Cessna Aircraft

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Cessna)
Jump to navigation Jump to search
Cessna Aircraft Company
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariaSussidiaria
Fondazione13 agosto 1927
Fondata daClyde Cessna
Chiusura14 marzo 2014 Entra nel gruppo Textron Aviation
Sede principaleWichita, Kansas
GruppoTextron Aviation
Persone chiaveScott Ernest (CEO)[1]
SettoreTrasporto
ProdottiAerei da turismo
Business jet
Dipendenti8.500 (2013)[2]
Sito web

La Cessna Aircraft Company era un'azienda aeronautica statunitense con sede a Wichita, Kansas. Nota principalmente per gli aerei da turismo, Cessna produceva anche business jet. Fondata nel 1927 venne acquistata da General Dynamics nel 1985 e poi da Textron nel 1992. Nel marzo del 2014 Textron acquistò Beechcraft e Hawker Aircraft formando il gruppo Textron Aviation nel quale entrò anche Cessna, cessando le operazioni come azienda singola.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno del 1911 Clyde Cessna, un contadino di Rago, in Kansas, costruì il primo velivolo nella regione tra il Mississipi e le Montagne Rocciose, diventando il primo nella regione a pilotare un aeromobile. Cessna iniziò così a realizzare aerei in legno e in tela ad Enid, in Oklahoma, ma in seguito al rifiuto di ulteriori prestiti da parte delle banche si trasferì a Wichita.[4]

La Cessna Aircraft venne formata nel 1927, quando Clyde Cessna e Victor Roos divennero partner formando la Cessna-Roos Aircraft Company. Tuttavia, un mese dopo, Roos si dimise dalla partnership rendendo la sua parte a Cessna.[5] Lo stesso anno venne approvata la rimozione del nome di Roos dal nome dell'azienda.[6]

Il Cessna DC-6 ottenne la sua certificazione lo stesso giorno della crisi del '29, il 29 ottobre 1929.[6]

Nel 1932 la Cessna Aircraft Company dichiarò fallimento a causa della Grande depressione.

Ciò nonostante, l'anno successivo spiccò il volo il Cessna CR-3. L'aereo vinse la American Air Race del 1993 a Chicago e successivamente infranse il record di aereo a pistoni più veloce del mondo, raggiungendo una velocità di 381 km/h. [6]

Nel 1934 i nipoti di Cessna, Dwane Wallace e suo fratello Dwight, acquistarono l'azienda, la riaprirono e iniziarono la costruzione di una realtà che sarebbe diventata un successo a livello globale.[7]

Nel 1937 venne introdotto il Cessna C-37, il primo idrovolante prodotto dall'azienda.[6] Nel 1940 Cessna ricevette il più grande ordine fino ad allora, un contratto con la USAF per 33 Cessna T-50. Sempre nello stesso anno, la Royal Canadian Air Force ordinò 180 Cessna T-50.[8]

Nel 1946 Cessna, in seguito alla revoca delle restrizioni di produzione in tempo di guerra, tornò sul mercato civile con l'uscita del Cessna 120 e Cessna 140. Il nuovo approccio dell'azienda consisteva nell'introdurre una nuova linea di velivoli interamente in metallo, utilizzando per la prima volta strumenti di produzione sostituendo molte delle fasi svolte a mano in tempo di guerra. [8][9]

Nel 1948, il Cessna 140 venne eletto come "Outstanding Plane of the Year" (Aereo eccezionale dell'anno) dalla US Flight Instructors Association. [8]

Nel 1955 il primo elicottero della Cessna, il Cessna CH-1, ricevette la certificazione FAA. [10]

Nel 1956 venne introdotto il Cessna 172, l'aeroplano più prodotto della storia.[10]

Nel 1960 Cessna si affiliò con la francese Reims Aviation.[11] Nel 1963 Cessna produsse il suo 50.000-esimo velivolo, un Cessna 172.[11]

Il primo business jet della compagnia, il Cessna Citation I spiccò il volo per la prima volta il 15 settembre del 1969. [11]

Nel 1975 Cessna produsse il suo 100.000-esimo velivolo[12]

Nel 1985 Cessna cessò le operazioni come azienda singola diventando una sussidiaria della General Dynamics. Lo stesso anno iniziò la produzione del Cessna 208 Caravan. [13] Nel 1992 l'azienda venne venduta alla Textron. [14]

Nel marzo del 2014 Textron acquistò Beechcraft e Hawker Aircraft formando il gruppo Textron Aviation nel quale entrò anche Cessna, cessando le operazioni come sussidiaria.[3]


Modelli prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Aerei sperimentali[modifica | modifica wikitesto]

Aerei a elica[modifica | modifica wikitesto]

Business jet[modifica | modifica wikitesto]

Aerei militari[modifica | modifica wikitesto]

Elicotteri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mary Grady, A New CEO For Cessna, AVweb, 31 maggio 2011. URL consultato il 31 maggio 2011.
  2. ^ About Cessna–Overview, Cessna. URL consultato il 24 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2013).
  3. ^ a b Textron Completes Acquisition of Beechcraft, Providence, RI, Business Wire, 14 marzo 2014. URL consultato il 15 marzo 2014.
  4. ^ Centennial Snapshot, Enid News & Eagle, 25 gennaio 2007. URL consultato il 6 febbraio 2007.
  5. ^ Gerald J. Schlaeger, Cessna Single-Engine Fleet, in Flying, vol. 70, nº 4, Ziff Davis, April 1962, p. 34, ISSN 0015-4806 (WC · ACNP). URL consultato il 23 giugno 2016. Ospitato su Google Books.
  6. ^ a b c d Cessna History 1927–1939, Cessna. URL consultato il 25 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2011).
  7. ^ Edward H. Phillips, Wings of Cessna: Model 120 to the Citation III, 1st, Flying Books, 1986, ISBN 0-911139-05-2.
  8. ^ a b c Cessna History 1940–1949, Cessna. URL consultato il 25 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2011).
  9. ^ John C. Ross, Return of the Private Plane, in Flying, vol. 37, nº 2, Ziff Davis, August 1945, p. 78, ISSN 0015-4806 (WC · ACNP). URL consultato il 23 giugno 2016. Ospitato su Google Books.
  10. ^ a b Cessna History 1950–1959, Cessna. URL consultato il 25 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2011).
  11. ^ a b c Cessna History 1960–1969, Cessna. URL consultato il 25 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2011).
  12. ^ Cessna History 1970-1970, Cessna. URL consultato il 25 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2011).
  13. ^ Cessna History 1980–1989, Cessna. URL consultato il 25 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2011).
  14. ^ Cessna History 1990–1999, Cessna. URL consultato il 25 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2011).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Rodengen, Jeffrey L. (Author), Fernandez, Elizabeth (Editor), Lieber, Alex (Editor). The Legend of Cessna. Write Stuff Syndicate (2007). ISBN 1-932022-26-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN141340816 · ISNI (EN0000 0001 2170 964X · LCCN (ENn88619663 · GND (DE279728-8 · NLA (EN36019568