Casatiello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Casatiello
Casatiello.JPG
Un casatiello affettato
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Campania
Dettagli
Categoria piatto unico
Settore Prodotti di panetteria
Ingredienti principali
 

Il casatiéllo è un prodotto della cucina napoletana. Si tratta di una torta salata, tipica del periodo pasquale[1], a base di formaggio, salame e uova[2].

Il suo nome si presume derivi dall'inflessione napoletana di formaggio (cacio, da cui cas’ e infine casatiello), ingrediente che compone l'impasto di tale prodotto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diffusione del casatiello, al pari della pastiera, altro prodotto pasquale partenopeo, pare essere attestata almeno a partire dal Seicento.

Una conferma indiretta se ne ha dalle pagine della favola La gatta Cenerentola di Giambattista Basile, scrittore napoletano vissuto a cavallo tra il XVI e il XVII secolo, che descrive i festeggiamenti dati dal re per trovare la fanciulla che aveva perso lo scarpino:

« E, venuto lo juorno destenato, oh bene mio: che mazzecatorio e che bazzara che se facette! Da dove vennero tante pastiere e casatielle? Dove li sottestate e le porpette? Dove li maccarune e graviuole? Tanto che ’nce poteva magnare n’asserceto formato. »
(Giambattista Basile, La gatta Cenerentola)

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il casatiello si basa su una pasta di pane trattata con formaggio, strutto, ciccioli e altri salumi e rilievitata, quindi cotta, preferibilmente in forno a legna.

L'impasto viene lavorato a forma di ciambella, riposto in uno stampo e fatto lievitare a lungo, almeno 12 ore; se fatto con lievito rapido bastano circa 2 ore.

Il casatiello, a differenza di prodotti analoghi come il tòrtano, è tipico della pasqua, dalla quale mutua la simbologia: le strisce di pane a ingabbiare le uova semisommerse nell'impasto[3] rappresentano la croce su cui, secondo il mito fondativo del cristianesimo, morì Gesù[4] mentre l'aspetto anulare è un richiamo alla ciclicità insita nella risurrezione pasquale[4].

Durante la preparazione le uova sono posizionate intere e si cuociono in forno insieme all'impasto[4]; la cottura avviene intorno ai 160-170 ºC per circa 60-75 minuti.

Il casatiello funge anche da pranzo al sacco durante le gite fuori porta tipiche del giorno di pasquetta.

Una versione dolce del casatiello è altresì composta di uova, zucchero, strutto e glassa, e decorata in superficie con diavulilli (napoletano per «confetti colorati»)[5]: tale variante è diffusa a Caserta ed è l'unica nota nell'area vesuviana costiera. Altre versioni dolci sono diffuse a Monte di Procida e nel Nolano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Casatièllo, in Vocabolario Treccani, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 10 aprile 2015.
  2. ^ Barbagli, pag. 533
  3. ^ de Bourcard, pag. 274
  4. ^ a b c Luca Fiorini, La vera ricetta del casatiello napoletano, in Vanity Fair Italia, 14 aprile 2017. URL consultato il 15 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2017).
  5. ^ Capasso, pag. 101

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina