Cimber Sterling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Cimber Air)
Cimber Sterling
Logo
Cimber.air.crj-200.oy-rja.arp.jpg
StatoDanimarca Danimarca
Fondazione1º agosto 1950 a Copenaghen
Chiusura3 maggio 2012
Sede principaleSønderborg
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Compagnia aerea standard
Codice IATAQI
Codice ICAOCIM
Indicativo di chiamataCIMBER
Ultimo volo2 maggio 2012
HubCopenaghen
Flotta24 (nel 2012)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

La Cimber Sterling, precedentemente Cimber Air, era una compagnia aerea standard con sede a Sønderborg in Danimarca e basata presso l'Aeroporto di Copenaghen.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La compagnia aerea è stata fondata, il 1º agosto 1950, dal defunto capitano Ingolf Nielsen. Nel maggio 1998 la SAS acquistò il 26% di Cimber Air e nel marzo 2003 rivendette la quota alla Cimber Air Holding.

Nel 1996 entrò a far parte dell'alleanza Team Lufthansa, dalla quale è uscita al dissolvimento dell'alleanza nel 2004.

Nell'agosto 2011 la Mansvell Enterprises aveva investito nella compagnia aerea acquistando prima il 70,8% della compagnia e successivamente il rimanente 29,8% da azionisti minori.

Il 3 maggio 2012 la compagnia aerea ha cessato le operazioni dichiarando bancarotta.[1]

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Un Boeing 737-700

La flotta di Cimber Sterling, prima della bancarotta, era composta dei seguenti velivoli:[2]

Flotta Cimber Sterling
Velivolo In Servizio Passeggeri Note
ATR 42-500 3 48
ATR 72-200 6 64 o 66
Boeing 737-700 6 148
Bombardier CRJ-200 10 50
Totale 24

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Danish airline Cimber Sterling files for bankruptcy, Reuters, 3 maggio 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  2. ^ (EN) planespotters.net, Cimber Sterling fleet details, su planespotters.net. URL consultato il 3 maggio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito della Compagnia, su cimber.com, archiviato al 16 luglio 2011. (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).