Porta Volta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Porta Volta
PortaVolta2.jpg
Uno dei due caselli di Porta Volta
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàCoA Città di Milano.svg Milano
Informazioni generali
TipoPorta cittadina
ProgettistaCesare Beruto
Costruzione1880
Mappa

Coordinate: 45°28′55″N 9°10′55″E / 45.481944°N 9.181944°E45.481944; 9.181944

Porta Volta è una delle cinque porte più recenti di Milano, ricavata lungo i bastioni spagnoli, oggi demoliti, per consentire una più diretta comunicazione fra la città e il Cimitero monumentale, oltre che con la nuova strada per Como (l'attuale via Carlo Farini).

Posta a nord della città, conserva i caselli daziari (1880), sorgendo al centro di piazzale Baiamonti, allo sbocco dei Bastioni di Porta Volta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Porta Volta nel passato

La porta venne aperta nel 1880 lungo il tracciato delle mura spagnole di Milano, erette nel 1555 per ordine di Ferrante Gonzaga[1].

Scopo della nuova porta era il collegamento della città con il nuovo cimitero, edificato nel 1866, e con la nuova strada Comasina (attuale via Carlo Farini) realizzata negli stessi anni in sostituzione della vecchia (attuale Corso Como), troncata dagli impianti ferroviari connessi all'allora stazione centrale[2].

La porta, composta di due caselli daziari inquadranti una cancellata, fu progettata da Cesare Beruto secondo una funzione unicamente daziaria, e quindi come porta "aperta", per pressione esercitata da due proprietari terrieri, Molteni e Feltrinelli, che vedevano in questo nuovo accesso una possibilità di valorizzare i propri terreni limitrofi.[3]

Con l'espansione della città, il piazzale di Porta Volta, noto oggi come piazzale Baiamonti, è divenuto un importante snodo di traffico lungo la circonvallazione interna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe De Finetti, Milano. Costruzione di una città (a cura di Giovanni Cislaghi, Mara De Benedetti, Piergiorgio Marabelli), Hoepli, Milano 2002, p. 189. ISBN 88-203-3092-X
  2. ^ Mappa dei dintorni di Milano nel 1878
  3. ^ Maurizio Grandi, Attilio Pracchi, Milano. Guida all'architettura moderna, Zanichelli, 1980. ISBN 8808052109, p. 62

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • "Milano e le sue vie: studi storici", a cura di Felice Venosta (edito da Giocondo Messagi, 1867)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]