Enrico Carli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Enrico Carli (Tremezzo, 1845Milano, novembre 1898) è stato un ingegnere italiano, ha legato il suo nome, in particolare, alla costruzione di un canale industriale a Verona, chiamato canale Camuzzoni.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Planimetria del progetto del Canale Camuzzoni.

Dopo essersi laureato a Milano nel 1867, si trasferì a Verona dove, alla fine del 1872, fu nominato membro effettivo dell'Accademia di Agriicoltura, Scienze e Lettere.

Fu, in seguito, contattato dal sindaco Giulio Camuzzoni per studiare un progetto per la costruzione di un canale industriale che servisse a dotare di forza motrice la nascente industria veronese. L'opera vide la sua conclusione nel 1885.

Costruzione del Canale Camuzzoni secondo le direttive di Enrico Carli

A Verona, si occupò inoltre di numerose opere di ingegneria e architettura, ed in particolare nel 1878, presentò un progetto per una colonia agricola per alienati mentali da edificarsi a San Giacomo in Tomba. Il manicomio fu inaugurato nel 1880 e in seguito ampliato sempre su progetti di Carli.

A seguito dell'inondazione di Verona del 1882, Carli vinse il concorso per la costruzione dei muraglioni dell'Adige e dell'acquedotto veronese che entrò in funzione nel 1886. Due anni dopo si occupò anche dell'acquedotto di Mantova.

Nel 1890 tornò a Milano per realizzare un canale di derivazione dell'Adda a Paderno. In Lombardia continuò ad occuparsi di opere idrauliche, fino alla sua morte, avvenuta nel 1898.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierpaolo Brugnoli, Arturo Sandrini, L'architettura a Verona dal periodo napoleonico all'età contemporanea, Banca Popolare di Verona, 1994.
  • AA.VV., Il canale Camuzzoni, Consorzio canale industriale Giulio Camuzzoni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]