Caldo soffocante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Caldo soffocante
Caldo soffocante.png
Christine Boisson in una scena del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1991
Durata101 min
Generedrammatico
RegiaGiovanna Gagliardo
SoggettoGiovanna Gagliardo
SceneggiaturaEnnio De Concini, Giovanna Gagliardo, Roberto Mazzoni
ProduttoreEmilio Bolles
Casa di produzioneReteitalia, Silvio Berlusconi Communications, BOA
FotografiaGiuseppe Lanci, Cristiano Pogany
MontaggioRoberto Perpignani
Effetti specialiAntonio Corridori
MusicheGianluca Podio
ScenografiaLorenzo Baraldi
CostumiGianna Gissi
TruccoIole Cecchini, Giancarlo Lucchetti
Interpreti e personaggi

Caldo soffocante è un film del 1991 diretto da Giovanna Gagliardo.

Fu presentato alla Quinzaine des Réalisateurs del 44º Festival di Cannes.[1] La colonna sonora ("Era de' maggio") è cantata da Luisa De Santis, che appare anche in alcune scene.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Marie Christine, divorziata e con lavori precari, soprattutto come interprete, durante i mondiali di calcio del 1990 trova per caso una borsa con un biglietto aereo ed un passaporto. Inizia la ricerca di Myriam, la donna proprietaria del passaporto, ma si trova ad avere a che fare con molti strani personaggi, in particolare viene perseguitata da Giuliano, un giovanotto cinico e indisponente, che si dice proprietario della borsa. I motivi per cui qualcuno non vuole che Myriam parta sono e restano oscuri, ma Marie Christine è fermamente decisa a rintracciarla per consentirle di partire, perché come dice a Gaetano Castelli (Gabriele Ferzetti): "Mi piace la gente che parte". Durante le sue indagini, nella Roma caotica dei Mondiali di Calcio, Marie Christine partecipa a una festa notturna che terminerà all'alba dove si nota, seppure non accreditato, lo scrittore Alberto Moravia. A festa conclusa Marie Christine rientra nel suo alloggio ma lo trova devastato dai ladri, poi una telefonata le suggerisce un luogo dove, una volta arrivata, trova ancora una volta Giuliano ad aspettarla.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Quinzaine 1991, quinzaine-realisateurs.com. URL consultato il 28 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema