Carpatair

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carpatair
Logo
Carpatair Fokker 100 at Berlin-Tegel.jpg
StatoRomania Romania
Fondazione1999 a Timișoara
Sede principaleGhiroda
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Sito web
Compagnia aerea regionale
Codice IATAV3
Codice ICAOKRP
Indicativo di chiamataCARPATAIR
Frequent flyerCarpatair Green Club
Flotta3 (nel 2015)
Destinazioni7
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
Un Fokker F100 con livrea Carpatair

Carpatair è una compagnia aerea regionale con sede a Timișoara, in Romania. La compagnia serve 28 destinazioni in 6 nazioni. Il suo hub principale è l'Aeroporto Internazionale Traian Vuia di Timișoara.

Dal 2014 la compagnia si è dedicata ai voli charter, ACMI & dry/wet lease. Gli aerei sono di base in Nord Italia e Francia. Nell'estate del 2014 la compagnia ha operato una serie di voli charter per le isole della Grecia e Spagna. Inoltre, si è specializzata nei charter per progetti business, sportivi, governamentali e di pellegrinaggio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Carpatair fu fondata nel 1999 e iniziò le operazioni nel febbraio dello stesso anno da Cluj-Napoca. Nacque con il nome "Veg Air" utilizzando un Yakovlev Yak-40 in leasing. L'attuale denominazione fu adottata nel dicembre del 1999, quando investitori di Crossair, filiale della defunta Swissair si unirono alla compagnia. Gli impiegati sono circa 450 e l'attuale amministratore delegato è Nicolae Petrov.

È stata la prima compagnia aerea ad attivare voli dalla Transilvania, riscuotendo molto successo in assenza di concorrenza. Crebbe molto rapidamente raggiungendo i livelli della TAROM, ma dagli anni successivi al 2010 ha iniziato a crollare riducendo la flotta a 4 aeromobili nel 2013 causa soprattutto la presenza in crescita di Wizz Air negli aeroporti transilvani. Nel 2013, infatti, la Carpatair ha restituito ai lessors tutti gli aerei, ovvero 1 Boeing 737, 3 Fokker F70, i Saab 2000, 1 Fokker F100 e 3 ATR 72 che aveva previsto di utilizzare conto di Alitalia. La Compagnia ha contestualmente acquistato quattro aerei, un Boeing 737-300 e 3 Fokker 100 per sostituire gli aerei precedentemente impiegati in leasing.

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

La flotta di Carpatair è composta dai seguenti aeromobili che, a marzo 2015, avevano un'età media di 23 anni:[1][2]

Aereo In flotta Passeggeri Note
Fokker F100 3 100/105
Totale 3

Sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Gli incidenti veri e propri di Carpatair sono due, entrambi senza morti, avvenuti sulla pista dell'aeroporto e in solo un caso con feriti (cinque)[3]. Carpatair è certificata secondo i più alti standard Europei (è operatore EU-OPS 1) e detiene la certificazione IOSA (IATA Operational Safety Audit) sin dal 2005, ottenendo il rinnovo ogni due anni dopo rigorosi controlli dei suoi sistemi di manutenzione e addestramento. È stata la prima compagnia della Romania e una delle prime dell'Europa dell'est a ottenere questa certificazione.[4]

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 28 febbraio 2009, all'aeroporto di Timisoara un Saab 2000 in arrivo da Chișinău, in Moldavia, e operante il volo V3-128 è costretto ad atterrare senza il carrello di prua a causa di un'avaria nel sistema di estensione. Pochi i danni all'aeromobile e nessun ferito a bordo.[5]
  • 2 febbraio 2013, un ATR 72 di Carpatair noleggiato in wet lease a Alitalia (e pellicolato con la relativa livrea), operante il volo numero AZ1670 da Pisa all'aeroporto "Leonardo da Vinci" di Roma Fiumicino, finisce fuori pista in fase di atterraggio, probabilmente a causa del forte vento laterale. Delle 46 persone a bordo cinque rimangono ferite, quattro passeggeri e un assistente di volo.[6][7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Official fleet page Archiviato il 19 agosto 2014 in Internet Archive..
  2. ^ Carpatair fleet at Planespotters.net[collegamento interrotto].
  3. ^ ASN Aircraft accident British Aerospace BAe-146-200 YR-BEB Bucharest-Otopeni International Airport (OTP).
  4. ^ Copia archiviata, su carpatair.com. URL consultato il 29 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2013)..
  5. ^ Incident: Carpatair SB20 at Timisoara on Feb 28th 2009, landed without nose gear da The Aviation Herald.
  6. ^ Rapporto ufficiale dell'incidente emesso da ANSV e sua versione in lingua inglese. Aviation Accidents Database . Retrieved 27 February 2017.
  7. ^ La Stampa: Aereo fuori pista, terrore a Fiumicino.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]