Bychaŭ

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bychaŭ
comune
(BE) Бы́хаў
Bychaŭ – Stemma Bychaŭ – Bandiera
Bychaŭ – Veduta
Localizzazione
StatoBielorussia Bielorussia
RegioneMahilëŭ
DistrettoBychaŭ
Territorio
Coordinate53°31′34″N 30°14′09″E / 53.526111°N 30.235833°E53.526111; 30.235833 (Bychaŭ)Coordinate: 53°31′34″N 30°14′09″E / 53.526111°N 30.235833°E53.526111; 30.235833 (Bychaŭ)
Altitudine155 m s.l.m.
Abitanti17 031 (2009)
Altre informazioni
Cod. postale213352 e 213353
Prefisso2231
Fuso orarioUTC+3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Bielorussia
Bychaŭ
Bychaŭ
Sito istituzionale

Bychaŭ (in bielorusso Бы́хаў) è un comune della Bielorussia, situato nella regione di Mahilëŭ.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Bychaŭ si trova a 44 km a sud di Mogilev (sul fiume Dnepr) e a 182 km a sud-est di Minsk.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La città venne fondata nel 1370. In origine era di proprietà di Švitrigaila (1370-1452), sovrano del Granducato di Lituania, dopo di che la città passò ai Goštautai. Nel 1542, passò ai Chodkiewicz e nel 1628 passò ai Sapieha. Durante il XVI-XVIII secolo, era il luogo dove gli artigiani più abili producevano cannoni[1], palle di cannone, proiettili e molto altro, senza i quali era semplicemente impossibile vivere nell'Europa del Medioevo.

Tra la fine del XVI e il XVII secolo la città venne trasformata in una fortezza. Terrapieni, fossati, bastioni chiudevano il territorio della città in un semicerchio, il cui lato orientale andava alla ripida sponda del Dnepr. Il castello di Bychaŭ divenne il centro della composizione dell'insediamento. La piazza divideva in due il territorio della città e fungeva da piazza d'armi per l'addestramento dei soldati del presidio della fortezza. La strada principale attraversava la piazza da nord a sud, che era chiusa dalle porte di ingresso di Mogilev e Rogachev-brahmas.

Nel 1702 durante la guerra civile lituana (1696-1702) la coalizione contro i Sapieha assediò la città che andò sotto il controllo del generale di artiglieria Krzysztof Kazimierz Sienicki. Durante la Guerre del Nord, quando Sienicki prese le parti del nuovo re, Stanislao Leszczyński, Bychaŭ fu preso dall'esercito russo dopo un lungo assedio (quasi un mese) e venne quasi tutta bruciata[2]. Nell'estate del 1706, sulla strada per Kiev, Pietro I visitò la città.

Durante la prima divisione del Commonwealth polacco-lituano nel 1772 Bychaŭ passò sotto il dominio russo, l'anno successivo fu registrata come città distrettuale.

Alla fine del XIX secolo, vivevano in città poco più di sei mila persone, principalmente bielorussi (3.077 persone) ed ebrei (3.036 persone). Dal 1902 Bychaŭ divenne un collegamento ferroviario. Dal 12 settembre al 20 novembre 1917, i partecipanti alla cospirazione di Kornilov, guidata da Lavr Georgievič Kornilov, si riunivano nell'edificio a due piani della palestra femminile.

Secondo il censimento del 1939, nella città vivevano 11.026 persone, di cui 6749 bielorussi (61,2%), 2295 ebrei (20,8%), 1354 russi (12,3%) e 552 ucraini (5%).

L'8 luglio 1941, le unità avanzate del 46 ° corpo motorizzato tedesco si avvicinò a Mogilev e, dopo il bombardamento della Luftwaffe, attaccarono la 172ª divisione di fanteria. Essendosi incuneate nella difesa della divisione, le unità tedesche persero almeno 40 carri armati, in relazione ai quali fermarono gli attacchi frontali e si diressero a nord di Škloŭ e vicino a Bychaŭ con l'obiettivo di aggirare e circondare la resistenza vicino a Mogilev[3].

Fino all'inizio degli anni '90, a Bychaŭ si trovavano una guarnigione dell'aviazione navale della flotta baltica e una base per i vettori missilistici Tu-16, che furono successivamente sostituiti da Tu-22M.

Attrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

  • Stazione ferroviaria: linea Mogilev-Zhlobin .
  • Autostrade: autostrade Mogilev-Gomel, Mogilev-Bobruisk

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bychaŭ Archiviato il 13 dicembre 2010 in Internet Archive
  2. ^ E. V. Tarle. Guerra del Nord e invasione svedese della Russia.
  3. ^ 172ª divisione di fanteria. Club "Memory" dell'Università statale di Voronež (11 agosto 2013). Estratto 9 luglio il 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316603065
Bielorussia Portale Bielorussia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Bielorussia