Škloŭ

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Škloŭ
comune
(BE) Шклоў
Škloŭ – Stemma
Škloŭ – Veduta
Localizzazione
StatoBielorussia Bielorussia
RegioneMahilëŭ
DistrettoŠkloŭ
Territorio
Coordinate54°12′30″N 30°17′13″E / 54.208333°N 30.286944°E54.208333; 30.286944 (Škloŭ)Coordinate: 54°12′30″N 30°17′13″E / 54.208333°N 30.286944°E54.208333; 30.286944 (Škloŭ)
Altitudine158 m s.l.m.
Abitanti16 439 (2009)
Altre informazioni
Cod. postale213010
Prefisso2239
Fuso orarioUTC+3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Bielorussia
Škloŭ
Škloŭ

Škloŭ (in bielorusso: Шклоў?, in russo: Шклов?, traslitterato: Šklov) è un comune della Bielorussia, situato nella regione di Mahilëŭ.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La città di Škloŭ è situata a 35 km (22 miglia) a nord di Mogilev sul fiume Dnepr e 182 km a nord-est di Minsk.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima menzione di Škloŭ risale al 1535. Tra il XVI-XVII secolo venne costruito il castello di Škloŭ su un'isola artificiale. Tra il 1654 e il 1664 la città venne travolta da due battaglie tra Russia e Repubblica delle Due Nazioni tanto che nel 1655 venne distrutta dai cosacchi.

Nel 1668 si decise di spostare il villaggio sulla riva destra del Dnepr. Durante la Grande Guerra del Nord, Škloŭ venne saccheggiato dagli svedesi del generale Lewenhaupt.

Le fu conferito lo status di città e uno stemma nel 1762. Nel 1773, Škloŭ passò nelle mani del principe Potëmkin, poi nel 1788 al generale Zorič, fondatore di un teatro, una scuola di danza e una scuola di musica. I soldati della Grande Armata di Napoleone invasero e saccheggiarono la città nel 1812.

Škloŭ era un importante centro religioso ebraico. Nel XVIII secolo venne costruita una yeshiva e divenne il centro del movimento Haskalah. Alla fine del XIX secolo, c'erano 5542 ebrei nella città. Gli ebrei commerciavano per vivere. Una dozzina di famiglie hanno lavorato nei kolchoz. Nel 1939, solo 2132 ebrei rimasero a Škloŭ. I tedeschi occuparono la città il 12 luglio 1941[1].

La prima esecuzione degli ebrei è avvenuta solo pochi giorni dopo l'occupazione. I tedeschi spararono a 25 uomini ebrei a Lenin Park. Alla fine di luglio 1941, furono istituiti due ghetti nel vicino villaggio di Ryzhkovichi. Nell'agosto 1941, gli Einsatzgruppen arrivarono in città e radunarono 84 ebrei con il pretesto di mandarli ai lavori forzati. In effetti, sono stati portati nel villaggio di Semyonovka e fucilati nel kolkhoz . Nel settembre 1941, gli ebrei furono portati in un burrone a Khoduly, tra i villaggi di Putniki e Zarechye. Hanno dovuto spogliarsi e sdraiarsi nel fosso prima di essere uccisi. Secondo fonti sovietiche, 3200 ebrei furono uccisi a Shklow e nel quartiere circostante[2]. Gli ebrei furono raccolti in un ghetto e circa 6.000 di loro vennero massacrati. La città venne liberata il 27 giugno 1944 dalla Secondo fronte bielorusso dell'Armata Rossa.

Alexander Lukashenko, presidente della Bielorussia dal 1994, ha ricoperto la carica di direttore dello stabilimento di materiali da costruzione a Škloŭ Raion prima di diventare gestore collettivo di una fattoria e poi passare alla politica[3].

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia della città si basa su tre stabilimenti industriali: la cartiera Spartak, un caseificio e un impianto di lavorazione del lino.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Škloŭ ha diversi edifici interessanti: un municipio del XVIII secolo, una chiesa ortodossa e una chiesa cattolica, una sinagoga (seconda della metà del XVII secolo), e un monumento ai soldati sovietici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Archived copy, su shtetle.co.il. URL consultato il 28 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2016).
  2. ^ Execution of Jews in Shklov, su Execution Site of Jewish Victims. URL consultato il 26 settembre 2017.
  3. ^ Profile: Alexander Lukashenko – BBC News, 9 January 2007. Retrieved 10 August 2007. Archiviato il December 20, 2006 Data nell'URL non combaciante: 20 dicembre 2006 in Internet Archive.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN261174935 · LCCN (ENn94065361 · WorldCat Identities (ENlccn-n94065361
Bielorussia Portale Bielorussia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Bielorussia