Cable Car di San Francisco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cable Car di San Francisco
Servizio di trasporto pubblico
Cable cars SF7.jpg
Una vettura su Hyde street
Tiporete tranviaria a
trazione funicolare
StatiStati Uniti Stati Uniti
CittàSan Francisco
Apertura1873
Ultima estensione1890
Linee impiegate3
 
GestoreMuni
ClassificazioneLinee 59, 60 e 61
 
N. stazioni e fermate62
Lunghezza8,3 km
Velocità media15,3 km/h
Passeggeri
al giorno
all'anno
Fonte:[1]
17 700 (2015)
6 910 000 (2015)
Scartamento1 067 mm
San Francisco cable car system.svg
Trasporto pubblico
Una linea dei Cable Car con alle spalle Alcatraz

I Cable Car di San Francisco (in inglese San Francisco Cable Car System, IPA: [sæn frənˈsɪskoʊ ˈkeɪbəl kɑr ˈsɪstəm]) sono la rete tranviaria a trazione funicolare che serve la città di San Francisco, ultima rete al mondo del suo genere.

La rete, considerata un'icona della città al pari del Golden Gate Bridge e di Alcatraz, è gestita dalla Muni e trasporta annualmente più di 6 milioni di persone, molte delle quali sono turisti.[2] Delle 23 linee attivate tra il 1873 e il 1890,[3] ne sopravvivono oggi soltanto tre, due collegano Union Square con il quartiere di Fisherman's Wharf mentre la terza si snoda lungo California Street. Nel 1966, la rete è stata inserita nel National Register of Historic Places.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Transit Ridership Report Fourth Quarter 2015 (PDF), su apta.com, American Public Transportation Association, p. 14. URL consultato il 17 febbraio 2017.
  2. ^ (EN) Paul Elias, San Francisco's iconic cable cars cost city millions of dollars in legal settlements, su yahoo.com, The Associated Press, 15 aprile 2013. URL consultato il 17 febbraio 2017.
  3. ^ (EN) The Eight Original San Francisco Cable Car Companies, su cablecarmuseum.org, Cable Car Museum. URL consultato il 17 febbraio 2017.
  4. ^ (EN) National Register Digital Assets: San Francisco Cable Car Companies, su npgallery.nps.gov, National Register of Historic Places. URL consultato il 17 febbraio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]