Air Greenland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Air Greenland
Logo
StatoDanimarca Danimarca
Forma societariaCompagnia aerea
Fondazione1960 a Nuuk
Fondata da
Sede principaleNuuk Groenlandia Groenlandia
Filiali
Persone chiave
  • Michael Binzer (CEO)
  • Ove Nielsen (CFO)
  • Morten Nielsen (COO)
  • Udo Glashoff (CCO)
  • SettoreTrasporto
    Prodottiaviazione civile
    Fatturato1 152,1 milioni di corone svedesi (2008)
    Dipendenti669 (2008)
    Sito web
    Air Greenland
    Greenlandair Airbus.jpg
    Compagnia aerea regionale
    Codice IATAGL
    Codice ICAOGRL
    Identificativo di chiamataGREENLAND
    Descrizione
    HubKangerlussuaq
    Hub secondariNarsarsuaq
    Programma frequent flyerMiles & More
    Flotta37
    Destinazioni66
    Azienda
    Fondazione1960
    SedeNuuk
    Sito web
    Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
    Mappa delle rotte di Air Greenland aggiornata al 2009

    Air Greenland è una compagnia aerea regionale danese con sede a Nuuk in Groenlandia. Opera in tutta la parte occidentale della Groenlandia e a Copenaghen.

    Storia[modifica | modifica wikitesto]

    Nata nel 1960 come Greenlandair, la compagnia aerea nazionale della Groenlandia ha cambiato il nome in Air Greenland nel 2002.[1]

    Nei primi anni, gli aerei anfibi PBY Catalina erano utilizzati perché in grado di atterrare sia sulla superficie dell'acqua che sulle piste a Narsarsuaq e Kangerlussuaq, costruite dall'U.S. Army durante la Seconda guerra mondiale. Quando un atterraggio doveva aver luogo nei pressi di una città, la pista doveva essere preparata prima togliendo iceberg e banchi di ghiaccio. Ogni città aveva un aeroporto con un codice specifico che era stato dipinto sui tetti delle case.[1]

    Nel 1965, furono costruiti eliporti in tutte le città ed il trasporto aereo effettuato da elicotteri Sikorsky S-61, che potevano trasportare fino a 20 passeggeri. A quel tempo, la lunghezza della rete di rotte in Groenlandia era di circa 3 000 km, diventando così il network di elicotteri più grande al mondo. Annualmente venivano trasportati 15 000 passeggeri, un numero salito a 50 000 in un periodo di 10 anni.[1]

    Come conseguenza del rapido sviluppo economico della Groenlandia negli anni sessanta e settanta aumentò la domanda di trasporto passeggeri e merci, ma a causa dell'elevato costo di gestione degli elicotteri, si decise di passare gradualmente ai voli con aeromobili ad ala fissa. Gli aeroporti vennero costruiti in primo luogo a Nuuk (1979) e ad Ilulissat (1983) e successivamente nella maggior parte delle città lungo la costa occidentale della Groenlandia. Oggi, la maggior parte del trasporto aereo nazionale in Groenlandia è gestito con i DASH-7, aerei che possono trasportare fino a 50 passeggeri, anche se parte della cabina è spesso occupata dal carico. Alcune città e villaggi sono ancora serviti dagli elicotteri.[1]

    Air Greenland è impegnata anche per operazioni di ricerca e di salvataggio e per funzioni di ambulanza quando i pazienti devono essere trasportati in ospedali più grandi o inviati per ricoveri in Danimarca. Air Greenland utilizza inoltre i suoi elicotteri in connessione con le attività di ricerca mineraria e come voli charter sia all'interno che all'esterno della Groenlandia. Aeromobili ed apparecchiature Air Greenland, per esempio, sono state utilizzate per lavori in Antartide, Nepal e in Africa.[1]

    Alla fine degli anni novanta Air Greenland ha deciso di effettuare collegamenti sulla rotta tra la Groenlandia e la Danimarca, entrando in diretta concorrenza con SAS, che fino ad allora era l'unica compagnia che effettuava voli tutto l'anno sulla tratta. Air Greenland acquistò due jet e dopo un paio d'anni SAS si ritirò dal percorso. Air Greenland ora è il solo operatore che vola tutto l'anno tra la Danimarca e Kangerlussuaq o Narsarsuaq con cinque collegamenti settimanali durante l'inverno e 10-12 collegamenti settimanali in estate.[1]

    Il numero di passeggeri si è incrementato dai 15 000 nel 1965 ai 421 000 registrati nel 2008.[2]

    Destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

    Le rotte di Air Greenland toccano: Copenaghen, Aasiaat, Alluitsup Paa, Chicago, Constable Pynt, Ilulissat, Ittoqqortoormiit, Kangerlussuaq, Kangilinnguit, Kulusuk, Maniitsoq, Nanortalik, Narsaq, Narsarsuaq, New York, Nuuk, Paamiut, Pituffik, Qaanaaq, Qaarsut, Qaqortoq, Qasigiannguit, Qeqertarsuaq, Sisimiut, Tasiilaq, Toronto, Uummannaq, Upernavik.

    Flotta[modifica | modifica wikitesto]

    Air Greenland dispone di una flotta di 11 aerei e 27 elicotteri, costituita da:[3]

    Aerei[modifica | modifica wikitesto]

    Aggiornato al 9 luglio 2015.[4]

    Elicotteri[modifica | modifica wikitesto]

    Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

    Si sono registrati solo 2 incidenti che hanno coinvolto apparecchi della Air Greenland (Greenlandair):[5]

    Boeing 757-200 Air Greenland.

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    1. ^ a b c d e f Tratto dalla pagina dedicata alla storia di Air Greenland sul sito ufficiale Archiviato il 11 dicembre 2009 in Internet Archive..
    2. ^ Dato tratto dal report annuale 2008.
    3. ^ Aggiornata al 1º febbraio 2011.
    4. ^ (EN) OUR AIRCRAFT AND HELICOPTERS, airgreenland.com. URL consultato il 9 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2015).
    5. ^ Dato ricavato da Aviation Safety Network aggiornato il 1º ottobre 2009.

    Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

    Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]