Porta Volta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Porta Volta
PortaVolta2.jpg
Uno dei due caselli di Porta Volta
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Milano
Indirizzo piazzale Baiamonti
Coordinate 45°28′54.74″N 9°10′55.07″E / 45.481871°N 9.181963°E45.481871; 9.181963Coordinate: 45°28′54.74″N 9°10′55.07″E / 45.481871°N 9.181963°E45.481871; 9.181963
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1880
Realizzazione
Architetto Cesare Beruto
Ingegnere Cesare Beruto
Appaltatore Città di Milano
Porta Volta nel passato

Porta Volta è una delle cinque porte più recenti di Milano, ricavata nel 1880 all'interno dei Bastioni per consentire una più diretta comunicazione fra la città e il Cimitero monumentale, oltre che con la nuova strada per Como (l'attuale via Carlo Farini).

Posta a nord della città, conserva i caselli daziari (1880), sorgendo al centro di piazzale Baiamonti, allo sbocco dei Bastioni di Porta Volta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La porta venne aperta nel 1880 lungo il tracciato delle mura spagnole di Milano, erette nel 1555 per ordine di Ferrante Gonzaga[1].

Scopo della nuova porta era il collegamento della città con il nuovo cimitero, edificato nel 1866, e con la nuova strada Comasina (attuale via Carlo Farini) realizzata negli stessi anni in sostituzione della vecchia (attuale Corso Como), troncata dagli impianti ferroviari connessi all'allora stazione centrale[2].

La porta, composta di due caselli daziari inquadranti una cancellata, fu progettata da Cesare Beruto secondo una funzione unicamente daziaria, e quindi come porta "aperta", per pressione esercitata da due proprietari terrieri, Molteni e Feltrinelli, che vedevano in questo nuovo accesso una possibilità di valorizzare i propri terreni limitrofi.[3].

Con l'espansione della città, il piazzale di Porta Volta, noto oggi come piazzale Baiamonti, è divenuto un importante snodo di traffico lungo la circonvallazione interna.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

"Milano e le sue vie: studi storici", a cura di Felice Venosta (edito da Giocondo Messagi, 1867)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe De Finetti, Milano. Costruzione di una città (a cura di Giovanni Cislaghi, Mara De Benedetti, Piergiorgio Marabelli), Hoepli, Milano 2002, p. 189. ISBN 88-203-3092-X
  2. ^ Mappa dei dintorni di Milano nel 1878
  3. ^ Maurizio Grandi, Attilio Pracchi, Milano. Guida all'architettura moderna, Zanichelli, 1980. ISBN 8808052109, p. 62

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]