Lycoming Engines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lycoming Engines
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariaconsociata
Fondazione1907
Fondata daEllen Louise Demorest
Sede principaleWiliamsport
GruppoTextron
SettoreAeronautica
Prodottimotori aeronautici
turbine a gas
Sito web

La Lycoming Engines (o semplicemente Lycoming) è una azienda statunitense produttrice di motori aeronautici, conosciuta principalmente per i suoi motori aeronautici per aviazione generale. La sede è a Williamsport (Pennsylvania), Lycoming produce una linea di motorizzazioni aeronautiche a pistone tra i quali l'unico certificato FAA per usi acrobatici e elicotteristici. L'azienda ha costruito più di 325.000 motori a pistone più della metà dei velivoli di aviazione generale del mondo, sia aerei che elicotteri. Per la maggior parte della sua storia, Lycoming è stata parte del gruppo AVCO come AVCO Lycoming. Nel 1987 AVCO fu acquisita da Textron e l'azienda è divenuta Textron Lycoming. Nel 2002 l'azienda ha cambiato nome, assumendo quello attuale di Lycoming Engines.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Demorest Manufacturing Company Machine

Le origini dell'azienda risalgono al 1845 con al società di macchine da cucire di "Madame Ellen Curtis Demorest".[2] Le origini sono poco chiare a dire il vero[3] (la biografa Ishbel Ross scrive che il matrimonio tra Ellen Louise Curtis e William Jennings Demorest fu celebrato nel 1858, un poco più tardi della fondazione della società[3]). A New York, tra il 1860 e il 1887, Demorest pubblica riviste di moda e pubblicità della Demorest Fashion and Sewing-Machine Company (Demorest Manufacturing Company) che produce la "Madame Demorest" e la "Bartlett & Demorest".[3] Durante questo periodo Ellen Demorest brevetta diversi accessori di moda,[4][5] mentre il marito brevetta innovazioni per le macchine da cucire[3] e apparati per la vulcanizzazione della gomma.[6][7]

Macchine da cucire, biciclette e moda[modifica | modifica wikitesto]

Attorno al 1883, Gerrit S. Scofield & Frank M. Scofield (agenti pubblicitari di New York) comprarono la Demorest (tranne il magazine di moda), e consruirono la fabbrica a Williamsport (Pennsylvania) (Contea di Lycoming).[3][8] I cittadini investirono US$100, 000 nella nuova società, che occupava 250 persone.[3] La fabbrica produce 50-60 macchien da cucire al giorno, al prezzo di 19.50 US$ e 55.00 US$.[9] Con lo sviluppo della "New York Bicycle" nel 1891 di S. H. Ellis, impiegato della società, inizia la diversificazione.[3][9] Agli inizi del '900 la fabbrica produce macchine da cucire, biciclette, macchine da scrivere, sedie e altro.[2][3][9]

Motori[modifica | modifica wikitesto]

Fino a quando nel 1907 l'azienda venne venduta e ristrutturata con il nome Lycoming Foundry and Machine Company, spostando l'attività verso la produzione di motori per automobili. Nel 1910 fornì il primo motore alla casa automobilistica Velie.[2][3][10] e durante la seconda guerra mondiale, fornì la Auburn (Auburn Automobile, Cord, e Duesenberg). Dal 1920, Lycoming produsse 60.000 motori per anno, con 2.000 dipendenti. Venne creato lo stabilimento di fonderia a Williamsport lo stesso anno.[11] Nel 1927 venne rilevata da Errett Lobban Cord che utilizzò la produzione di motori da auto per le vetture Auburn e Cord.[10] Tra i motori prodotti per Cord vi fu il L-head straight-eight engine da 298.5 cu. in. di cilindrata da 125HP. Usato sul Cord L-29. Lycoming produsse anche il motore per il Duesenberg J. la potenza fu di 265 HP, sei volte un motore di una Model A Ford. Una versione turbocompressa sviluppava 325HP, e montato sul Duesenberg SJ e SSJ.

Nel 1929 realizzò il suo primo motore aeronautico, il radiale 9 cilindri R-680.[2] Il primo di successo usato dal Cord Travel Air.

Negli 1953 iniziò la produzione del Lycoming T53, un modello di turboalbero che trovò largo utilizzo su velivoli ed elicotteri americani.

Motori[modifica | modifica wikitesto]

Prefissi motori a pistone:[12]

  • A—Aerobatic (dry sump)
  • AE—Aerobatic (wet sump)[13]
  • G—Geared (reduction gear)
  • H—Helicopter
  • I—Fuel Injected
  • L—Left Hand Rotation Crankshaft
  • M—Designed for unmanned drone
  • O—Opposed Cylinders
  • R—Radial Cylinders
  • S—Supercharged
  • T—Turbocharged
  • V—Vertical installation (usually for helicopters)
  • X—X-type engine

Motori a pistone[modifica | modifica wikitesto]

Motori a turbina[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.lycoming.textron.com/company/our-history.html
  2. ^ a b c d Our History, Lycoming Engines, 2008. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  3. ^ a b c d e f g h i Kelly, Demorest Sewing Machine Company History, su kelsew.info, November 2006. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  4. ^ Brace and Suspender Combined, 9 marzo 1869. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  5. ^ Puff for Head-Dresses, 26 giugno 1882. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  6. ^ Apparatus for Vulcanizing Rubber, 10 maggio 1859. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  7. ^ Improvement in Apparatus for Vulcanizing Rubber, &c., 31 marzo 1863. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  8. ^ Names Obtained by Fraud., in New York Times, 4 novembre 1888, pp. 9, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 30 dicembre 2008.
  9. ^ a b c Kevin McQuown, Lycoming County's Old Days, su Williamsport Area High School Website, Williamsport Area School District. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  10. ^ a b The Lycoming Museum (PDF), Lycoming Engines, 2008. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  11. ^ Hemmings.com, Sewing Machines to Straight-Eights | Hemmings Motor News, su www.hemmings.com. URL consultato il 12 agosto 2016.
  12. ^ Lycoming, 360 Series (PDF), su lycoming.com, 2004. URL consultato il 16 settembre 2008.
  13. ^ Aerobatic engines (PDF), su lycoming.textron.com. URL consultato il 19 marzo 2011.
  14. ^ Diesels on the Cusp, in AOPA Pilot, March 2015, p. 88.
  15. ^ Video: A Look at Lycoming's Diesel Engine
  16. ^ Flying (magazine), Vol. 135 Issue 11, Nov. 2008, p. 37, "Lycoming Powers Up at AirVenture
  17. ^ a b Flying

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bill Gunston, World Encyclopedia of Aero Engines, 5th Edition, Phoenix Mill, Gloucestershire, England, UK, Sutton Publishing Limited, 2006, ISBN 0-7509-4479-X.
  • Richard A. Leyes II e William A. Fleming, 10, in The History of North American Small Gas Turbine Aircraft Engines, Washington, DC, Smithsonian Institution, 1999, pp. 725, ISBN 1-56347-332-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]