: attualità di Costantino Mortati nel trentennale della morte tra dinamiche sociali e crisi dei partiti. in Nomos, 2015 fasc. 3, pp. 9 ss.
  • Bisogni Giovanni, I giuristi e il sindacato giudiziario sul contenuto delle leggi dall'età liberale al fascismo in Quaderni fiorentini per la storia del pensiero giuridico moderno, 2015 fasc. 44, pp. 425 - 463
  • Pinelli Cesare, La costituzione di Santi Romano e i primi Maestri dell'età repubblicana. in Diritto amministrativo, 2012 fasc. 3, pp. 251 - 298
  • Groppi Tania, "Fondata sul lavoro". Origini, significato, attualità della scelta dei costituenti, in Rivista trimestrale di diritto pubblico, 2012 fasc. 3, pp. 665 - 686
  • Bognetti Giovanni, Costantino Mortati e la Scienza del diritto in Quaderni costituzionali, 2011 fasc. 4, pp. 803 - 893
  • Abbamonte Orazio, Fra tradizione ed autorità: la formazione giurisprudenziale del diritto durante il ventennio fascista in Quaderni fiorentini per la storia del pensiero giuridico moderno, 2011 fasc. 40, pp. 868 - 966
  • Gambino Silvio, Forma di governo e "costituzione materiale". L'esperienza italiana in Studi parlamentari e di politica costituzionale, 2011 fasc. 171-172, pp. 241 - 253
  • Catelani Alessandro, Costantino Mortati e le costituzioni moderne in Diritto e società, 2010 fasc. 3-4, pp. 305 - 331
  • Garancini Gianfranco, Figure di costituenti: Egidio Tosato e Costantino Mortati in Iustitia, 2009 fasc. 4, pp. 461 - 471
  • Parisi Stefania, Fonti del diritto e criterio gerarchico in Costantino Mortati. in Quaderni costituzionali, 2009 fasc. 4, pp. 843 - 869
  • Grasso Nicola, La cultura italiana di fronte ai mutamenti costituzionali informali. in Diritto pubblico comparato ed europeo, 2009 fasc. 4, pp. 1666 - 1679
  • D'Urgolo Giandomenico, Il pensiero ed il contributo di Costantino Mortati costituente alle origini dell'elaborazione di una teoria sulla dirigenza pubblica. in Rivista Amministrativa della Repubblica Italiana, 2008 fasc. 11-12, pp. 571 - 576
  • Pasquino Pasquale, L'origine du contrôle de constitutionnalité en Italie. Les débats de l'Assemblée constituante (1946-47) - L'origine del controllo di costituzionalità in Italia. I dibattiti dell'Assemblea costituente (1946-47). in Rivista trimestrale di diritto pubblico, 2006 fasc. 1, pp. 1 - 12
  • La prima sentenza della Corte costituzionale: le memorie processuali (a cura di) Casini Lorenzo, in Rivista trimestrale di diritto pubblico, 2006 fasc. 1, pp. 13 - 76
  • Tarantino Luigi, Wittgenstein, Mortati e l'integrazione della motivazione in giudizio. in Urbanistica e appalti, 2002 fasc. 8, pp. 941 - 954
  • Magnani Carlo, Teorie novecentesche della Costituzione. Tra Stato, sovranità e soggetto costituente. in Materiali per una storia della cultura giuridica, 2002 fasc. 1, pp. 109 - 152
  • Cordini Giovanni, Ambiente e salute nel pensiero giuridico di Costantino Mortati. in Rassegna amministrativa della Sanità, 2002 fasc. 2, pp. 117 - 136
  • Riccobono Francesco, Appunti per una storia di "costituzione in senso materiale", in 1989. Rivista di diritto pubblico e scienze politiche, 2001 fasc. 3, pp. 329 - 338
  • Cassese Sabino, Martines e le due tradizioni del diritto costituzionale italiano. in Rassegna Parlamentare, 2001 fasc. 2, pp. 269 - 274
  • Di Cosimo Giovanni,"Mortati può attendere" (A proposito del controllo di costituzionalità dei regolamenti di delegificazione), in Giurisprudenza costituzionale, 2000 fasc. 6, pp. 4399 - 4410
  • Costanzo Pasquale, Considerazioni sparse sull'esperienza costituzionale spagnola alla luce della teoria delle forme di governo di Costantino Mortati. in Annali della Facoltà di Giurisprudenza. Università degli studi di Genova, 2000 fasc. 1, pp. 321 - 333
  • Volpi Mauro, Costantino Mortati e l'esperienza costituzionale della Svizzera. in Diritto pubblico comparato ed europeo, 2000 fasc. 2, pp. 387 - 403
  • Frosini Vittorio, Riccobono Francesco, Mortati e Kelsen, in Materiali per una storia della cultura giuridica, 1999 fasc. 2, pp. 407 - 430
  • Massera Alberto, Orlando, Romano, Mortati e la forma di governo. Profili storico-dogmatici. in Rivista trimestrale di diritto pubblico, 1996 fasc. 1, pp. 211 - 241
  • Zorzi Giustiniani Antonio, Forma di governo e disciplina dell'economia nell'evoluzione del pensiero di Costantino Mortati. in Diritto e società, 1995 fasc. 2, pp. 143 - 211
  • Barbera Augusto, Ceccanti Stefano, La lenta conversione maggioritaria di Costantino Mortati. in Quaderni costituzionali, 1995 fasc. 1, pp. 67 - 93
  • Stammati Sergio, La riflessione sulla Costituzione in senso materiale: l'opera di Costantino Mortati nel periodo dello Stato autoritario. in Giurisprudenza costituzionale, 1990 fasc. 9-10, pp. 2947 - 2994
  • Bartole Sergio, Costituzione materiale e ragionamento giuridico. in Diritto e società, 1982 fasc. 4, pp. 605 - 627
  • D'Orazio Giustino, Costantino mortati, costituente, giudice, maestro. in Il Ponte, 1978 fasc. 10, pp. 1285 - 1288
  • Biscaretti di Ruffia Paolo, Il contributo di Costantino Mortati al diritto costituzionale italiano (in occasione degli scritti editi in suo onore). in Il Politico, 1978 fasc. 2, pp. 250 - 256
  • Cerri Augusto, Indipendenza, imparzialità, nomina politica: problemi e dubbi irrisolti. in Giurisprudenza costituzionale, 1976 fasc. 2, pp. 175 - 176
  • D'Albergo Salvatore, Il potere democratico fra "costituzione materiale" e "funzione" di indirizzo politico. in Democrazia e diritto, 1973 fasc. 3, pp. 83 - 105.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN79093872 · LCCN: (ENnr92000243 · SBN: IT\ICCU\CFIV\034874 · ISNI: (EN0000 0000 6157 0788 · GND: (DE118999281 · BNF: (FRcb12340096n (data)