Lycoming Engines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lycoming Engines
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Forma societaria consociata
Fondazione 1907
Fondata da Ellen Louise Demorest
Sede principale Wiliamsport
Gruppo Textron
Settore Aeronautica
Prodotti motori aeronautici
turbine a gas
Sito web

La Lycoming Engines (o semplicemente Lycoming) è una azienda statunitense produttrice di motori aeronautici, conosciuta principalmente per i suoi motori aeronautici per aviazione generale. La sede è a Williamsport (Pennsylvania), Lycoming produce una linea di motorizzazioni aeronautiche a pistone tra i quali l'unico certificato FAA per usi acrobatici e elicotteristici. L'azienda ha costruito più di 325.000 motori a pistone più della metà dei velivoli di aviazione generale del mondo, sia aerei che elicotteri. Per la maggior parte della sua storia, Lycoming è stata parte del gruppo AVCO come AVCO Lycoming. Nel 1987 AVCO fu acquisita da Textron e l'azienda è divenuta Textron Lycoming. Nel 2002 l'azienda ha cambiato nome, assumendo quello attuale di Lycoming Engines.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Demorest Manufacturing Company Machine

Le origini dell'azienda risalgono al 1845 con al società di macchine da cucire di "Madame Ellen Curtis Demorest".[2] Le origini sono poco chiare a dire il vero[3] (la biografa Ishbel Ross scrive che il matrimonio tra Ellen Louise Curtis e William Jennings Demorest fu celebrato nel 1858, un poco più tardi della fondazione della società[3]). A New York, tra il 1860 e il 1887, Demorest pubblica riviste di moda e pubblicità della Demorest Fashion and Sewing-Machine Company (Demorest Manufacturing Company) che produce la "Madame Demorest" e la "Bartlett & Demorest".[3] Durante questo periodo Ellen Demorest brevetta diversi accessori di moda,[4][5] mentre il marito brevetta innovazioni per le macchine da cucire[3] e apparati per la vulcanizzazione della gomma.[6][7]

Macchine da cucire, biciclette e moda[modifica | modifica wikitesto]

Attorno al 1883, Gerrit S. Scofield & Frank M. Scofield (agenti pubblicitari di New York) comprarono la Demorest (tranne il magazine di moda), e consruirono la fabbrica a Williamsport (Pennsylvania) (Contea di Lycoming).[3][8] I cittadini investirono US$100, 000 nella nuova società, che occupava 250 persone.[3] La fabbrica produce 50-60 macchien da cucire al giorno, al prezzo di 19.50 US$ e 55.00 US$.[9] Con lo sviluppo della "New York Bicycle" nel 1891 di S. H. Ellis, impiegato della società, inizia la diversificazione.[3][9] Agli inizi del '900 la fabbrica produce macchine da cucire, biciclette, macchine da scrivere, sedie e altro.[2][3][9]

Motori[modifica | modifica wikitesto]

Fino a quando nel 1907 l'azienda venne venduta e ristrutturata con il nome Lycoming Foundry and Machine Company, spostando l'attività verso la produzione di motori per automobili. Nel 1910 fornì il primo motore alla casa automobilistica Velie.[2][3][10] e durante la seconda guerra mondiale, fornì la Auburn (Auburn Automobile, Cord, e Duesenberg). Dal 1920, Lycoming produsse 60.000 motori per anno, con 2.000 dipendenti. Venne creato lo stabilimento di fonderia a Williamsport lo stesso anno.[11] Nel 1927 venne rilevata da Errett Lobban Cord che utilizzò la produzione di motori da auto per le vetture Auburn e Cord.[10] Tra i motori prodotti per Cord vi fu il L-head straight-eight engine da 298.5 cu. in. di cilindrata da 125HP. Usato sul Cord L-29. Lycoming produsse anche il motore per il Duesenberg J. la potenza fu di 265 HP, sei volte un motore di una Model A Ford. Una versione turbocompressa sviluppava 325HP, e montato sul Duesenberg SJ e SSJ.

Nel 1929 realizzò il suo primo motore aeronautico, il radiale 9 cilindri R-680.[2] Il primo di successo usato dal Cord Travel Air.

Negli 1953 iniziò la produzione del Lycoming T53, un modello di turboalbero che trovò largo utilizzo su velivoli ed elicotteri americani.

Motori[modifica | modifica wikitesto]

Prefissi motori a pistone:[12]

  • A—Aerobatic (dry sump)
  • AE—Aerobatic (wet sump)[13]
  • G—Geared (reduction gear)
  • H—Helicopter
  • I—Fuel Injected
  • L—Left Hand Rotation Crankshaft
  • M—Designed for unmanned drone
  • O—Opposed Cylinders
  • R—Radial Cylinders
  • S—Supercharged
  • T—Turbocharged
  • V—Vertical installation (usually for helicopters)
  • X—X-type engine

Motori a pistone[modifica | modifica wikitesto]

Motori a turbina[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.lycoming.textron.com/company/our-history.html
  2. ^ a b c d Our History, Lycoming Engines, 2008. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  3. ^ a b c d e f g h i Kelly, Demorest Sewing Machine Company History, su kelsew.info, November 2006. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  4. ^ Brace and Suspender Combined, 9 marzo 1869. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  5. ^ Puff for Head-Dresses, 26 giugno 1882. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  6. ^ Apparatus for Vulcanizing Rubber, 10 maggio 1859. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  7. ^ Improvement in Apparatus for Vulcanizing Rubber, &c., 31 marzo 1863. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  8. ^ Names Obtained by Fraud., in New York Times, 4 novembre 1888, pp. 9, ISSN 0362-4331. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  9. ^ a b c Kevin McQuown, Lycoming County's Old Days, su Williamsport Area High School Website, Williamsport Area School District. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  10. ^ a b The Lycoming Museum (PDF), Lycoming Engines, 2008. URL consultato il 30 dicembre 2008.
  11. ^ Hemmings.com, Sewing Machines to Straight-Eights | Hemmings Motor News, su www.hemmings.com. URL consultato il 12 agosto 2016.
  12. ^ Lycoming, 360 Series (PDF), lycoming.com, 2004. URL consultato il 16 settembre 2008.
  13. ^ Aerobatic engines (PDF), lycoming.textron.com. URL consultato il 19 marzo 2011.
  14. ^ Diesels on the Cusp, in AOPA Pilot, March 2015, p. 88.
  15. ^ Video: A Look at Lycoming's Diesel Engine
  16. ^ Flying (magazine), Vol. 135 Issue 11, Nov. 2008, p. 37, "Lycoming Powers Up at AirVenture
  17. ^ a b Flying

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bill Gunston, World Encyclopedia of Aero Engines, 5th Edition, Phoenix Mill, Gloucestershire, England, UK, Sutton Publishing Limited, 2006, ISBN 0-7509-4479-X.
  • Richard A. Leyes II e William A. Fleming, 10, in The History of North American Small Gas Turbine Aircraft Engines, Washington, DC, Smithsonian Institution, 1999, pp. 725, ISBN 1-56347-332-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]