Centrale idroelettrica Bertini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Centrale idroelettrica Bertini
Centrale Elettrica Angelo Bertini.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàPorto d'Adda
Coordinate45°39′55.33″N 9°29′05.3″E / 45.665369°N 9.484806°E45.665369; 9.484806Coordinate: 45°39′55.33″N 9°29′05.3″E / 45.665369°N 9.484806°E45.665369; 9.484806
Mappa di localizzazione: Italia
Centrale idroelettrica Bertini
Informazioni generali
Tipo di centraleidroelettrica
Situazioneoperativa
ProprietarioComune di Milano
GestoreEdison
Anno di costruzione1895
Inizio produzione commerciale1898
Macchinario idraulico
Tipologia delle turbineModello Francis
Produzione elettrica
Producibilità11.000 kw GWh
Ulteriori dettagli
ArchitettoBertini - Cipolletti
CostruttoreEnrico Carli - Paolo Milani
Sito internet
Dati aggiornati a: 2011

La centrale idroelettrica Angelo Bertini è situata sull'Alzaia, riva destra, del fiume Adda, a Porto d'Adda, una frazione di Cornate d'Adda[1] , in provincia di Monza e della Brianza.

A valle della centrale Bertini, fu costruita successivamente a supporto nel 1906, la centrale idroelettrica Esterle. Insieme costituiscono un esempio di archeologia industriale in Brianza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È tra le più antiche centrali idroelettriche d'Europa ancora funzionanti, avendo iniziato la produzione di corrente elettrica nel 1895, nata da un accordo tra la Edison e il comune di Milano, per fornire alimentazione elettrica ai nuovi tram, che stavano sostituendo gli obsoleti omnibus.

La centrale idroelettrica Bertini, fu costruita su progetto dell'ingegner Cipolletti realizzato dagli ingegneri Enrico Carli e Paolo Milani.

Lo studio di Cipolletti prevedeva la costruzione di una centrale idroelettrica dalle forme neorinascimentali che fosse un grande complesso di opere idrauliche.

Nei decenni successivi la produzione di energia della Bertini venne supportata dalla costruzione di altre due centrali sull'Adda, al fine di potenziarne la fornitura. Rispettivamente vennero anche edificate:

Costruzione e funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Centrale idroelettrica.

I lavori per la costruzione della centrale iniziarono nel 1895. Venne utilizzata la diga Poirer nel vicino comune di Paderno d'Adda e il Naviglio come canale di derivazione. In seguito, in località "Conchetta" fu prevista un'ulteriore conca con allargamento fino a 13 metri del tratto Naviglio-derivatore.

L'acqua convogliata attraverso un canale di presa, in parte coperto e in parte a cielo aperto, di 2970 metri, viene raccolta in un bacino e successivamente immessa nei 7 tubi delle condotte forzate. Le turbine installate erano seconde solo a quelle del Niagara e la centrale operava in parallelo con quella termoelettrica di Milano Porta Volta, producendo una potenza complessiva di 11.000 KW.

La centrale ha, nel corso degli anni, subito degli interventi di ammodernamento che hanno portato ad un incremento di circa il 20% sulla potenza elettrica fornita dall´impianto originario.[2]

Turbina Francis: si nota dall'esterno,la chiocciola, il distributore (in verde) e la girante all'interno. Il flusso di liquido è rappresentato in azzurro. Giranti utilizzate nelle centrali idroelettriche Bertini e Esterle di Porto d'Adda (Cornate d'Adda)

Museo Edison[modifica | modifica wikitesto]

A fianco della centrale vi è un museo visitabile, con tutti i documenti, progetti e storia della Edison.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.edison.it Storia delle centrali, su edison.it.
  2. ^ Copia archiviata, su naviglilombardi.it. URL consultato il 29 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2010).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]