Cerreto Castello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cerreto Castello
comune
Cerreto Castello – Stemma Cerreto Castello – Bandiera
Cerreto Castello – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Biella-Stemma.svg Biella
Amministrazione
SindacoCarmelo Busso (lista civica Uniti per Cerreto) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate45°34′N 8°10′E / 45.566667°N 8.166667°E45.566667; 8.166667 (Cerreto Castello)Coordinate: 45°34′N 8°10′E / 45.566667°N 8.166667°E45.566667; 8.166667 (Cerreto Castello)
Altitudine280 m s.l.m.
Superficie2,57 km²
Abitanti615[1] (30-6-2017)
Densità239,3 ab./km²
Comuni confinantiCossato, Quaregna, Valdengo, Vigliano Biellese
Altre informazioni
Cod. postale13852
Prefisso015
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT096017
Cod. catastaleC526
TargaBI
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona E, 2 727 GG[2]
Nome abitanticerrettesi
Patronosan Tommaso
Giorno festivo3 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cerreto Castello
Cerreto Castello
Sito istituzionale

Cerreto Castello (Sciarèj o Ciarèj in piemontese) è un comune italiano di 615 abitanti della provincia di Biella, in Piemonte. Il toponimo deriva dal cerro, un tipo di quercia ora scomparsa dalla flora del Biellese ma in passato piuttosto diffusa nella zona.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio di Cerreto viene menzionato per la prima volta nel 999 quando un diploma dell'imperatore Ottone III ne riconfermò il possesso alla diocesi di Vercelli nella persona del vescovo Leone. Nel 1165 il vescovo Uguccione concesse il feudo a Corrado Avogadro di Quaregna. Gli Avogadro, una nobile famiglia dai numerosi rami, erano infatti di origine vercellese e di sicura fede guelfa. A Cerreto essi fecero costruire una casaforte nel XIII secolo, edificio che fu ampliato nella seconda parte del Quattrocento. [4]

Edifici notevoli[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello medioevale degli Avogadro, che dà il nome al paese;
  • villa Rosazza: conserva al suo interno affreschi di Fabrizio Galliari risalenti al XVIII secolo[5];
  • chiesa parrocchiale di San Tommaso: si tratta di un rifacimento seicentesco di una preesistente chiesa romanica[5];
  • campanile medioevale, risalente all'XI secolo[5].

Persone legate a Cerreto[modifica | modifica wikitesto]

Il fisico Amedeo Avogadro (1776-1856), scopritore del "Numero di Avogadro" da cui discende l'omonima legge fisica, fu conte di Cerreto e di Quaregna.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]


Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Ulderico Animali lista civica Sindaco
2009 2014 Ulderico Animali lista civica Cerreto per tutti Sindaco II mandato
2014 in carica Carmelo Busso lista civica Uniti per Cerreto[7] Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della Comunità montana Val Sessera, Valle di Mosso e Prealpi Biellesi, mentre fino al 2010 apparteneva alla Comunità montana Prealpi Biellesi, abolita in seguito all'accorpamento disposto dalla Regione Piemonte nel 2009.[8]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1926 al 1951 Cerreto Castello ospitò una fermata della tranvia Biella-Cossato e, fra il 1891 e il 1958, un analogo impianto della ferrovia Biella-Cossato-Vallemosso[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Sito www.montagnapiemonte.it[collegamento interrotto] (consultato nel maggio 2010)
  4. ^ Sito ufficiale del comune di Cerreto Castello www.comune.cerretocastello.bi.it (consultato nel maggio 2010)
  5. ^ a b c Gabriella Giovannacci Amodeo, Nuova guida di Biella e provincia, Biella, Libreria Vittorio Giovannacci, 1994.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Comune di Cerreto Castello, La Repubblica; risultati on-line su www.repubblica.it (consultato nel giugno 2014)
  8. ^ Val Sessera, Valle di Mosso e Prealpi Biellesi, cartografia ufficiale in .pdf su www.regione.piemonte.it/montagna/osservatorio[collegamento interrotto] (consultato nell'ottobre 2012)
  9. ^ Mario Matto, La tramvia Santhià-Ivrea e la rete tranviaria locale, in Santhià e la ferrovia: una storia che dura 150 anni, GS Editrice, Santhià, 2006, pp. 203-266. ISBN 88-87374-95-3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN247416005
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte